Raggiunto un accordo per liberare una nave che ha bloccato il Canale di Suez Notizie di economia e commercio

Mercoledì a Ismailia, in Egitto, è stato firmato un accordo tra l’Autorità del Canale di Suez e i proprietari della Ever Geffen Company.

L’Autorità del Canale di Suez ha dichiarato di aver raggiunto un accordo per risolvere una controversia finanziaria con i proprietari di un’enorme nave portacontainer che ha chiuso la vitale via d’acqua in Egitto per circa una settimana all’inizio di quest’anno.

L’autorità non ha rivelato i dettagli dell’accordo transattivo con Shui Keisen Kaisha Co., Ltd., il proprietario giapponese della Ever Given Company. Ha detto che l’accordo sarà firmato mercoledì durante una cerimonia a Ismailia, nel Canale di Suez.

Ha aggiunto che anche la nave verrà rilasciata mercoledì.

“Saranno fatti i preparativi per il rilascio della nave e un evento che segnerà l’accordo si terrà presso la sede dell’autorità a Ismailia a tempo debito”, ha detto Vaz Bir Muhammad di Stan Marine, che rappresenta il proprietario Shwe Kesen e le sue compagnie di assicurazione. una dichiarazione. Domenica, senza fornire i dettagli dell’insediamento.

Il capo dell’Autorità egiziana del Canale di Suez, Osama Rabie, ha dichiarato il mese scorso che le due parti avevano concordato un importo di risarcimento. Ma ha detto che non sarebbe stato annunciato perché avevano firmato un accordo di non divulgazione fino alla firma del contratto definitivo.

Ha detto che il canale riceverà un rimorchiatore con una capacità di circa 75 tonnellate come parte dell’insediamento, senza fornire altri dettagli.

“Abbiamo preservato in pieno i diritti dell’autorità e abbiamo mantenuto i nostri rapporti con l’azienda e le relazioni politiche con il Giappone”, ha detto domenica sera a un canale televisivo privato.

Dai la colpa al commercio

La nave si è arenata nell’unico corso del canale il 23 marzo prima di essere estratta sei giorni dopo dopo un massiccio tentativo di salvataggio da parte di una flotta di rimorchiatori.

READ  “È un vero onore”: Karen Jean-Pierre fa la storia in una conferenza stampa alla Casa Bianca | Joe Biden

Dal suo rilascio, il 29 marzo, le autorità hanno ordinato alla nave di proprietà giapponese battente bandiera panamense, che trasporta merci tra l’Asia e l’Europa, di rimanere in un lago intrappolato nel mezzo del canale, insieme alla maggior parte del suo equipaggio. Le due parti hanno negoziato un accordo.

La vertenza verteva sull’importo del risarcimento richiesto dall’Autorità del Canale di Suez in cambio del salvataggio della nave.

I soldi copriranno il salvataggio, i costi del traffico del canale interrotto e le tasse di transito perse per la settimana in cui Ever Given ha chiuso il canale.

Inizialmente, l’Autorità del Canale di Suez ha chiesto un risarcimento di $ 916 milioni, che è stato successivamente ridotto a $ 550 milioni.

Entrambe le parti hanno accusato l’incaglio della nave, il maltempo, le decisioni sbagliate da parte delle autorità del canale e l’errore umano e tecnico che sono stati suggeriti come possibili fattori.

Il divieto di sei giorni ha interrotto le spedizioni globali. Centinaia di navi hanno aspettato sul posto l’apertura del canale, mentre alcune hanno dovuto prendere il percorso molto più lungo intorno al Capo di Buona Speranza, all’estremità meridionale dell’Africa, che ha richiesto carburante aggiuntivo e altri costi.

Rabie ha affermato che il canale ha generato 3 miliardi di dollari di entrate nei primi sei mesi del 2021, un aumento dell’8,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, nonostante l’incidente di Ever Geffen.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *