Perché Disney, Amazon e altri stanno portando progetti in Sicilia

Disney, Amazon, Netflix e Showtime hanno tutte serie TV di vari generi che sono state girate di recente o che saranno girate in Sicilia.

Come una delle sue prime origini italiane, Disney+ commissionò una serie televisiva senza titolo sulla famiglia Florio in Sicilia, che nel corso del XIX secolo costruì un impero economico sull’isola e divenne nota come i signori del commercio d’Europa.

Questa epopea teatrale di alto livello, che sarà diretta dall’italiano Paolo Genovese (“Perfect Strangers”) e prodotta dalla Lotus Broads di Roma, un’unità del Lion Film Group, è ora in fase di selezione. Il film siciliano, le cui riprese dovrebbero iniziare a luglio, è tratto dal bestseller nazionale “I leoni di siciliano” di Stefania O’Shea, che è stato tradotto in diverse lingue.

Le telecamere sono state proiettate in ottobre a Palermo, capoluogo siciliano, nella commedia dark mafia degli Amazon Studios “The Bad Guy”, prodotta da Indigo Film, dietro al film premio Oscar “La grande bellezza” di Paolo Sorrentino.

La serie ruota attorno a un procuratore siciliano di nome Nino Scutellaro, interpretato dal siciliano Luigi Lo Cassio, che ha dedicato tutta la sua vita alla lotta contro Cosa Nostra e si ritrova accusato e condannato lui stesso di mafia. Quindi attua un piano di vendetta machiavellico, diventando il “cattivo ragazzo”.

Netflix è stato anche recentemente a Palermo per la sua produzione originale italiana locale “Incastrati”, con il duo comico siciliano Ficarra e Picone. È stato abbandonato a gennaio ed è già stato ristrutturato. Più o meno nello stesso periodo, il regista italiano Roberto Ando era a Palermo per girare una miniserie per la presentatrice italiana di bar RAI su Letizia Battaglia, la defunta fotografa di fama mondiale che ha coraggiosamente documentato le brutali guerre mafiose degli anni ’80 e ’90.

READ  An Indian-American dancer shown at Skydance Bridge during the opening ceremony

Showtime ed Endemol Shine dovrebbero arrivare presto a Palermo per la serie “Ripley” di Steven Zaillian, basata sui romanzi di Patricia Highsmith. Lo spettacolo di fascia alta interpretato da Andrew Scott e Dakota Fanning è girato quasi interamente in Italia utilizzando diverse altre località italiane e una troupe quasi interamente locale.

Sebbene nessuno di questi prodotti abbia attinto ai quasi 3,5 milioni di euro (3,7 milioni di dollari) di piccolo ma significativo stimolo in Sicilia che l’anno scorso ha sostenuto altri 45 progetti in Sicilia, hanno approfittato del credito d’imposta italiano, che è stato raccolto durante la pandemia da Dal 30% al 40% fino al 75% delle spese di produzione sostenute in Italia. Questo sconto consente ai produttori di ottenere un rimborso durante la produzione, di mese in mese, e di ridurre i costi man mano che vanno avanti.

Nicola Tarantino, presidente della Film Commission in Sicilia, sottolinea che oltre agli incentivi, la commissione fornisce supporto logistico e molto aiuto per rimuovere la burocrazia, soprattutto nelle principali città tra cui Palermo, Catania e Messina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *