Primi segni di demenza: le sei cose a cui prestare attenzione

Una persona su tre nata nel Regno Unito quest’anno svilupperà la demenza nel corso della sua vita. Non c’è modo di prevenire tutti i tipi di demenza, ma ci sono molti cambiamenti nello stile di vita che puoi apportare per ridurre il rischio. Il modo migliore per evitare che la demenza prenda il sopravvento sulla tua vita è farsi diagnosticare e curare il prima possibile. Ecco i primi sei segni di demenza precoce, secondo l’Alzheimer’s Association.

La demenza è difficile da rilevare nelle prime fasi perché i sintomi sono generalmente relativamente lievi e nascosti.

La fase iniziale della demenza dura in media circa due anni, durante i quali noterai una serie di sintomi che iniziano a influenzare la vita quotidiana della persona.

A questo punto la persona dovrebbe essere per lo più indipendente, ma potrebbe iniziare ad aver bisogno di un piccolo aiuto.

L’Alzheimer’s Association ha rivelato i sei sintomi più comuni della demenza precoce.

LEGGI DI PI – Come vivere più a lungo: la bevanda che “significativamente” aumenta la longevità

Cambiamenti di umore o di emozione

Una persona nelle prime fasi della demenza può essere più ansiosa, timorosa o triste e quindi ha maggiori probabilità di sviluppare la depressione.

È anche comune diventare più irritabili – forse a causa della frustrazione per la perdita di capacità – o arrabbiarsi facilmente.

Gli esperti dell’Alzheimer’s Association hanno affermato: “Spesso una persona è più riservata, manca di fiducia in se stessa e perde interesse per gli hobby o le persone.

“I cambiamenti nel comportamento non sono rari nella demenza nelle sue fasi iniziali, tranne che nell’FTD. Una persona con una variante comportamentale dell’FTD può perdere le proprie inibizioni e agire in modi socialmente inappropriati.

READ  Strane tracce in Texas indicano che i sauropodi giganti camminano solo sulle zampe anteriori

“Possono anche agire impulsivamente e perdere empatia per gli altri.

I cambiamenti fisici significativi in ​​questa fase tendono ad essere limitati al DLB, dove i problemi di movimento sono simili a quelli della malattia di Parkinson.

“Se qualcuno con demenza vascolare o mista ha un ictus, può portare a debolezza degli arti da un lato”.

direzione debole

Le persone con demenza precoce possono avere un orientamento alterato e diventare disorientate in ambienti non familiari.

“Una persona potrebbe non riconoscere più dove si trova e quindi perdersi, anche in un luogo che conosce”, afferma il sito web dell’Alzheimer’s Association.

Difficoltà visuo-sensoriali

Se una persona con demenza precoce ha difficoltà con la percezione visiva, ciò può causare problemi nel giudicare le distanze, ad esempio quando si usano le scale.

Il sito osserva: “Questo problema è più comune nell’Alzheimer in fase iniziale e nella DLB che nella demenza vascolare o nella FTD.

“Le difficoltà di percezione visiva sono diverse dalle allucinazioni visive (spesso di animali o persone) che sono una caratteristica della fase iniziale della DLB”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *