Polimorfismo del borovan mediante idrogenazione del borovan

Idrogenazione del borofen

Il borofene bidimensionale, che si forma sulle superfici d’argento, ha un polimorfismo diversificato e si prevede che abbia materiali insoliti e proprietà elettroniche. Tuttavia, è molto instabile al di fuori delle condizioni di ultra alto vuoto e si ossida facilmente, il che ostacola l’esplorazione delle sue proprietà. Il mio Et al. L’idrogenazione di questi materiali con idrogeno atomico ha mostrato che il borovan ha una funzione di azione locale inferiore. Questo materiale è stabile per giorni nell’aria e il borofene può essere recuperato semplicemente espellendo termicamente l’idrogeno.

Scienza, Questo caso p. 1143

sommario

I polimorfi strutturali bidimensionali del boro, o borofene, hanno attirato l’attenzione a causa di minerali anisotropi, fenomeni di elettroni correlati e varie strutture super-reticolari. Sebbene le strutture eterogenee del borofen siano state ottenute, la modifica chimica richiesta del borofen non è stata ancora riportata. Qui, sintetizziamo i polimorfi “Borofan” idrogenando il borofene con idrogeno atomico in un vuoto estremamente alto. Attraverso l’imaging atomico, la spettroscopia e i calcoli dei primi principi, si è scoperto che la forma più comune di borovan possiede una miscela di legami dicentrici, dicentron, boro, idrogeno e tre nuclei, due elettroni, boro, idrogeno e boro. I polimorfi di Porofan sono un minerale con funzioni di azione localizzata modificate e possono essere ricondotti in modo reversibile al borovan vergine attraverso l’assorbimento termico dell’idrogeno. L’idrogenazione fornisce anche la passivazione chimica perché il borovan riduce i tassi di ossidazione di oltre 2 gradi in volume dopo l’esposizione ambientale.

READ  Un astrofotografo finlandese trascorre 1.000 ore in un periodo di 12 anni creando un mosaico della Via Lattea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *