Qual è il metodo di controllo delle nascite Phexxi e chi lo ha?

Ha trascorso il pomeriggio a giocare a Skat, un gioco di carte, con sua madre e gli amici di sua madre, che le hanno insegnato proverbi come “Se qualcuno ti ha mostrato chi è, devi credergli” o “Non esiste una bevanda irreparabilmente forte”.

“Avevo 12 anni”, ha detto la signora Pelletier. “Erano esperti e saggi e avevano attraversato l’inferno. Quello che speravano per me era che ne sarei uscito e non sarei più tornato”. Cosa che ho fatto. (Anche se “nei giorni davvero brutti, mi infilo nel sacco a pelo a infrarossi e bevo un martini”. Grey Goose, molto secco con un tocco di limone”, ha detto.)

Dopo aver frequentato la Husson University di Bangor, nel Maine, la signora Pelletier ha lavorato come rappresentante di vendita presso GD Searle, l’azienda farmaceutica che per prima ha sviluppato la pillola anticoncezionale, ora di proprietà di Pfizer. È diventata la nuova Global Business Head per la salute delle donne. “Lavorare in farmacia mi ha insegnato come parlare con influenza, come agire, come presentare, come usare determinate leve e come leggere una stanza”, ha detto.

Nel 2009, ha fondato un’organizzazione senza scopo di lucro chiamata Woman Care Global, che si concentra sulla salute riproduttiva in tutto il mondo. Mentre era lì, nel 2013, la signora Pelletier si è imbattuta in un prodotto chiamato Amphora, sviluppato da un team di scienziati della Rush University di Chicago e di proprietà di una società chiamata EvoMed che stava avendo problemi. “Non avevano la giusta strategia, non avevano i finanziamenti, la leadership”, ha detto.

Alla fine, gli investitori in EvoMed hanno separato la divisione per la salute delle donne, hanno creato una nuova società chiamata Evofem e hanno incaricato la signora Pelletier. Amphora è stata successivamente ribattezzata Phexxi (le prime lettere rappresentano il pH e la doppia X del cromosoma sessuale). Nel 2015 è diventata CEO della società e da allora ha guidato Evofem nella raccolta di $ 491 milioni dagli investitori e nell’impiego di 128 dipendenti.

READ  L'ultima spedizione della stazione spaziale della NASA include un sistema di stampa 3D per il suolo lunare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *