Perché gli australiani non possono vivere come i francesi o gli italiani?

“Dio sei pazzo?!”

Mentre viaggiamo attraverso le montagne della Valpolicella nel nord Italia, la mia compagna siede sul sedile del passeggero di una Fiat a noleggio e urla attraverso il parabrezza quando vede un’auto che attraversa la nostra strada per 100 km a 100 km / h. Per frenare, poteva ritagliarsi uno o due secondi dal loro viaggio, non importava chi fosse, e svoltare davanti a noi.

Non è la prima volta che grida così oggi e non sarà l’ultima. Perché non tutti gli italiani, nemmeno la maggior parte degli italiani, ma si nota che gli italiani sono davvero dei pessimi guidatori. Assolutamente pazzo. Completamente disattento.

Di tanto in tanto mi viene da ridere quando giro per la periferia di Verona per bloccare il traffico locale. È questo il paese di cui siamo tutti così pazzi? Sono queste le persone che vogliamo essere? Questi sono pazzi?

Sì sì sì. Noi, gente del mondo, amiamo l’Italia, da un lato che guida follemente – e dall’altro molte cose, discussioni rumorose e spazzatura ovunque e la lentezza dei suoi affari finanziari e politici. Amiamo tutto ciò che rappresenta. Lo adoriamo. Ci piace. Lo desideriamo.

Una mia cara amica, Maria Pascual, scrittrice romana, ha appena pubblicato un nuovo libro Come essere italiani?. Questo è così meraviglioso, una guida all’anima italiana di qualcuno che ha passato l’ultimo decennio a cercare di capirlo. Leggendo questo, il titolo – “Come essere italiani” – mi ha fatto pensare a come solo due paesi al mondo possano agire così istantaneamente e con tale efficienza.

“Come essere italiani” – dire di sì, naturalmente. Comprendi l’appello intrinsecamente. Anche “Come essere francese” funziona – oh la la, prendi i miei soldi.

Tuttavia, qualsiasi altro paese sarebbe leggermente diverso. “Come dovrebbe essere l’inglese” – Sì, giusto? “Come essere spagnolo” – Non sono sicuro di cosa ottieni. “Come essere un australiano” – è uno scherzo?

Ma dimmi come essere italiano. Dimmi come essere francese. Questi paesi sono i due luoghi più visitati del pianeta dai turisti e sono molto popolari tra i viaggiatori di tutte le età e di tutti i paesi. Tutti vogliamo una parte della bella vita che rappresentano: famiglia, cibo, divertimento. Tutti vogliamo godercela, imparare da essa e portare a casa “La Dolce Vita” con noi.

Ancora… noi? La cosa divertente è che in Australia possiamo avere la dolce vita che desideriamo davvero, con lunghi pranzi in famiglia e bei vestiti e un atteggiamento spensierato al lavoro e un amore per la vita sulla pista lenta. Ma non l’abbiamo fatto.

Siamo oppressi in qualche modo. Considerando quanti di noi amano viaggiare in questi paesi, vogliamo essere chiari su cosa significano Italia e Francia; Vogliamo essere italiani o francesi, ma non abbiamo capito come farlo. Al contrario, ciò che veramente apprezziamo qui è, se guardiamo a lungo e intensamente, prosperità, sicurezza, prestazioni. Andiamo a lavorare. Facciamo incollaggio duro. (L’unico modo per vivere qui.)

Nessuno compra libri chiamati “How to be German” perché non c’è amore in esso, ma è molto vicino a chi siamo in Australia. La Dolce Vita Vacanza per noi. Questa non è una vita.

Quindi, dobbiamo essere contenti durante quelle vacanze, motivo per cui credo fermamente che l’Italia e la Francia saranno grandi nelle menti di molti che stanno pensando di viaggiare nel mondo post-vaccino. Voglio andare in Italia o in Francia, voglio andarci. Senza alcun viaggio internazionale, l’idea di un caffè e “garnetto” in un bar italiano o un bicchiere di vino e patatine fritte in un bistrot francese è perfetta.

Sebbene non universalmente riconosciuti in Italia e Francia, ci sono altri paesi che offrono questo tipo di stile di vita, questo tipo di fantasia. Sull’Iberian Slow Trail, prova la Spagna o il Portogallo per pranzi lunghi in luoghi meravigliosi. Prova l’Argentina per ottenere un ricco mix della cultura di tutti i paesi menzionati in precedenza e alcune abilità latinoamericane uniche. Vai in Brasile per provare il calore, la gioia e l’eccitazione.

E poi, ovviamente, a casa.

Questi viaggi ci rendono gelosi, ma ci aiutano anche a identificare i difetti de La Dolce Vita: instabilità politica, finanze povere, guidatori mentali, strade disseminate. Sebbene questi paesi abbiano ambizioni romantiche, non sono perfetti, sebbene possano fornire la completa perfezione dell’esperienza turistica. Veramente dolce e un po’ amaro.

Esprimere il bene e il male, raccogliere le ciliegie da altre culture e stili di vita e portare a casa quei valori, il viaggio è meraviglioso per questo.

Sto ancora cercando di essere italiano. Cerco di celebrare il buon cibo e vino e il tempo con la mia famiglia, cerco di affrontare la vita con entusiasmo, cerco di rallentare le cose e cerco di apprezzare e celebrare ciò che è veramente importante. Discuto anche sulla carbonara “perfetta”, fatico molto per un buon caffè, e vado anche in Vespa.

Ma seguo tutte le regole della strada.

Ti piacciono l’Italia e la Francia? Cosa c’è di così eccitante in questi due paesi? Stai cercando di vivere quegli stili di vita a casa? O è una questione di immaginazione?

E-mail: b.groundwater@traveller.com.au

Instagram: instagram.com/bengroundwater

Cinguettio: twitter.com/bengroundwater

Vedi anche: Dimentica i sottomarini: otto cose che la Francia farà bene

Vedi anche: Una volta aperte le frontiere, il primo paese in cui vado è l’Italia

READ  "Se Massimo Morati fosse stato al posto di Suning avrebbe ceduto"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *