Ratko Mladic, “macellaio bosniaco”, perde l’appello contro la condanna per genocidio | Ratko Mladic

Ratko MladicL’ex leader serbo-bosniaco, soprannominato il “Macellaio di Bosnia”, passerà il resto della sua vita in carcere dopo che un tribunale delle Nazioni Unite ha respinto il suo appello finale contro le condanne per genocidio e crimini contro l’umanità, in una sentenza definita “storica” ​​dal Casa Bianca.

Contrariamente alle precedenti apparizioni al Tribunale penale internazionale per l’ex Jugoslavia (ICTY) all’Aia, il 78enne ha mostrato poca emozione quando una lettura del verdetto durata un’ora ha posto fine ai tentativi di far archiviare le accuse contro di lui .

Indossa un abito nero e una cravatta celeste, giovanotto Accigliato, si è seduto sulla sua sedia con il mento sulla mano mentre ascoltava il rigetto di ogni appello che aveva presentato contro 10 condanne tra cui genocidio, trasferimento forzato, terrorismo, presa di ostaggi e attacchi illegali ai civili. Era l’unica persona in campo che non indossava una maschera.

Per i commenti finali del presidente del tribunale, Priska Matemba Nyambe, giovanotto Si alzò e chinò il capo circondato da due guardie. Gli ha detto che il ricorso è stato respinto “nella sua interezza” e la condanna a vita è stata confermata.

Le uniche parole di Mladic durante l’udienza sono state la risposta “Sì, posso” quando gli è stato chiesto se fosse in grado di portare avanti il ​​procedimento. C’era uno strano tremito nella sua testa, ma il comportamento di Mladic era in netto contrasto con la sua ultima apparizione durante la condanna originale del 2017, in cui gridava “Sono tutte bugie” e “Vado a scopare tua madre”, come parenti delle sue vittime incombeva su di lui.

Poco dopo la sentenza, Joe Biden lo ha definito un momento di speranza.

READ  Le milizie sostenute dall'Iran in Iraq si sono divise sulla decisione degli Stati Uniti di "ritirare" le proprie forze

“Questa sentenza storica dimostra che coloro che commettono crimini orribili saranno ritenuti responsabili”, ha affermato il presidente degli Stati Uniti. Rafforza inoltre la nostra comune determinazione a prevenire future atrocità in qualsiasi parte del mondo.

“I miei pensieri oggi sono con tutte le famiglie sopravvissute delle numerose vittime delle atrocità di Mladic. Non potremo mai cancellare la tragedia della loro morte, ma spero che la sentenza di oggi fornisca un po’ di conforto a tutti coloro che sono in lutto”.

Dominic Raab, ministro degli esteri del Regno Unito, ha affermato che la sentenza “ha contribuito a rompere l’impunità per i peggiori crimini internazionali che si possano immaginare”.

Mladic si unirà ora al suo ex maestro politico, l’ex presidente serbo-bosniaco Radovan Karadzic, per scontare l’ergastolo come artefice chiave della pulizia etnica e della guerra civile che hanno seguito la dissoluzione della Jugoslavia nei primi anni ’90.

Ha distorto la sentenza della Camera d’Appello per i sopravvissuti e i parenti delle vittime che si erano riuniti fuori dalla Corte se non per la decisione di Nyambe, un giudice dello Zambia, di opporsi alla decisione a maggioranza dei giudici del Five Circuit che respinge un gruppo giovanottoRivendicazioni del capitolo.

Il marito di Munira Subacic, Helmo, e suo figlio di 17 anni, Nermin, sono stati uccisi nel genocidio di Srebrenica. Ha perso 22 membri della sua famiglia allargata ed è ora presidente dell’Organizzazione delle madri di Srebrenica.

“Personalmente, credo che la giustizia abbia vinto, anche se ovviamente noi come vittime non eravamo completamente soddisfatti”, ha detto Subacic dopo il verdetto. Questa vittoria non è solo per noi ma per tutte le mamme della Bosnia ed Erzegovina, che siano serbe o bosgnacche [Bosnian Muslims] o croato. Ogni madre soffre”.

READ  Le forze statunitensi attaccano in Siria dopo attacchi aerei su gruppi armati | Notizie di conflitto

Quando le è stato chiesto dell’opposizione di Nyambe, ha detto: “Credo semplicemente che le donne siano qui per partorire, creare e rendere il mondo un posto migliore. Ma oggi ho visto le parole di una donna – non so se lei è una madre o no – che ha molte opinioni dissenzienti, nonostante il mondo intero sappia cosa è successo lì.Quindi ho sentito una certa ostilità e mi sono chiesto se fosse possibile per una donna mostrare questa mancanza di comprensione .”

La Corte ha respinto il tentativo dell’accusa di aggiungere una seconda condanna per genocidio ai crimini di Mladic relativi ai presunti crimini in specifici comuni della Bosnia-Erzegovina, poiché è stato affermato che vi erano ragionevoli dubbi sull’intento.

Il verdetto è stato definitivo, tuttavia, secondo cui l’ex leader serbo, latitante per più di un decennio prima di essere perseguito dalla giustizia nel 2011, ha svolto un ruolo di primo piano nei tentativi di espellere definitivamente i musulmani bosniaci e i croati bosniaci dalla Bosnia. Erzegovina tra il maggio 1992 e il novembre 1995 diffondendo il terrore tra la popolazione civile mediante cecchini e bombardamenti.

La corte ha affermato che faceva parte di un’impresa criminale che cercava di eliminare i musulmani bosniaci a Srebrenica, nel primo genocidio in Europa dalla seconda guerra mondiale. Tra l’11 luglio 1995 e “almeno” ottobre 1995, il suo intento era quello di uccidere uomini e ragazzi ed espellere con la forza donne, bambini e alcuni anziani.

Circa 8.000 persone sono state uccise, la maggior parte portate via in autobus, messe in fila e fucilate, ei loro corpi gettati in fosse comuni. Durante il processo originale, i pubblici ministeri hanno mostrato filmati di Mladic sulla scena mentre gli uomini e i ragazzi erano separati dalle loro famiglie. era sotto giovanottoLa Camera d’Appello ha aggiunto che l’ordine era che il personale delle Nazioni Unite fosse preso in ostaggio e collocato in posizioni militari strategiche per impedire alla NATO di lanciare attacchi aerei.

READ  La madre di Kunun Shaman, Jacob Chansley, difende suo figlio e ribadisce le teorie del complotto elettorale

“È una sentenza definitiva e ovviamente molto importante, perché simboleggia, più di chiunque altro, i crimini di guerra commessi, l’odio e la sofferenza umana”, ha affermato Serge Brammertz, ex pubblico ministero presso il tribunale per i crimini di guerra dell’Aia. che ha supervisionato l’arresto e il perseguimento di Mladic 14 anni dopo la fuga. “È sicuramente un momento molto importante per il campo per la mia squadra, ma è un momento molto importante per i sopravvissuti e le vittime”.

Brammertz, ora procuratore capo presso il Meccanismo residuo internazionale per i tribunali penali delle Nazioni Unite, ha affermato di aspettarsi opinioni dissenzienti dal giudice Nyambe, date le sue opinioni espresse in casi precedenti. Ma ha aggiunto: “Quello che conta oggi è che la stragrande maggioranza dei giudici ha confermato tutte le condanne in primo grado e, nella loro interezza, ha respinto il ricorso della difesa”.

Ha detto che il nome di Mladic “dovrebbe essere inserito nella lista delle figure più corrotte e barbare della storia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *