Recensione dell’anno: rugby irlandese in subbuglio ma gli uomini di Farrell voltano pagina

È stato un anno ricco di eventi per il rugby irlandese con alti e bassi straordinari

L’ottimista potrebbe dire che i semi necessari per il cambiamento nel calcio femminile irlandese sono stati gettati e che tempi migliori dovrebbero arrivare.

Difficile immaginare come i rapporti tra le giocatrici e gli organi di governo possano, almeno in pubblico, essere molto peggiori di quanto non siano attualmente dopo un anno molto problematico per il calcio femminile.

Per decifrare tutto ciò che è successo, è meglio iniziare con l’ultimo colpo di scena. Il 17 dicembre, l’IRFU ha annunciato che lo farà Pubblica integralmente i contenuti di due revisioni in corso Avendo inizialmente pianificato di pubblicare pubblicamente solo i risultati selezionati.

Questo cambio di posizione è avvenuto poco dopo che 59 giocatori passati e presenti, inclusi i più grandi nomi nella storia del gioco femminile irlandese, hanno scritto al governo esprimendo una perdita di “ogni fiducia e fiducia” nell’IRFU.

In risposta, i ministri del governo hanno cercato un incontro con l’ITUC per discutere le questioni sollevate nella lettera.

La lettera e la successiva risposta sono il risultato di un rapido deterioramento del rapporto che ha raggiunto il suo culmine in numerose occasioni quest’anno.

Hanno sconfitto Scozia e Spagna e hanno visto l’Irlanda, che ha raggiunto le semifinali nel 2014, qualificarsi per la fase finale della Coppa del Mondo in Nuova Zelanda l’anno prossimo. A seguito di queste perdite, l’International Rugby Union ha annunciato una revisione dell’attuazione del Women’s Rugby Action Plan 2018-2023, che non ha raggiunto i suoi obiettivi principali, tra cui la qualificazione per l’Olympic Sevens, il piazzamento tra i primi sei alla Coppa del Mondo e il Titolo Sei Nazioni. stato raggiunto.

Inoltre, è stato emesso un ordine per rivedere la mancata qualificazione della squadra per il campionato 2023.

L'Irlanda dopo aver perso le qualificazioni ai Mondiali contro la Scozia
Una sconfitta all’ultimo minuto contro la Scozia ha messo fine alle speranze dell’Irlanda di qualificarsi per la Coppa del Mondo del prossimo anno

Questo è stato dopo che il consiglio di amministrazione ha condotto un’altra revisione delle condizioni che hanno visto i giocatori dell’Ulster e del Connacht Ho dovuto cambiarmi vicino ai bidoni della spazzatura? Prima della resa dei conti tra le province a settembre.

Segnali di rabbia e delusione tra i giocatori sono diventati più evidenti a novembre, quando il direttore del rugby femminile Anthony Eddy ha negato che la partita a 15 uomini fosse stata abbandonata a favore del programma a sette.

Diversi ex giocatori si sono espressi contro i commenti di Eddie, così come l’attuale membro della squadra Claudna Moloney, con molti dei suoi compagni di squadra che hanno mostrato offerte pubbliche di supporto.

Il nuovo anno inizierà anche con nuovi capitani, in seguito alla notizia che il capo allenatore Adam Greggs sarà sostituito da Greg McWilliams, ed è stato seguito dall’annuncio del capitano Ciara Griffin del suo improvviso ritiro all’età di 27 anni quando l’Irlanda ha concluso l’anno con una vittoria autunnale sulla stagione. Stati Uniti e Giappone.

Griffin è stato tra i giocatori che hanno firmato la lettera ai ministri del governo e diversi giocatori esistenti hanno anche aggiunto i loro nomi all’elenco dei firmatari.

Sia i giocatori che i fan sperano, se non altro, che affrontando i problemi emersi nel 2021 possano garantire alle squadre future momenti più felici.

La squadra maschile sta entrando nel nuovo anno con la primavera in movimento

Le cose sembrano più rosee per la squadra maschile, che sta entrando nel 2022 in cima a un’onda dopo aver spazzato via la serie di test autunnali, in particolare la vittoria sulla Nuova Zelanda.

Quando gli All Blacks sono arrivati ​​a Dublino a metà novembre, c’era un’eccitazione iniziale e sussurrante che l’Irlanda potesse aver acquisito abbastanza potere per guidare la squadra numero uno al mondo.

Quell’occasione, come Tanto memorabile in termini di atmosfera quanto in termini di prestazioni, Sembrava un po’ di scienza sul campo per Andy Farrell.

Quando è iniziato il 2021, le cose non erano così rosee nel prato verde. La giuria era ancora fuori sull’idoneità di Farrell come capo allenatore dopo che il primo anno ha prodotto risultati e prestazioni tiepidi.

Le sconfitte consecutive nel Campionato Sei Nazioni contro Galles e Francia sono iniziate quest’anno e il malessere dell’ultima stagione di Joe Schmidt al timone sembrava essere di nuovo scemato.

offerta record di Sexton contro il Giappone
Johnny Sexton ha segnato un tentativo nella sua 100esima presenza in nazionale con l’Irlanda nella vittoria sul Giappone a novembre

Dopodiché, iniziò lentamente a fare clic. Il fatto che la prossima missione dell’Irlanda fosse contro la stagnante parte italiana ha certamente contribuito a fornire una spinta morale.

Hanno portato la fiducia derivata da una vittoria schiacciante a Roma a Murrayfield, dove un crollo tardivo alla testa di un’opposizione pericolosa ha minacciato di dare una spinta allo slancio di breve durata dell’Irlanda. Ma la squadra di Farrell ha riorganizzato il livello dei risultati, prendendo un rigore che Johnny Sexton ha trasformato nel punteggio vincente.

Due vittorie in tasca e all’improvviso tutto sembrava più promettente. Poi viene l’Inghilterra, che ha battuto l’Irlanda negli ultimi quattro incontri, ma è arrivata all’Aviva Stadium lo scorso marzo e ha incontrato una squadra che sentiva di avere un punto per dimostrare di aver perso la battaglia fisica negli ultimi incontri.

Irlanda La vittoria era certa Ed è stato consegnato nel modo espansivo che Farrell aveva immaginato quando ha assunto per la prima volta l’incarico.

Le vittorie estive su Giappone e Stati Uniti sono state seguite da una squadra giovane, prima di cementare la tripletta autunnale contro Giappone, Nuova Zelanda e Argentina Quello che i fan irlandesi avevano osato credere dopo la fine del Sei Nazioni: che le difficoltà nella traduzione Il sistema in campo sembrava avere problemi piuttosto che non la capacità di produrre un tale stile di rugby.

A consolidare le loro vittorie e ad affermarsi tra le migliori squadre è il 2022 Ireland Brief, che inizia in casa contro il Galles il 5 febbraio.

Il Leinster è ancora avanti mentre altre contee cercano l’argenteria

Una familiare tonalità di blu domina la storia delle contee nel 2021.

Sette partite nella stagione inaugurale del Rugby United Championships, il Leinster è arrivato primo e intende rimanere lì per il prossimo futuro.

Per tutto l’anno hanno continuato a essere la forza dominante nel rugby irlandese, Battere Munster nella finale Pro14 Vincere lo scudetto per il quarto anno consecutivo.

La provincia orientale non ha avuto tutto a modo suo e si è trovata a subire il tipo di dominio fisico che era solito infliggere agli altri quando il nemico familiare Ronan O’Gara La Rochelle li ha sconfitti nella semifinale di Coppa dei Campioni -finale.

È stata una stagione senza titolo per le altre tre contee, ma hanno comunque regalato momenti memorabili ai loro sostenitori.

Devin Toner di Leinster tiene alto il trofeo Pro14
Il Leinster ha battuto Monster a marzo e si è aggiudicato il quarto titolo Pro14 consecutivo

In effetti, il Connacht ha iniziato l’anno con una superba vittoria sul Leinster a Dublino che ha terminato imbattuto 26 partite in campionato. Konnacht si è affermata da tempo come una squadra in grado di produrre tale eccellenza, ma farlo regolarmente è il prossimo passo nell’evoluzione della wildcard all’URC.

Monster si ritroverà presto sotto una nuova gestione con il duo di allenatori Johan van Graan e Stephen Larkham che lasceranno il club in estate, dopo aver raggiunto ancora una volta la fine della stagione senza avere argenti da offrire.

Stesso discorso per l’Ulster, che continua ad aspettare il trofeo. Comprensibilmente, la contea del nord era sconvolta dal fatto che la loro breve stagione Pro14 li abbia visti perdere una vittoria nei playoff nonostante abbiano perso solo due delle loro 16 partite.

Ciò che pungerà molto di più con esso è come il loro La campagna della European Challenge Cup è terminata. La squadra di Dan MacFarland era a 40 minuti dall’inizio della finale di Twickenham dopo aver aperto un vantaggio di 11 punti su Leicester, ma i Tigers sono tornati ancora una volta per rivendicare l’ultimo posto e lasciare l’Ulster a pensare a una quindicesima stagione senza titolo.

Nonostante la delusione, si allargano le speranze per la provincia settentrionale. Le vittorie europee consecutive e una rara vittoria sul Leinster a Dublino hanno dato ai fan dell’Ulster un vero motivo di ottimismo mentre si avviano al nuovo anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *