Più immigrati, per favore – Politico

Paul Taylor Redattore collaboratore Politico, scrive la rubrica “L’Europa in generale”.

PARIGI – Invece di costruire muri più alti, rafforzare i suoi confini e la guardia costiera e cercare di rimpatriare più stranieri, l’Unione europea dovrebbe concentrarsi sul tentativo di attirare più lavoratori migranti per interesse economico.

Questa è la sorprendente argomentazione di un veterano oppositore di Bruxelles che ha messo il dito sui punti più snervanti del dibattito politico europeo, sostenendo in modo convincente che il continente ha bisogno di milioni di immigrati in più nei prossimi anni per evitare una crescente carenza di manodopera, ringiovanire e restringere vecchiaia. Popolazione e riempimento delle casse dello Stato.

Proprio quando i governi dell’UE cercano di fortificare l’area Schengen contro gli arrivi indesiderati e rendono difficile la richiesta di asilo, Giles Merritt, fondatore Amici della società intellettuale d’EuropaIn un nuovo libro, afferma, l’Unione europea deve affrontare una dura scelta tra migrazione gestita su larga scala e declino economico.

le sue proposte inPotere delle persone: perché abbiamo bisogno di più immigratiUna lettura scomoda per i governi europei che sono stati bloccati per anni su come risolvere le politiche di asilo e immigrazione fallite dell’UE.

Come evidenziato dal panico per la caduta dell’Afghanistan nelle mani dei talebani, i politici europei cercano disperatamente di evitare qualsiasi nuovo afflusso che potrebbe dare nuovo vento ai partiti populisti di estrema destra. Di fronte all’emergenza umanitaria, dovuta anche al fallimento dell’intervento occidentale, la prima reazione di molti governi dell’UE è stata quella di cercare di impedire agli afgani, timorosi per la propria vita, di dirigersi verso l’Europa, sostenendo cinicamente che dare loro rifugio creerebbe una fattore” per gli altri migranti.

Organizzando una serie di statistiche e proiezioni, Merritt sottolinea che semplicemente non ci saranno abbastanza europei per lavorare nelle nostre fabbriche, ristoranti e ospedali nei prossimi decenni, o per finanziare le nostre pensioni e il personale delle nostre case di cura, a meno che non stimolare in modo proattivo l’immigrazione economica.

READ  Ue approva 191,5 miliardi di euro di recovery fund per l'Italia

Dice che la Commissione europea sa questo fatto, ma non osa dirlo pubblicamente. Questo perché è un messaggio totalmente sgradito ai governi che combattono contro i populisti che giocano con questioni di identità nazionale, paure dell’Islam, criminalità e confini che perdono.

Merritt ha scritto: “I politici hanno generalmente messo in dubbio l’accettabilità degli immigrati per motivi sociali, culturali e religiosi, trascurando gli aspetti finanziari ed economici”. “La nostra coscienza pubblica comune deve adattarsi all’inevitabilità di un’Europa più multiculturale e multietnica e capire perché dobbiamo accettarla e adattarci ad essa”.

invecchiamento della popolazione

L’ufficio statistico dell’UE Eurostat prevede che entro il 2100 la popolazione del blocco diminuirà di 30 milioni, o del 6,9 per cento, da Attuali 448 milioni. Le maggiori riduzioni del cambiamento naturale della popolazione si verificheranno in Germania, Italia, Polonia e Romania. Mentre l’immigrazione netta può limitare il declino cumulativo della Germania, la popolazione italiana dovrebbe scendere a 51 milioni da 60 milioni oggi, la Polonia a soli 27 milioni da 38 milioni e la Romania a meno di 13 milioni dagli attuali 19 milioni.

In modo allarmante, per la sostenibilità dei sistemi sanitari, previdenziali e pensionistici europei, nel 2100 ci saranno meno di due persone in età lavorativa per pensionato, rispetto alle tre attuali. Inoltre, ci sarà poco più di una persona in età lavorativa per coprire i bisogni comuni di giovani e meno giovani.

Nel suo libro, Merritt si propone di sfatare quelli che chiama i 10 miti più fuorvianti sull’immigrazione. Confuta l’idea che l’Europa non ha bisogno, non può permettersi o non ha posto per gli immigrati. Confuta le affermazioni secondo cui gli immigrati stanno prendendo lavoro dai nativi europei, tagliando i salari o inondando intere città. Sfida le credenze secondo cui aumenta il rischio di terrorismo jihadista, corrompe lo stato sociale ed è un enorme onere per i contribuenti. Sfata la teoria secondo cui l’automazione e la robotica renderanno superfluo il lavoro migrante.

READ  Tesla (TSLA) achieves a record of 180,000 cars in the fourth quarter, barely surpassing the target of 500,000 cars in 2020

Forse il suo argomento più forte è che, qualunque siano le pressioni politiche interne, l’attuale politica della “fortezza Europa” non funziona e non può funzionare. L’Unione europea non può continuare a rendere responsabile delle loro richieste di asilo il paese in cui i migranti hanno messo piede in Europa. Anche con l’aiuto di Bruxelles, la Grecia e l’Italia sono state travolte da numerosi passeggeri in barca che hanno attraversato e salutato le loro destinazioni preferite del nord Europa.

Allo stesso modo, molti dei loro paesi di origine in Africa, Medio Oriente e Asia non possono essere persuasi o corrotti a riprendere i richiedenti asilo respinti. Nonostante anni di tentativi, i governi europei non sono stati in grado di espellere la maggior parte di coloro che rifiutano di concedere asilo. Il risultato: fino a quattro milioni di migranti irregolari nell’Unione europea, condannati a una vita miserabile come sottoclasse sfruttata nell’economia sommersa, sono alla mercé di datori di lavoro e proprietari canaglia quando lavorano regolarmente, pagano le tasse e contribuiscono al sociale Sicurezza.

‘Il bene e il male’

Merritt ha ragione nell’affermare che impedire ai richiedenti asilo di lavorare legalmente durante l’esame delle loro domande – che spesso richiede più di un anno – è controproducente. Tuttavia, si trova in una posizione ancora più pericolosa quando sostiene l’ammorbidimento della distinzione tra rifugiati e migranti economici, che asserisce rafforza l’ingiusta distinzione nelle percezioni pubbliche tra il “buono” in fuga dalla persecuzione e il “cattivo” in fuga dalla fame o dalla povertà.

In pratica, sempre più migranti economici si presentano come richiedenti asilo perché i paesi dell’UE rilasciano pochissimi visti di lavoro. Di conseguenza, il numero di immigrati legali accettati nell’Unione europea è quasi dimezzato a 280.000 all’anno rispetto al periodo precedente al 2013. Il numero di visti di lavoro è diminuito del 70% tra il 2008 e il 2017.

READ  Bashar al-Assad, rieletto presidente della Siria dopo due decenni di governo

Merritt chiede di accendere la burocrazia per rendere la vita più facile ai nuovi arrivati, in particolare fornendo a tutti i rifugiati e migranti economici un’unica carta d’identità europea all’arrivo, collegata a un registro europeo piuttosto che all’attuale sistema di rilevamento delle impronte digitali irregolare e di identificazione nazionale. Ciò renderebbe più facile per loro affittare un alloggio e aprire un conto in banca. Merritt raccomanda inoltre sgravi fiscali per i datori di lavoro del settore privato e le ONG che desiderano partecipare alla creazione di posti di lavoro e ai programmi di formazione. Richiede anche sussidi ai proprietari che affittano agli immigrati.

Tuttavia, tale discriminazione positiva infiammerebbe l’opinione pubblica e metterebbe i lavoratori nativi, le persone in cerca di lavoro e gli affittuari contro gli immigrati. Il pericolo è che molti governi, desiderosi di tenere fuori tutti i nuovi arrivati, possano sfruttare qualsiasi confusione nella loro situazione per rendere difficile ai rifugiati raggiungere l’Europa e ottenere protezione.

Merritt afferma che la Commissione europea dovrebbe assumere un ruolo guida nel sostenere un programma di migrazione per lavoro gestito a lungo termine, non ultimo perché con le frontiere interne aperte, tali politiche hanno senso solo se si estendono in tutta Europa.

L’UE avrà indubbiamente bisogno di assumere molti lavoratori al di fuori dei suoi confini nei prossimi anni, ma resta difficile vedere come questa politica possa essere resa attraente per gli elettori preoccupati in Europa. Senza l’approvazione pubblica, anche le idee politiche più illuminate rimarranno un pio desiderio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *