Questa email spiega Apple – TechCrunch

Un’e-mail online è stata inviata come parte del rilascio di documenti relativi alla causa dell’App Store di Apple intentata da Epic Games. Amo questa e-mail per molte ragioni, non ultima delle quali è possibile estrapolare da essa le stesse ragioni per cui Apple è stata una forza vitale nel settore negli ultimi dieci anni.

Il succo è che Bertrand Serlett, Senior Vice President di Software Engineering, ha inviato un’e-mail nell’ottobre del 2007, appena tre mesi dopo il lancio dell’iPhone. Nell’e-mail, Serlet delinea sostanzialmente tutte le funzionalità principali dell’App Store di Apple: un’azienda che ha portato un file 64 miliardi di dollari Nel 2020. Soprattutto, ha permesso di lanciare e sfruttare innumerevoli startup e giganti online basati su app native per iPhone.

Quarantacinque minuti dopo l’inizio dell’e-mail, Steve Jobs ha risposto a Sirlete e al team leader di iPhone Scott Forstell, dal suo iPhone, “Certo, purché possiamo distribuirlo completamente al Macworld il 15 gennaio 2008”.

La Apple University dovrebbe avere un corso dedicato a questa email.

Qui, è stato condiviso da un account che mi piace, Inside Tech Emails, su Twitter. Se gestisci l’account, fammelo sapere e sarò felice di aggiungere altro credito per te qui se lo desideri:

Innanzitutto, abbiamo il diagramma di Serlet. Sono sette frasi che definiscono i principi di base dell’App Store. Protezione dell’utente, protezione della rete, sistema di sviluppo proprietario e approccio API sostenibile. C’è una richiesta diretta di risorse – qualunque cosa di cui abbiamo bisogno nell’ingegneria del software – per spedirle il più rapidamente possibile.

Ha anche una domanda chiara in fondo: “Sei d’accordo con questi obiettivi?”

READ  La semplice pulizia di cinque giorni da seguire ora per ripristinare il tuo corpo e sentirti meglio entro la prossima settimana

Nelle istruzioni sono inclusi dettagli sufficienti per consentire al lettore informato di dedurre l’ambito di lavoro e le ore di lavoro. E in nessun momento durante questa email Serlet include un file oncia A partire dal giustificazione per queste scelte. Questo è il quadro ovvio e necessario, a suo avviso, per realizzare il lancio dell’SDK per gli sviluppatori di iPhone.

Non esiste una logica generale data per ogni articolo, qualcosa che è spesso superfluo in un contesto informato e può spesso essere un bagaglio psicologico che invia una delle due cose:

  1. Non credi che il leader che selezioni per il progetto sappia di cosa diavolo stanno parlando.
  2. Non ci credi e stai ancora cercando di convincerti.

Nessuno di questi due approcci è il più saggio per fornire un ambito di lavoro iniziale. C’è molto tempo quindi per approfondire la logica per coloro che hanno meno controllo sul contesto più ampio.

Se hai una storia nello sviluppo di software per iPhone, saprai che lo sviluppatore Nullriver ha rilasciato Installer, un programma di installazione di terze parti che consentiva di caricare le app localmente su iPhone, nell’estate del 2007. All’inizio di settembre, penso . È stato seguito nel 2008 dal più popolare Cydia alla fine. E c’erano già sviluppatori ad agosto e settembre che hanno provato questo modo completamente non ufficiale per ottenere app nello Store, come Twitterific il distinto di Craig Hockenberry e Le luci sono spente di Lucas Newman e Adam Bates.

Sebbene vi sia molta documentazione confermata sul fatto che Steve sia riluttante a consentire app di terze parti su iPhone, questa e-mail stabilisce una tempistica ufficiale per quando la decisione non è stata solo presa, ma sostanzialmente completamente formata. È molto prima della discussione inventata su quando è stata effettuata la chiamata. Questo è solo poche settimane dopo che i primi tentativi di hacking di terze parti hanno raggiunto l’iPhone e poco meno di due mesi dal primo Serie di strumenti di jailbreak per iPhone Indietro.

Non c’è bisogno o desiderio mostrato qui per Steve di “assicurarsi” che il suo tocco si senta in questa impostazione. Vedo spesso leader che sono ossessionati dall’assicurarsi di dare il loro feedback e input ad ogni turno. Perché hai assunto queste persone in primo luogo? Era per la loro abilità e acume? La loro attenzione ai dettagli? Il loro intenso desiderio di sistemare le cose?

READ  Fire Emblem: Voice Actor Brad Venable has disappeared from three homes

Poi lascia che facciano il loro lavoro.

L’e-mail Serlet è ben scritta e ha esattamente il dominio giusto, sì. Ma la risposta è altrettanto importante. La richiesta su un programma potenzialmente molto breve (l’App Store è stato finalmente annunciato nel marzo del 2008 e spedito nel luglio dello stesso anno) mette un freno al limite, in linea con l’urgenza di chiedere a tutti i team di lavorare insieme su questo progetto. Questo non è un vicolo laterale, è il fondamento di una strada principale. Deve essere costruito prima che qualcosa possa progredire.

Questa efficacia è il fulcro di ciò che rende Apple buona quando è buona. Non è sempre buono, ma assolutamente niente il 100% delle volte e il record di successo è incredibilmente forte in un decennio di software e hardware distribuiti. Una comunicazione fragile e debole che non sfugge o elude, insieme a un leader che ha fiducia nelle sue capacità e nell’abilità di chi lo ha assunto significa che non è necessario interrompere il processo per creare un record di impegno.

Nessuno può esistere senza l’altro. Una chiara RFP o bozza di progetto, ben articolata e inviata a una direzione insicura o inefficace diventa solo foraggio per giochi regionali o interminabili giri di richieste di chiarimento. Non importa quanto sia efficace la leadership e quanto siano talentuosi i loro dipendenti, se non creano un ambiente in cui vi sia chiarezza di pensiero benvenuto e premiato Quindi non otterranno mai il tipo di sviluppo del prodotto audace e dimostrativo che desiderano.

In generale, questo scambio è una parte molto importante degli eventi effimeri che stanno alla base dell’era dell’intero ecosistema applicativo e di un’enorme fase di crescita della tecnologia Internet. È anche un incapsulamento del tipo di ambiente che ha reso Apple un’azienda efficiente, efficiente e brutale per così tanti anni.

È possibile imparare da loro e simulare? Forse, ma solo se tutti i soggetti coinvolti sono disposti a creare l’ambiente necessario per promuovere gli elementi necessari di cui sopra. Nove volte su dieci si ottiene una gestione moribonda, un ambiente che scoraggia un atteggiamento maleducato e una via d’uscita fangosa. La decima volta, ottieni la magia.

READ  The developers among us know new things take a long time, and here's why

Ehi, forse possiamo cogliere l’occasione per rendere il prossimo incontro un’e-mail?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *