Potrebbe Tim Scott diventare il primo presidente repubblicano nero d’America?

Ha detto ad America che da adolescente era deluso e arrabbiato, finché non ha incontrato un mentore di nome John Muniz. L’addetto stampa di Scott in seguito ha spiegato che il futuro senatore stava lavorando nel cinema quando ha incontrato il signor Muniz, un manager al ristorante fast food Chick-fil-A della porta accanto. Il signor Muniz gli ha offerto panini Chick-fil-A gratuitamente quando non poteva permetterseli, e hanno avuto lunghe conversazioni, durante le quali il signor Scott ha assorbito “principi biblici e valori conservatori”.

“Negli anni ha cambiato il suo modo di pensare”, ha detto l’addetto stampa. “La missione nella vita di Tim è influenzare positivamente un miliardo di persone con un messaggio di speranza e opportunità”.

Lo stesso Scott ha precedentemente descritto come è stato “totalmente deragliato e ha fallito al liceo”. Dopo essersi voltato, si è assicurato un posto alla Southern Charleston University, si è laureato in scienze politiche e ha iniziato una carriera assicurativa.

Nel 1995, all’età di 30 anni, vinse un seggio nell’assemblea della contea, il primo repubblicano nero eletto a qualsiasi carica nella Carolina del Sud dal diciannovesimo secolo.

Nel 2010, Scott ha vinto le elezioni della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, il primo repubblicano nero della Carolina del Sud in più di 100 anni.

Tre anni dopo, quando un senatore si ritirò dalla Carolina del Sud, Nikki Haley, all’epoca governatore dello stato, lo nominò al Senato. Da allora ha vinto la rielezione due volte.

Negli ultimi cinque anni, è stato un fedele sostenitore di Donald Trump, criticando raramente l’ex presidente e lodando i bassi numeri di disoccupazione per i neri americani.

READ  Come potrebbe il George Floyd Police Justice Act limitare i poteri di polizia negli Stati Uniti

Sulla scia della morte di George Floyd un anno fa, Scott guida gli sforzi repubblicani per raggiungere un compromesso con i democratici su radicali riforme della polizia.

È anche un uomo di colore in America, e conosce personalmente molte di queste questioni ”, ha detto Corey Booker, il senatore democratico nero con cui sta lavorando sulla questione.

Il punto di vista di Scott su Biden è che sia comunque un “brav’uomo” Uno circondato da “sogni socialisti”.

Invece di massicci programmi governativi del valore di diversi trilioni di dollari, Scott ritiene che il modo migliore per aiutare le comunità povere sia offrire agevolazioni fiscali alle aziende in cui investire.

Mitch McConnell, leader repubblicano al Senato, ha dichiarato in una dichiarazione: “È uno dei leader più stimolanti e unificanti della nostra nazione”. “Come ama dire il senatore Scott, sta vivendo il sogno americano di sua madre”.

Nella sua risposta televisiva a Biden, Scott ha anche descritto come i liberali in passato lo avevano chiamato “Zio Tim e la parola N”.

Dopo il suo discorso, “Uncle Tim” ha iniziato a fare tendenza su Twitter. Twitter ha impiegato 12 ore per rimuovere l’hashtag #UncleTim dalla sezione Tendenze. Il signor Scott ha detto che “lo ha reso triste”.

Ha detto a Fox News: “La sinistra ha perso la testa. Quello che sta facendo la sinistra è combattere il fanatismo”.

“Sono un uomo di colore e sono orgoglioso di essere nero. Ero conservatore perché sono giunto alla conclusione, molto tempo fa, che le politiche ei principi conservatori sono il modo in cui liberiamo le persone – libere di essere ciò che vogliono essere. “

READ  Almeno 15 morti dopo che un SUV si scontra con un camion di ciottoli in California

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *