Penne del contratto nipote di Mussolini con la Lazio

ROMA: Il nipote del dittatore fascista italiano Benito Mussolini ha firmato il suo primo contratto professionale con la squadra di calcio della Lazio nella Serie A.

Romano Floriani Mussolini, 18 anni, è stato convocato nella squadra under 19 del club rumeno a febbraio e ha giocato in quattro delle ultime cinque partite, vincendo un contratto triennale.

L’adolescente, figlio di Alessandra Mussolini, ex parlamentare europeo di Forza Italia, ha pubblicato sulla sua pagina Instagram una foto di se stesso che firma un contratto, dove si chiama Romano Floriani.

Scrive: “Pensando di tornare dove ho iniziato, sono molto contento di firmare il mio primo contratto professionale con la Lazio, e di trascorrere altri tre anni con quella maglia”.

Floriani Mussolini è il terzo figlio di Alessandra Mussolini e suo marito, Mauro Floriani, e nipote di Benito Mussolini, che fu il primo ministro italiano dal 1922 al 1943 dopo un colpo di stato fascista.

Il difensore è attualmente al suo ultimo anno alla St. George British International School di Roma, che si trova vicino al Lazio Training Stadium vicino a Formello.

Floriani Mussolini, anche lui nel settore giovanile rom, prende le distanze dalla politica.

Ha detto al Messaggero: “Qui nella Lazio sono giudicato solo da come gioco e non perché il mio cognome è Mussolini”.

Una minoranza di fan sfegatati della Lazio, noti come “Ultras”, ha legami con l’estrema destra e ha una storia di comportamenti razzisti.

Il club è stato multato di 50.000 euro dalla Federazione italiana nel 2018 dopo aver distribuito manifesti antisemiti che mostravano la vittima dell’Olocausto Anne Frank con indosso la maglia dei rivali cittadini dell’AS Roma distribuita allo Stadio Olimpico.

READ  Trasferimenti Everton - Harry Winks 'interesse' come riportato nella nuova richiesta di James Rodriguez

Nel 2005 l’attaccante Paulo de Canio ha fatto un saluto fascista ai tifosi della Lazio al Corva Nord dopo la vittoria del Derby sulla Roma.

Dopo essere stato bandito, de Canio avrebbe detto “Sono un fascista e non un razzista”. Da allora ha detto di aver citato male.

(Preparato da Alasdair MacKenzie, montaggio di William MacLean)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *