Raisi intende puntare sull’economia e sul nucleare, notizie dal mondo

Ebrahim Raisi, il conservatore intransigente dell’Iran, sarà inaugurato martedì come nuovo presidente della Repubblica islamica, un paese impantanato in una profonda crisi economica e colpito dalle paralizzanti sanzioni statunitensi.

Sostituisce il presidente moderato Hassan Rouhani, il cui traguardo storico è stato l’accordo nucleare del 2015 tra l’Iran e sei potenze mondiali.

Raisi, 60 anni, dovrà affrontare i colloqui sul nucleare volti a rilanciare l’accordo dal quale gli Stati Uniti si sono ritirati unilateralmente.

Due giorni dopo l’insediamento del leader supremo della Repubblica islamica, l’ayatollah Ali Khamenei, martedì, i miei due capi presteranno giuramento davanti al parlamento.

Ha vinto le elezioni di giugno quando più della metà dell’elettorato era assente dopo che a diversi esponenti politici di spicco è stato impedito di candidarsi.

Raisi è stato criticato dall’Occidente per i suoi diritti umani.

I problemi economici dell’Iran, esacerbati dalle sanzioni statunitensi, saranno la sfida più grande del nuovo presidente, secondo Clement Therm, ricercatore presso l’Istituto universitario europeo in Italia.

“Il suo obiettivo principale sarà quello di migliorare la situazione economica rafforzando le relazioni economiche della Repubblica islamica con i paesi vicini”, ha detto Therm all’Afp.

“L’obiettivo è costruire un modello di business che protegga la crescita economica dell’Iran dalle politiche e dalle decisioni statunitensi”.

Therm ritiene che la priorità principale di Raisi sarà quella di “rimuovere le sanzioni statunitensi” in modo che l’Iran possa aumentare il commercio con i suoi vicini e paesi non occidentali come Cina e Russia.

L’accordo del 2015 ha visto l’Iran accettare limiti alle sue capacità nucleari in cambio di sanzioni.

Ma l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump si è ritirato unilateralmente dall’accordo dopo tre anni e ha nuovamente inasprito le sanzioni, spingendo Teheran a rinunciare alla maggior parte dei suoi impegni nucleari.

READ  La storia di Alora Ambiance

Leggi anche | Blinken: i colloqui sul nucleare con l’Iran “non possono andare avanti all’infinito”

Il successore di Trump, Joe Biden, ha indicato la sua disponibilità a tornare all’accordo e ha avviato negoziati indiretti con l’Iran insieme a colloqui formali con le restanti parti dell’accordo: Gran Bretagna, Cina, Francia, Germania e Russia.

Difficoltà economiche

Le sanzioni statunitensi hanno soffocato l’Iran, anche cercando di fermare le sue esportazioni di petrolio, e l’economia si è ridotta di oltre il 6% nel 2018 e nel 2019.

Questo è stato un duro colpo per Rouhani, che aveva sperato di liberalizzare l’economia e sviluppare il settore privato.

Nell’inverno 2017-2018, e di nuovo nel 2019, il paese è stato scosso da proteste di piazza per problemi economici.

E nel luglio di quest’anno, i manifestanti nella provincia del Khuzestan, ricca di petrolio e colpita dalla siccità, sono scesi in piazza per esprimere la loro rabbia.

La crisi economica è stata esacerbata dalla pandemia di coronavirus, che ha lasciato molti iraniani in difficoltà per sopravvivere.

L’economista riformista iraniano Saeed Laylaz ha affermato che il presidente uscente è stato “perfetto” nel suo approccio all’Occidente.

“Rouhani credeva che sarebbe stato in grado di risolvere rapidamente tutti i problemi del paese”, ha detto Laylaz, che è stato consigliere dei presidenti iraniani.

Lilas pensa che Raisi sceglierà una strada diversa.

Dopo la sua elezione, Raisi ha chiarito che la sua principale politica estera sarà quella di migliorare i rapporti con i paesi della regione.

A metà luglio, Rouhani ha affermato di sperare che il suo successore potesse raggiungere un accordo per revocare le sanzioni statunitensi e concludere i colloqui sul nucleare.

READ  Euro 2020: alcune scuole consentono ai bambini di iniziare la partita in ritardo lunedì dopo la finale dell'Inghilterra contro l'Italia, tra le chiamate per un giorno festivo | Notizie dal Regno Unito

Ma Khamenei, che martedì presiederà una grande inaugurazione, e le sue ultime parole sugli affari politici, ha messo in guardia contro la fiducia nell’Occidente.

colloqui sul nucleare

Lo stesso Raisi ha già detto che non negozierà con le altre parti dell’accordo nucleare, e indirettamente con gli Stati Uniti, solo per amore di trattative.

Ha detto che il suo governo sosterrà colloqui che “garantiscano gli interessi nazionali”.

Tra aprile e giugno si sono svolti a Vienna sei round di colloqui sul nucleare tra l’Iran e le potenze mondiali. L’ultimo round si è concluso il 20 giugno e non è stata fissata un’altra data.

Funzionari a Teheran hanno detto che non ci sarebbero stati nuovi colloqui fino a quando Raisi non sarebbe entrato in carica.

Secondo Therm, la nuova amministrazione di Teheran, dove il campo conservatore diffida profondamente degli Stati Uniti, non è disposta a fare pressioni.

Ha detto che Teheran ha la volontà “di mostrare alla parte americana che non c’è bisogno urgente di un rapido compromesso”.

Termeh ha aggiunto che il nuovo governo vuole anche dimostrare “che può fare un accordo migliore del precedente”.

Secondo Lilaz, il futuro dell’accordo nucleare sarà uno dei fattori che influenzeranno le sorti dell’economia.

“Se l’Iran annuncia la sua intenzione di non continuare i negoziati, le sanzioni rimarranno”, ha detto.

Ma si aspetta anche che Washington e Teheran raggiungano un compromesso. “Iran e Stati Uniti non possono continuare con lo status quo”, ha detto Lilaz.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *