Piccolo animale sopravvive a 24.000 anni di congelamento nel permafrost siberiano: “Un grande passo avanti”

Molto sulla Terra è cambiato solo negli ultimi decenni, ma per una creatura microscopica recentemente rianimata, ha decine di migliaia di anni da recuperare.

In un nuovo studio pubblicato questa settimana sulla rivista, biologia attualeIn questo articolo, i ricercatori riportano la sorprendente storia di sopravvivenza del rotifero bdelloid, una piccola creatura d’acqua dolce diffusa in tutto il mondo. Gli animali multicellulari possono essere visti solo al microscopio, ma lo sono in grado di sopravvivere Attraverso l’essiccazione, il congelamento, la fame e la mancanza di ossigeno.

Ora, i ricercatori hanno scoperto che non solo questi animali sono resistenti, ma possono persistere per periodi molto lunghi – almeno 24.000 anni – in Siberia. permafrost. Le prove precedenti indicavano che potevano sopravvivere solo per un decennio

“Il nostro rapporto è la prova più forte fino ad oggi che gli animali multicellulari possono sopravvivere per decine di migliaia di anni nella criptobiosi, uno stato metabolico che è stato quasi completamente spento”, ha affermato l’autore dello studio Stas Malavin. dichiarazione.

266742-web.jpg
Questa immagine mostra un filatore al microscopio.

Michael Bleuca


Il Soil Glaciology Laboratory di Pushino, in Russia, ha utilizzato un impianto di perforazione per raccogliere il minuscolo organismo da quasi una dozzina di piedi sotto una delle località più remote dell’Artico. I ricercatori hanno quindi dedotto la sua età utilizzando la datazione al radiocarbonio.

Dopo che l’organismo si è scongelato, è ora in grado di riprodursi asessualmente utilizzando un processo chiamato partenogenesi. Ripetendo il processo di congelamento e scongelamento decine di volte, i ricercatori hanno scoperto che l’animale subisce naturalmente un processo per proteggere le sue cellule e i suoi organi dalla formazione di cristalli di ghiaccio a temperature estremamente basse.

Trovare questa proprietà in un organismo multicellulare spinge i confini di ciò che gli scienziati credono sia possibile.

“La premessa è che un organismo multicellulare può essere congelato e conservato in questo modo per migliaia di anni e poi tornare in vita – un sogno di molti scrittori di narrativa”, ha detto Malavin. “Naturalmente, più l’organismo è complesso, più è difficile mantenerlo in vita congelato e per i mammiferi questo non è attualmente possibile. Tuttavia, il passaggio da un organismo unicellulare a un organismo con un intestino e un cervello , anche se microscopico, è un grande passo avanti.”

I rotiferi ora si uniscono all’elenco degli organismi che possono vivere per periodi apparentemente indefiniti nel sottosuolo ghiacciato, inclusi molti microbi unicellulari, nematodi di 30.000 anni, alghe e alcune piante. Mammiferi morti molto tempo fa, ma ancora ben conservati, sono stati trovati anche nel permafrost in disgelo soggetto ai cambiamenti climatici, tra cui Orso Dall’era glaciale e Cucciolo di 18.000 anni.

Le nuove scoperte sembrano portare più domande che risposte. Gli scienziati non sono sicuri di cosa permetta a queste creature di sopravvivere nel ghiaccio anche per pochi anni, e non è nemmeno chiaro se la differenza tra pochi anni e diverse migliaia sia significativa.

I ricercatori sperano che lo studio dei campioni artici porti a nuove intuizioni sulla conservazione di cellule, tessuti e organi di altri animali, compresi gli esseri umani.

READ  La sonda solare dell'Agenzia spaziale europea sta acquisendo immagini irrealistiche di quattro pianeti contemporaneamente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *