Pronostici Oscar: qualcosa può sconfiggere “Nomadland”?

In vista della 93a edizione degli Academy Awards di domenica, i registi di AP Jake Coyle e Lindsay Bahar condividono le loro aspettative per una festa che si svolgerà nel bel mezzo della pandemia.

Miglior immagine

Candidati: “Father”, “Judas and the Black Christ”, “Mank”, “Minari”, “Nomadland”, “Promising Young Woman”, “Sound of Metal”, “Chicago Trial 7.”

Cowell: Uno studio riflessivo sulla personalità condotto per 5 milioni di dollari e popolato da attori non professionisti, il film di Chloé Zhao “Nomadland” non è il tuo peso massimo agli Oscar. Tuttavia, domina il preferito, un film acclamato da un’autrice sexy che ha precedentemente governato i Golden Globe, i BAFTA e, soprattutto, i produttori e le gilde dei registi. La stranezza di questa infinita stagione di premi pandemici aggiunge un pizzico di incertezza a tutto. Ma per quanto mi piacerebbe vedere “Sound of Metal”, “Promising Young Woman” o “Minari” insinuarsi per irritazione, “Nomadland” è un gioco semi-bloccato e un vincitore degno. Ma è pazzesco il fatto che la “prima mucca” di Kelly Richards non sia mai stata discussa qui. E come sarebbe stata migliore la stagione se l’esplosiva antologia di Steve McQueen “Small Axe” (che invece avrebbe gareggiato agli Emmy) fosse in qualche modo nel mix? La vecchia tradizione degli Oscar si sta erodendo, ma non abbastanza velocemente.

BAHR: Dovevi ricordare la “piccola ascia”, giusto? Volevo vedere Mai raro, a volte sempre andare troppo lontano, ma immagino che quest’anno ci fosse spazio solo per uno studio contemplativo sul personaggio fatto per meno di $ 5 milioni – e quelli degli adolescenti della Pennsylvania rurale in un viaggio tetro. Ma sarà ancora Nomadland, che è solo motivo di festa.

Migliore attrice

Candidati: Carrie Mulligan, “Promising Young Woman”; Frances McDormand, “Nomadland”; Viola Davis, Black Bottom di Ma Rainey; Vanessa Kirby, “Taglio da una donna”; Andra Day, Stati Uniti contro Billy Holiday.

BAHR: Forse la migliore gara dell’attrice è la carta più grande della serata. Viola Davis ha vinto lo Screen Actors Guild Award, e Andra Day ha vinto il Golden Globe e Frances McDormand BAFTA. È un disastro! Il giorno sembra ancora una lunga opportunità e la recente vittoria di McDormand sembra ancora abbastanza fresca da spingere gli elettori che sarebbero andati per la sua Francia altrove. Quest’anno tendo a pensare che la Davis si allontanerà dal trofeo per il suo crudo ritratto della cantante blues Ma Rainey, ma non posso fare a meno di pensare che forse Mulligan dovrebbe vincere il premio Most Promising Young Woman. Per quanto riguarda chi avrebbe dovuto essere un contendente, ce ne sono molti, ma due dei miei preferiti sono Aubrey Plaza in “Black Bear” e Han Ye Ri, che ha presentato la mia performance preferita in “Minari” nei panni della madre Monica, a lungo sofferente e risoluta.

Coyle: Davvero disordinato! Penso che sia un’eliminazione tra Davis e Mulligan, poiché Edge è andata a Davis dopo la sua vittoria SAG. Davis ha vinto prima, per la sua gigantesca interpretazione in “The Walls”. Ma è arrivata (in qualche modo controversa) come attrice non protagonista. E c’è giustizia in Davis – molto probabilmente il più grande attore vivente – di essersi portato a casa un primo premio, soprattutto se si tiene conto della storia della categoria. Solo una volta ha vinto una donna di colore (Halle Berry nel 2002 per Monster’s Ball) come miglior attrice. Tuttavia, la gara sarebbe stata più interessante se non avesse ignorato due delle migliori prestazioni di quest’anno: Radha Blank (“The Fortieth Edition”) e Carrie Kuhn (“The Nest”).

READ  Il mosaico dell'Imperatore in mostra in Italia dopo averlo speso come tavola di New York City | Divertimento

miglior attore

Candidati: Riz Ahmed, “Sound of Metal”. Chadwick Bosman, “Il fondo nero di Ma Rainey”; Anthony Hopkins, “il padre”; Gary Oldman, “Mank”; Stephen Yoon, ministro.

Cowell: Dopo anni di entusiasmo, questa volta la categoria del miglior attore è davvero forte. Ho adorato tutte queste offerte. Tuttavia, questo premio appartiene – giustamente – a Boseman per tutta la stagione dei premi, il che funge anche da tributo e sveglia per l’attore defunto Ma Rainey. La sua più grande prestazione è stata l’ultima. Alcuni vedono un’opportunità per Hopkins (che ha vinto i BAFTA) di provare disagio a causa della sua immagine distruttiva di un uomo con demenza. Ma io no. Bosman dovrebbe essere il terzo attore a vincere un Oscar dopo la sua morte, dopo Heath Ledger (“Il cavaliere oscuro”) e Peter Finch (“Network”). Non cambierei nessuno di questi candidati, ma la performance di guerriglia stellare di Sacha Baron Cohen in “Borat Subsequent Moviefilm” rientra in una categoria a sé stante.

Bahr: Riesci a immaginare se non avesse vinto un Bosman? Tuttavia, vale la pena cantare la determinazione e l’impegno in tutte queste esibizioni. C’erano un sacco di altre persone che si adatterebbero anche qui, come Delroy Lindo per “Da 5 Bloods”, Mads Mikkelsen per “Another Round”, o mentre ci stiamo piegando sulle categorie, persino Hugh Jackman per “Bad Education”.

Miglior attrice non protagonista

Candidati: Maria Bacalova, “Borat Subsequent Moviefilm”; Glenn Close, elegia di Hillbilly; Olivia Coleman, “Il padre”; Amanda Seyfried, “Mank”; Yoh Jung Yoon, Minari.

BAHR: In una categoria in cui Amanda Seyfried sta iniziando a sembrare una serratura, sembra decisamente che la marea si sia spostata verso Yuh-Jung Youn per la sua interpretazione della nonna non convenzionale Soonja nel film Minari. È un lavoro duro essere una comica rilassata e una rubacuori per un film, ma ci riesce facilmente, motivo per cui probabilmente vincerà e dovrà vincere (anche se Maria Bacalova può essere travolta dal potenziale fastidio). Entrambe le donne hanno alzato il livello dei loro film e meritano tutta l’attenzione che ricevono. E Seyfried otterrà sicuramente un Oscar da qualche parte. Volevo anche vedere Talia Ryder avanzare a questo livello in Never Rarely.

Cowell: Questa è stata una variabile di gara, ma Yoon Hee è sicuramente in testa. Mi piacerebbe vedere più amore ovunque per “Minary”, ma è giusto che Lee Isaac Chung sia celebrato con la mamma che è cresciuta nel film. Altri due nomi che vorrei fossero qui, sia per spettacoli divertenti che naturali: Christine Miliotti, miglior interprete di Palm Springs, e Dylan Gillula della serie romantica indipendente S-House.

READ  Mark Hamill "Speechless" after Ming-Na Wen praises the legend of Star Wars - Deadline

Miglior attore non protagonista

I candidati: Sacha Baron Cohen, “The Chicago Trial 7”; Daniel Kaluuya, “Giuda e il Cristo nero”; Leslie Odom, Jr., “Una notte a Miami”; Paul Racey, “Sound of Metal”; Lakeith Stanfield, “Judas and the Black Christ”.

Coyle: Sembra proprio che questo vada a Daniel Kaluuya. Per la sua grande performance come capitano delle Black Panther Fred Hampton, Calluia (nominata per “Get Out”) ha ottenuto vittorie nei SAG, Globes e BAFTA. Alcune rughe sono emerse quando Stanfield è stato inaspettatamente nominato qui nonostante la campagna elettorale come attore principale – e questo potrebbe dividere alcune voci tra le star di “Giuda e Cristo nero”. Stanfield è, per me, il miglior attore di questo gruppo. Ma questo è l’anno di Kaloya. Stanfield, così come alcuni artisti mancati, come Kingsley Ben Adair, tornerà splendidamente nei panni di Malcolm X in “One Night in Miami”.

BAHR: Oh, Kingsley Ben Adair! Se fossi completamente onesto, sarei felice se la lista di supporto fosse semplicemente il team di “One Night in Miami”, così come Kaluuya. Penso che Paul Raci abbia una ripresa della storia di Cenerentola per la stagione dei premi, ma sembra anche che sia ora di ottenere Kaluya a quel punto.

Direttore

Candidati: Chloe Chow, “Nomadland”; Lee Isaac Chung, “Minary”; David Fincher, “Mank”; Emerald Fennell, “Promising Young Woman”; Thomas Winterberg, “Another Tour”.

BAHR: La categoria regia è per Chloe che perde Zhao e penso che vincerà e dovrebbe vincere il sublime premio “Nomadland”, anche se a questo punto diventa una partitura persa. In una stagione infinita di premi come questa, è difficile non mettere in dubbio quale film o regista abbia vinto il maggior numero di premi finora. Ma che questo piccolo film sia diventato così in alto è qualcosa di un miracolo e meritatamente. Il bonus è che (si spera) finalmente avremo più di una donna vincitrice del miglior regista. Tuttavia, sarebbe stato bello se anche Miranda July (“Caglioneer”) fosse tra i contendenti.

Coyle: Adoro fotografare Denis “Caglioneer” vestito e prendere più autobus per gli Oscar. Ma Zhao avrebbe vinto e dovrebbe essere un momento meraviglioso. Non solo sarebbe la seconda donna a vincere un premio, ma poiché è una regista eccezionale – ed eccezionalmente modesta – tanti film la hanno davanti. Questo premio viene spesso assegnato a qualcuno che esiste da un po ‘di tempo. Presto ci chiederemo come sia possibile che David Fincher, forse il miglior regista di Hollywood della sua epoca, non abbia mai vinto.

documentario

Candidati: “Collective”, “Camp Crepe”, “Agent Mole”, “My Octopus Teacher”, “Time”

Cowell: Con l’aumento della frequenza, questa è la migliore classe di Oscar e quella con più problemi. Alcuni dei migliori film di quest’anno – tra cui “Dick Johnson Is Dead” e “The Truffle Hunters” – non sono mai arrivati ​​al palcoscenico della rosa dei candidati. E i film che sono già stati nominati sono ancora entusiasmanti. Probabilmente l’unica persona che non sceglierei – “il mio guru del polpo” – vincerebbe. Poco è passato inosservato alla sua anteprima lo scorso autunno e il pubblico del film è cresciuto su Netflix, rendendolo un concorrente agli Oscar. Mi sarei rallegrato ad alta voce, tuttavia, se “Crip Camp” avesse vinto. Sarebbe una vittoria per i film di buon cuore e per la comunità dei disabili.

READ  "Hidden Away", "Baths" e "Bad Tales" guidano le nomination ai David italiani

BAHR: Anche la rosa dei candidati era dura, tralasciando “The Offender” e “Acasa, My Home”, ma la categoria dei documentari ha tralasciato alcuni dei migliori lavori del broker (ciao, “Hoop Dreams”). È strano che la sensazione di fine gioco di Netflix come “My Octopus Teacher” diventi la preferita, ma cerco di non giudicare ciò che le persone chiamano quest’anno anche se mi piace un fusto urgente come “Collective” che vince il premio.

Il vantaggio internazionale

Candidati: “Quo Vadis, Aida?”, Bosnia ed Erzegovina; Un altro tour, Danimarca; Better Days, Hong Kong; “Collettivo” Romania; “L’uomo che ha venduto la sua pelle”, Tunisia.

BAHR: Questa categoria sembra essere una corsa tra “un altro tour” in Danimarca e un “collettivo” rumeno, entrambi nominati in altre categorie importanti (regista e documentario, rispettivamente). Penso che questo round andrebbe verso “un altro round” semplicemente perché il suo gesto di direzione gli ha dato una luce più brillante e un pubblico più ampio e gli elettori hanno l’opportunità di onorare un “collettivo” in un’altra categoria. Un altro film che avrebbe potuto essere un buon concorrente qui è il film italiano di Martin Eden.

Coyle: Un altro “giro” è un lucchetto. Ma “Ko Fades, Aida?” È anche molto buono. Jasmila Obanic spiega drammaticamente il periodo che ha portato al massacro del 1995 di uomini e ragazzi bosniaci musulmani per mano dell’esercito serbo-bosniaco a Srebrenica. Dopo un traduttore di fantasia (Jasna uričić) che lavora per le Nazioni Unite, il film indaga in modo devastante su una tragedia dei diritti umani.

Funzionalità animata

Candidati: “Onward”, “Over the Moon”, “Shaun vita da pecora: Farmageddon”, “Soul”, “Wolfwalkers”.

Coyle: Sembra che la Pixar, come sempre, abbia questo nella borsa. “Soul” in studio è chiaramente il mio preferito. C’è così tanto che Pete Docter è così meraviglioso che la sua vittoria all’Oscar è a dir poco un peccato. Ma non puoi trovare un perdente migliore del grintoso studio di animazione irlandese Cartoon Saloon, che lo scorso anno ha pubblicato il suo film più affascinante e ambizioso. “Wolfwalkers”, di Tom Moore e Ross Stewart, il culmine della trilogia del folklore irlandese, è incredibilmente sbalorditivo. Ogni cornice disegnata a mano è un’opera d’arte. È la tua quinta nomination all’Oscar per lo studio di Kilkenny ed è ora di vincerla.

BAHR: È difficile battere Disney e Pixar. Dal 2010, hanno vinto otto volte e le altre due non sono state sottomesse indipendentemente (“Rango” e “Spider-Verse”). Incoraggio “Wolfwalkers” ma scommetto “Soul”.

Di JAKE COYLE e LINDSEY BAHR
L’AP Film Book

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *