Prima guida: revisione del concept della BMW Serie 2 M240i Coupé 2022

Tuttavia, il miglioramento più evidente dal posto di guida è lo sterzo. Fornisce una precisione extra e la ponderazione è più stabile fuori centro. Con quella gobba passiva aggiunta alle ruote anteriori, c’è anche l’entusiasmo in curva.

Gli angoli dell’M240i sono molto sicuri e neutri. Il suo sistema di trazione integrale è programmato per fornire la maggior parte della guida alle ruote posteriori, e c’è un differenziale di distribuzione elettronica della potenza su ciascuna ruota posteriore, ma c’è sempre un eccesso di aderenza, consentendo alte velocità in curva, anche in strade bagnate, ma assicurando anche un impegno continuo.

È possibile alternare tra le modalità Eco, Comfort e Sport e modificare la quantità di assistenza alla sterzata, sensibilità dell’acceleratore, impostazioni del cambio e rigidità dello smorzamento adattivo in base alle condizioni. Ma M240i xDrive è senza dubbio al suo meglio in modalità adattiva.

Arrivo in città dopo una rapida corsa su strade di campagna, rilassando lo sterzo, l’acceleratore, il cambio e le caratteristiche di smorzamento durante il rallentamento. Torna di nuovo da lei e lei abbraccia un ensemble decisamente più sportivo. Questa vasta gamma di caratteristiche garantisce che la Serie 2 Coupé rimanga una proposta convincente.

Ancora più importante, assomiglia al suo predecessore in ogni dettaglio, tranne per il fatto che è migliore e più motivato in movimento. Dobbiamo aspettare una chiamata finale per quanto riguarda le sue prestazioni e caratteristiche dinamiche fino ad arrivare a una versione di produzione finale entro la fine dell’anno.

READ  Dave afferma che il nuovo Forza Motorsport sarà un "grande salto per generazioni"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *