Più di 3.000 persone sono state arrestate per proteste in Russia

In tutta la Russia ieri Hanno avuto luogo Alexei Navalny è stato arrestato per proteste ampie e partecipative contro il governo dittatoriale di Vladimir Putin È accaduto Domenica scorsa è rientrato dalla Germania, dove negli ultimi mesi è stato curato per un veleno che gli è stato ordinato – il secondo Molte ricostruzioni – Dai servizi di sicurezza russi. Nonostante le proteste non siano state approvate dal governo, l’affluenza è stata molto più alta del previsto: si sono registrate proteste Almeno 109 città In tutta la Russia. Le forze dell’ordine hanno soppresso le proteste quasi ovunque: Secondo il sito Informazioni OVD, Monitorando gli arresti durante le proteste dell’opposizione, 3.324 manifestanti sono stati arrestati alla fine della giornata.

A Mosca, la polizia dice che circa 4.000 persone hanno preso parte alle proteste. Un calcolo Reuters Si stima che siano almeno dieci volte più grandi. “La folla si estendeva per chilometri in tutte le direzioni da Central Pushkin Square”, ha scritto Financial Times, “Prevenire allagamenti e traffico sui marciapiedi”. Ci sono stati anche scontri molto violenti con la polizia a Mosca, che a un certo punto sono stati addirittura presi di mira Con le palle di neve.

Alla fine della giornata, la polizia ha arrestato 1.320 manifestanti, tra cui la moglie di Navalny Yulia Navalnaya, che è stata rilasciata poche ore dopo. I detenuti rischiano diversi anni di prigione e coloro che aggrediscono la polizia in Russia devono affrontare multe ancora più elevate per legittima difesa. “Picchiare un poliziotto è un crimine”, Ha ricordato La televisione di Stato ha minacciato durante le proteste: “Sono stati girati centinaia di video di volti di manifestanti”.

READ  Eurovision Bookies Round-Up 2021: l'Italia è ancora in testa alle prime dieci evoluzioni

Secondo Custode Non ci sono state proteste così diffuse e globali dal 2012, quando si sono verificate frodi e irregolarità durante le elezioni presidenziali vinte da Vladimir Putin. Giornalisti, anche dalla Russia, hanno riferito che le manifestazioni si erano svolte in piccole e remote città siberiane e persino sull’isola di Sakhalin, a pochi chilometri dal Giappone, dove centinaia di persone si sono radunate davanti a un ufficio del governo locale e hanno gridato “Putin è un ladro”. Decine di persone hanno protestato a Yakutsk, nella Russia centrale, nonostante le temperature abbiano raggiunto ieri i -50 C.

Ufficialmente, né il governo né Putin hanno commentato le proteste. L’unico comunicato stampa diffuso ieri ha celebrato la carriera Larry King, Storico CNN Morto nell’87. D’altra parte, i sostenitori di Navalny hanno ringraziato più volte i manifestanti: “Se pensi che Putin sia il peggiore, è innocente, ha torto”, ha detto in un video pubblicato su YouTube Leonid Volkov, uno degli stretti collaboratori di Navalny.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *