Più di 100 dipendenti del New Yorker e di altri dipendenti di Condè Nast protestano davanti alla casa di Anna Wintour منزل

Più di 100 dipendenti del New Yorker e altre due testate Condè Nast hanno organizzato una protesta martedì sera per chiedere una retribuzione equa e la sicurezza del lavoro davanti alla casa da 12,5 milioni di dollari di Anna Wintour nel Greenwich Village.

Il gruppo era composto da sindacalisti e fact-checker del settimanale, oltre che da personale delle testate Condè Nast Ars Technica e Pitchfork.

Hanno camminato dal campus della New York University a Washington Square Park fino alla casa di Wintour in Sullivan Street cantando: “Capi dove Prada, i lavoratori hanno la rugiada!”

La dimostrazione è arrivata dopo che la New Yorker Association ha pubblicato un elenco di stimolare Lunedi, dicendo che erano “sul punto di scioperare” dopo due anni e mezzo di contrattazione.

Più di 100 dipendenti del New Yorker, insieme ad altre due pubblicazioni Condè Nast, hanno organizzato una protesta martedì davanti alla casa di Anna Wintour nel Greenwich Village per chiedere salari equi, tra le altre richieste.

I manifestanti intonavano slogan

I manifestanti hanno cantato “i capi indossano Pradas, i lavoratori ottengono la rugiada” fuori dalla casa da $ 12,5 milioni di Wintour (nella foto).

La protesta è iniziata nel campus della New York University ed è stata organizzata per conto della NewsGuild di New York, che ha rappresentato lo staff della rivista nelle sue trattative con Condè Nast.

La protesta è iniziata nel campus della New York University ed è stata organizzata per conto della NewsGuild di New York, che ha rappresentato lo staff della rivista nelle sue trattative con Condè Nast.

La protesta segna la più grande rottura nei colloqui tra New Yorker Union e Condè Nast da quando è iniziata nel 2018 poco dopo quasi 100 dipendenti di riviste, tra cui redattori e fact-checker organizzati con NewsGuild.

Tra le principali richieste ci sono una retribuzione equa, sicurezza del lavoro e benefici per l’assistenza sanitaria, con il sindacato che afferma che alcuni membri guadagnano meno di $ 42.000 e alcuni che lavorano con la pubblicazione da più di 20 anni guadagnano meno di $ 60.000.

“Le persone di diversa estrazione non possono permettersi di lavorare lì”, ha affermato Genevieve Bormes, redattrice delle copertine del New Yorker. Il New York Times.

Ha detto che guadagna $ 53.000 all’anno e che il suo stipendio era di $ 33.000 quando ha iniziato a lavorare al New Yorker nel 2016.

Natalie Mead, fact-checker e capo dell’unità New Yorker di NewGuild, ha dichiarato al Times che i recenti colloqui di contrattazione hanno visto l’azienda offrire ai lavoratori $ 54.500.

Una portavoce dell’editore ha affermato che ci sono stati progressi nelle recenti trattative, ha riferito l’outlet, aggiungendo: “Speriamo di ottenere presto un contratto in modo che gli aumenti salariali reali trovino la loro strada nei nostri dipendenti sindacali”.

Il sindacato chiede un salario base di 60.000 dollari.

Il Times ha riferito che un’e-mail tra il sindacato e l’azienda lunedì sera ha visto Condè Nast tentare di porre fine alla protesta, scrivendo: “Prendere di mira la casa privata di un individuo e rendere pubblica la sua posizione è inaccettabile”.

La New Yorker Union ha risposto che ciò che stava facendo l’editore era “quello che sembra essere un tentativo illegale di scoraggiare attività coordinate protette”.

Molti degli autori della rivista sono lavoratori autonomi e, in quanto lavoratori a contratto, non possono iscriversi ai sindacati. La New Yorker Union ha chiesto che gli articoli non vengano inviati alla rivista.

Sebbene Wintour non supervisioni direttamente The New Yorker – l’autore David Remnick ha guidato la rivista dal 1998 – in qualità di amministratore delegato globale di Condè Nast, è l’editore più importante.

Mead ha detto che il sindacato ha scelto la sua casa come luogo di protesta perché è stata vista come un “agente”, ha riferito il Times.

“Ciò che accade nel New Yorker non accade necessariamente nel vuoto”, ha detto.

La protesta di martedì è stata l’azione più diretta intrapresa dal New Yorker da quando i suoi membri si sono ritirati dal lavoro per un giorno a gennaio. Sempre in arrivo, le unità Associate NewsGuild di Ars Technica e Pitchfork hanno autorizzato uno sciopero a gennaio, secondo il Times.

I tre cercano per la prima volta un contratto con l’editore.

La dimostrazione è arrivata dopo che la New Yorker Association ha pubblicato un elenco di richieste online lunedì, dicendo che...

La manifestazione è arrivata dopo che il New Yorker Union ha pubblicato un elenco di richieste online lunedì, dicendo che erano “sul punto di scioperare”.

Le proteste arrivano anche quando il successo missilistico di NewsGuild negli ultimi anni nella regolamentazione delle redazioni è arrivato con alcuni difetti, poiché sta bruciando liquidità a un ritmo insostenibile, secondo il vanità fir, che è anche una pubblicazione di Condè Nast.

Il sindacato ha riferito che le sue riserve sono scese da $ 11 milioni nel 2016 a poco più di $ 5 milioni nel 2020 e, di conseguenza, chiede ai membri del contratto di aumentare le loro quote, il che ha allarmato alcuni lavoratori di Newsguild presso Reuters e The New York Times, che hanno dicono che finanziano principalmente gli sforzi del sindacato altrove.

READ  Russia: camionista attraversa ponte sospeso allagato... e perde | notizie dal mondo

“Il sindacato sta anticipando alcune importanti battaglie organizzative, incluso uno sciopero a Condé Nast, e vogliono abbastanza soldi per continuare a combattere”, ha scritto Nicholas Convesor, un giornalista del Times, in un’e-mail diffusa in redazione.

“Non mi è chiaro perché il sindacato abbia speso in deficit a un tasso di consumo così alto per così tanto tempo e solo ora stia cercando di allineare le entrate alle spese”.

Il problema sembra nascere dall’esigenza, riporta Vanity Fair, che gli iscritti al sindacato comincino a pagare le quote al sindacato solo dopo aver ottenuto un contratto, come risulta dai suoi rapporti con Condè Nast, che possono durare anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *