REWIND: il colorato edificio del municipio italiano prende nuova vita per raccontare una storia mai raccontata

“Non abbiamo bisogno di cambiare nulla o di metterlo sullo zucchero. È storia come è andata”, ha detto Elmarin Allen Bell, un membro del consiglio comunale italiano.

Italia, Texas – Ai margini dell’Italia, in Texas, su Williams Street, c’è un piccolo edificio di tronchi vecchio di decenni. Il suo esterno è semplice e senza pretese e sembra simile ad altre case nell’edificio.

Tuttavia, la sua storia è insolita ma in gran parte indescrivibile.

“Non è stato indicizzato da nessuna parte”, ha detto il consigliere comunale italiano Elmarin Allen Bell. “Non abbiamo alcuna storia scritta nei nostri libri di storia”.

Ma con il lavoro di Bell, il vecchio edificio ora ha una nuova vita, raccontando la propria storia e la storia di coloro che vi sono entrati.

Nel 1953, l’edificio è stato designato come il “municipio colorato” della città. L’Italia aveva una città con due sistemi di governo, due consigli comunali e due sindaci. Quando si sono svolte le elezioni, c’erano due schede elettorali.

Una città letteralmente divisa per etnia.

L’Italia era una tipica città del sud. È stato separato. Bill disse: “Non c’era elettricità in alcune parti di qui sulla collina.

“Hill” è il nome dato all’area in cui vive la maggior parte della comunità nera italiana. Nel corso degli anni, Bell ha raccolto cimeli e storie della vita sulla collina. Storie di servizio militare, piccole imprese, agricoltura e altro ancora. Si siedono tutti all’interno dell’edificio restaurato che un tempo era il colorato municipio e ora è un museo che racconta una storia raramente raccontata prima.

READ  John Rose Bellamy, principessa dell'avventurosa Birmania, muore all'età di 88 anni

In particolare, il museo onora il municipio originale che serviva il municipio colorato. Inizialmente iniziarono a incontrarsi alla fine degli anni ’40 come un modo per rappresentare la comunità nera, che alla fine portò alla creazione del proprio consiglio comunale.

Tuttavia, il Coloured City Council non aveva un potere reale e il sistema gli impediva di operare nel tradizionale consiglio comunale bianco poiché venivano prese decisioni importanti in merito a leggi, ordinanze e azioni cittadine.

Bell ha detto che il sistema inizialmente ha goduto del sostegno di entrambe le parti.

“I bianchi avevano paura dei neri, quindi avevano un motivo per sostenere il governo nero qui sulla collina”, ha detto Bill.

I resti del sistema a due governi erano ancora in vigore fino al 1975, quando la storia della WFAA conservata nella SMU Jones Film Library esaminò la vita sulla collina, una vita afflitta dalla povertà. Nella storia, i residenti neri vengono intervistati sulla storia del colorato municipio e una donna si lamenta di non poter avere un uomo o una donna di colore come sindaco tradizionale d’Italia.

Nel 1947 dissero che era una buona idea. Il giornalista della WFAA Paul Henderson ha detto nella storia: Nel 1975, hanno detto che era imbarazzante.

Ma oggi il sindaco d’Italia è nero. Bryant Cochran è cresciuto sulla collina e ha detto che sapeva anche poco delle storie colorate del municipio.

“Quando ho visto (la storia della WFAA), ero così nostalgico di vederlo”, ha detto Cochran. “Non riesco letteralmente a immaginare come funziona.”

L’edizione del 1951 di Ebony Magazine visitò l’Italia per fare la cronaca dei vivaci affari del consiglio comunale, ma vengono conservati pochissimi registri dei loro incontri e delle loro azioni. Il lavoro di Bell nel preservare, restaurare e raccogliere di recente la storia ha contribuito a garantire un file Commissione storica del Texas Un segno per un colorato municipio in Italia nell’ambito del programma “Undertold Stories” del comitato.

READ  Netflix lancia il trailer di Creepy Chiller "A Classic Horror Story"

Persino i membri della famiglia di John Farrow, il primo sindaco di Coloured City Hall, sono rimasti sbalorditi durante la loro prima visita al nuovo museo.

“Mi viene in mente orgoglioso”. La nipote di Farrow, Patricia Hall, ha detto: “Mi sento confusa perché non mi aspettavo di vedere molto”. Questa è la prova che puoi fare progressi, ma la parola progresso significa continuare. Per fare di più. Migliorare. “

Bell spera che altri saranno entusiasti di documentare la loro storia in modo che non vada perduta. E questa storia può plasmare il futuro.

“Incoraggio tutti ad annotare ciò che ricordi i tuoi antenati ti hanno detto. Non abbiamo bisogno di cambiare o ammorbidire nulla. È storia proprio come è accaduta.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *