PhonePe ha registrato 2 miliardi di transazioni mensili record ad ottobre

PhonePe, parte del gruppo Flipkart controllato da Walmart, ha registrato oltre due miliardi di transazioni attraverso i canali di pagamento a ottobre, secondo la dichiarazione della società di mercoledì.

Ciò include i pagamenti effettuati utilizzando l’Unified Payments Interface e il Bharat Bill Payment System. A febbraio, PhonePe ha registrato 1 miliardo di transazioni mensili.

La società ha 145 milioni di utenti attivi mensili, un valore di pagamento annuo totale di $ 600 miliardi e transazioni digitali di oltre 19.000 codici PIN, che rappresentano oltre il 99% del paese, secondo la dichiarazione preparata.

La rapida crescita di PhonePe – 1 miliardo di transazioni aggiunte in soli otto mesi – indica la più ampia adozione dei pagamenti digitali in India, che è stata accelerata da una pandemia che ha chiuso tutti i beni e i servizi, tranne quelli essenziali, in gran parte del paese in un 18 -periodo di mesi.

Il valore delle transazioni che utilizzano UPI ha superato per la prima volta la soglia dei 100 miliardi di dollari il mese scorso. Sono state registrate fino a 4,2 miliardi di transazioni UPI per un valore di 7,71 crore (circa $ 103 miliardi) al mese, segnando il massimo storico in entrambi i casi per il canale dei pagamenti di cinque anni fa.

Il boom è stato in gran parte dovuto all’aumento della domanda di acquisti online durante le vendite delle festività natalizie. Questa crescita ha anche aiutato la graduale riapertura dell’economia dopo il cedimento della seconda ondata.

STARTUP ROCKSTAR NEL 2021

Accedi per vedere l’elenco delle startup promettenti per il 2021



“Il fatto che l’80% delle nostre transazioni provenga da città di livello 2 e 3 e oltre dimostra che i pagamenti digitali hanno davvero permeato ed esposto il paese”, ha affermato Sameer Nigam, fondatore e CEO di PhonePe.

READ  Adam Newman, co-fondatore di WeWork, è vicino a un accordo Softbank da 500 milioni di dollari

Il denaro è ancora il re dell’economia indiana.

La proporzione di valuta in circolazione rispetto al PIL indiano ha toccato un nuovo massimo del 14,5% per l’anno fiscale 2020-2021 a causa dell’aumento della domanda di contanti e di un’economia in contrazione. L’aumento della valuta circolante dopo la pandemia è un fenomeno globale – descritto come una “corsa alla liquidità” in mezzo a un’elevata incertezza – che affligge Stati Uniti, Spagna, Italia, Germania, Francia, Brasile, Russia e Turchia.

Nel frattempo, i pagamenti digitali sono quasi tre volte quelli dell’anno fiscale 2018. L’indice dei pagamenti digitali della Reserve Bank of India, che aveva il 2018 come anno base a 100, è salito a 270.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *