Rabbia mentre Boebert si riferisce alla “squadra jihadista” nella controversia sul video repubblicano che descrive l’omicidio di AOC

Lauren Poubert si è riferito a Ilhan Omar come “un membro della squadra jihadista del Minnesota” durante un dibattito alla Camera mercoledì.

La signora Boebert ha affrontato pesanti critiche sui social media per un commento infiammatorio durante un dibattito sull’opportunità o meno di incolpare Paul Gosar per aver pubblicato una clip dell’anime raffigurante l’omicidio di Alexandria Ocasio-Cortez.

Poebert ha anche pubblicato una distorsione infondata secondo cui Omar aveva pagato $ 1 milione in denaro per la campagna a “suo marito, non a suo marito, ma al marito dell’altro”.

“Mentre insulta i suoi colleghi e scatena il suo razzismo, la gente del suo distretto sta lottando per sopravvivere”, ha scritto Donald Valdez, un democratico in corsa per rimuovere Poubert nel terzo distretto congressuale del Colorado.

“In che modo Lauren Poubert è un membro del Congresso?” ha detto Bakary Sellers, un ex membro del Congresso della Carolina del Sud.

Un’altra persona ha scritto su Twitter: “Questo è razzista e disgustoso”.

“Semplicemente non ci sono parole per Boebert. Non vale niente, e non ho voglia di provarci”, ha detto SE Cupp, un collaboratore e conduttore della CNN.

“Solo un coglione”, ha detto il giornalista dell’Huffington Post Christopher Mathias.

Aaron Robar, un giornalista che segue l’estremismo di destra, ha dichiarato: “Oggi è stato un buon promemoria delle conseguenze che un’acquisizione da parte del GOP di una o entrambe le camere del Congresso può avere dopo le elezioni di medio termine.

READ  Un uomo lascia due milioni di euro per un famoso villaggio francese per proteggerlo dalla persecuzione nazista

“Questo è un partito disfunzionale, pericoloso, fanatico che non può essere riformato”.

Band è un termine usato per descrivere i membri della minoranza progressista del Partito Democratico alla Camera dei Rappresentanti, tra cui la signora Omar, la signora Ocasio-Cortez, Ayanna Pressley e Rashida Tlaib.

Martedì, l’FBI ha fatto irruzione nella casa di Tina Peters, l’ex manager della campagna di Pubert.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *