Perché Cristiano Ronaldo ha buttato via la maglia dopo la vittoria della Juventus?

Cristiano Ronaldo stava regalando la sua maglia al raccattapalle quando l’ha buttata via domenica al termine del 3-1 della Juventus sul Genoa.

Il 36enne è apparso indignato per non aver segnato nella partita di Serie A.

Dejan Kulusevski, Alvaro Morata e Weston McKinney erano tra gli obiettivi quando i campioni d’Italia hanno conquistato i tre punti, ma Ronaldo ha attirato l’attenzione dei media con la sua reazione dopo il fischio finale.

quello che è successo?

La star portoghese ha buttato via la sua maglietta prima di camminare lungo il tunnel verso lo spogliatoio ed è stata presa da un calciatore.

È stato riferito che l’attaccante stava sfogando la sua frustrazione, ma è stato chiarito che stava regalando la sua maglietta al raccattapalle.

Solo poche settimane fa, Ronaldo ha fatto notizia quando ha gettato a terra la fascia del suo capitano e ha marciato attraverso il tunnel dopo aver visto un gol annullato durante il pareggio di qualificazione alla Coppa del Mondo del Portogallo con la Serbia.

Cosa ha detto Pirlo?

Alla domanda sull’apparente rabbia dell’attaccante, l’allenatore della Juventus Andrea Pirlo è intervenuto in sua difesa.

Ha detto: “Per lui è naturale voler segnare un gol, soprattutto quando vede che la partita è finita in un certo modo”. Sky Sport.

“Fa parte della posizione degli eroi che vogliono sempre lasciare il segno”.

Come si è comportato Ronaldo contro il Genoa?

Nonostante non abbia il suo nome sulla scheda dei punteggi, Ronaldo ha fatto una bella figura per la Juventus.

Ha giocato un ruolo importante nel gol di Morata al 22 ‘della partita quando ha visto un tentativo che ha colpito il palo e rimbalzato sulla traiettoria dell’attaccante per un tiro facile.

READ  Inter: Simone Inzaghi subentra all'allenatore dei campioni d'Italia dopo l'uscita della Lazio

Ronaldo ha segnato sei tiri in totale durante la partita, più di ogni altro giocatore in campo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *