rapporto speciale? L’Afghanistan ha rivelato quanto sia diventato irrilevante il Regno Unito | Peter Ricketts

TGli attacchi terroristici dell’11 settembre hanno spinto gli Stati Uniti e il Regno Unito in un periodo di partenariato per la sicurezza più intenso di qualsiasi altro evento dalla seconda guerra mondiale. Tony Blair è stato il primo leader mondiale Visita Ground Zero in New York. Lui e George Bush condividevano la stessa fervente convinzione che la portata dell’atrocità avesse creato una nuova realtà.

Entrambi hanno visto la “guerra al terrore” come una lotta ideologica per i valori che avrebbero plasmato il nuovo secolo. Questa convinzione ha spinto Blair a offrirsi volontario per la Gran Bretagna come primo paese leader nella missione NATO Afghanistan alla fine del 2001.

Dopo 20 anni di spietata azione militare, in cui il Regno Unito ha fornito il maggior numero di truppe dopo gli Stati Uniti e ha avuto il secondo maggior numero di morti in combattimento, Londra non ha avuto assolutamente alcun ruolo nelle decisioni americane che hanno portato a finale caotico all’operazione NATO. Boris Johnson è stato deviato sulla richiesta di Joe Biden attraverso i media per qualche giorno in più per completare il ritiro. Il fatto che fosse appartamento rifiutato Ha esposto all’opinione pubblica la misura in cui l’influenza britannica a Washington era diminuita da allora…spalla a spallaGiorni del 2001.

Molto di questo è dovuto a un’America che cambia. Per decenni, gli Stati Uniti hanno condotto operazioni internazionali di gestione delle crisi. Sembra essere l’ordine naturale delle cose. Noi europei abbiamo lottato per tre anni negli anni ’90 per fermare la pulizia etnica della Bosnia, ma è stato solo quando il presidente Bill Clinton ha schierato il presidente serbo Slobodan Milosevic che il presidente Bill Clinton ha schierato i muscoli diplomatici e la potenza di fuoco militare degli Stati Uniti. Approvato Dayton Peace Compromise nel 1995. Lo stesso schema è stato ripetuto in Kosovo nel 1998-99.

Ma poi, gli Stati Uniti hanno condotto gli alleati nel pantano dell’Iraq e nell’eterna guerra in Afghanistan, che ha decisamente rivolto l’opinione americana contro il dispiegamento di forze americane per risolvere i problemi del mondo. Le implicazioni mi sono diventate molto chiare quando mi sono unito a lui, come consigliere per la sicurezza nazionale di David Cameron nel 2011, su una chiamata di Barack Obama che ci diceva che gli Stati Uniti avrebbero preso Sedile posteriore Nella campagna aerea della NATO in Libia. Obama ha chiarito che questa non era la lotta dell’America, quindi si aspettava che la Gran Bretagna e la Francia fossero in testa. Sapevo allora che questo rappresentava un cambiamento fondamentale nelle priorità di sicurezza degli Stati Uniti.

Da quel momento in poi, gli Stati Uniti hanno ripiegato sulla leadership internazionale. Obama ha scelto di non partecipare in alcun ruolo nel contenere la guerra civile in Repubblica Araba Siriana. Donald Trump ha effettivamente deciso il destino del governo afghano negoziando alle loro spalle in modo cinico Accordo di recesso Con i talebani nel 2020. Biden avrebbe potuto rivedere questo accordo per aumentare le possibilità di una consegna ordinata. Invece, è rimasto fedele e, di conseguenza, passerà alla storia come il presidente della peggiore umiliazione militare americana dal Vietnam nel 1975.

Il Regno Unito non ha avuto meno influenza degli altri alleati degli Stati Uniti su queste decisioni disastrose. Ma il segnale della mancata consultazione degli Stati Uniti con i propri alleati ha implicazioni più gravi per il Regno Unito perché il fulcro della politica estera britannica per decenni è stata la richiesta di un rapporto privilegiato con Washington.

Questa è sempre stata una partnership che contava più a Londra che a Washington. L’unilateralismo americano non è una novità. Come segretario privato di Jeffrey Howe nel 1983, ho visto la costernazione di Margaret Thatcher quando il Segretario di Stato le ha detto che il presidente Ronald Reagan aveva inviato dei marines sulle coste di un’isola caraibica. Grenada Per sopprimere la rivolta, senza consultarli, sebbene questo fosse un paese del Commonwealth con la regina come capo di stato.

Questa forte tempesta si dissipò presto, sminuita dalla portata degli interessi comuni tra gli Stati Uniti e il Regno Unito. Sebbene gli americani fossero sempre stati indifferenti alla relazione, apprezzavano la Gran Bretagna per ciò che aveva contribuito, in particolare, forze militari capaci e la volontà di usarle, combinate con l’abilità diplomatica e l’abilità di intelligence di livello mondiale.

Queste risorse continueranno ad essere importanti poiché entrambi i paesi affrontano un’ampia gamma di minacce provenienti da potenze ostili. Ma la scomoda verità per i politici londinesi è che la Gran Bretagna è diventata sempre meno utile come alleata dell’America, in un’era in cui la sicurezza europea ha lasciato il posto al confronto con la Cina come priorità assoluta per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Il fatto che la Gran Bretagna non sia più al tavolo dell’UE diminuisce ulteriormente il rapporto di Londra con la politica estera degli Stati Uniti.

Questo è il punto cruciale del problema che deve affrontare il governo Johnson. La premessa centrale dell’argomento della Brexit era che sciogliere le catene dell’UE avrebbe lasciato la Gran Bretagna libera di beneficiare della sua associazione con Washington e di raccogliere i benefici commerciali. Tutto questo ora si è trasformato in un miraggio. L’internazionalismo di Biden è stato ipervenduto.

Nessuno si aspettava questa brutalità. Gli alleati dell’America si stanno rendendo conto del fatto che Biden, nonostante tutta la retorica “America è tornata”, è motivato principalmente dall’imperativo interno di governare la sua nazione polarizzata. Lavorerà con gli alleati, ma con ferrea determinazione per servire gli interessi nazionali degli Stati Uniti.

Il ruolo autoproclamato della Gran Bretagna come il più vicino partner per la sicurezza di Washington non è mai stato confortante. Ma, insieme a un ruolo influente in Europa, ha dato uno scopo e una forma alla politica estera britannica. E ora “Global Britain” è emersa come una nave alla deriva senza bussola, un emblema piuttosto che una strategia.

Il La nuova Carta Atlantica La firma di Johnson e Biden a giugno porta parole che elevano gli impegni condivisi dei due paesi per mantenere la sicurezza collettiva e la stabilità internazionale. Ma la verità è che l’influenza nella Washington di Biden deve essere acquisita attraverso le azioni, non le parole.

Un buon punto di partenza potrebbe essere che i ministri britannici di alto livello si lancino nell’arduo compito di elaborare un consenso su un obiettivo più rigoroso di riduzione del carbonio da adottare alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici a Glasgow, che è ora tra nove settimane. Un risultato positivo dimostrerà che la Gran Bretagna è tornata ad essere un attore internazionale attivo nella risoluzione dei problemi.

All’indomani della debacle in Afghanistan, è tempo di liberarsi dalle illusioni dell’eccezionalismo britannico e, cinque anni dopo, quando la Gran Bretagna era effettivamente fuori onda in termini di politica estera, di concentrarsi sul fare la differenza su alcune priorità chiave.

READ  La donna che porta a spasso il cane che ha morso Freddy Seal è l'avvocato supremo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *