Paure della terza guerra mondiale: Angry USA spara 30 colpi di navi militari iraniane | Il mondo | notizia

Il problema è sorto quando la Guardia Costiera degli Stati Uniti ha sparato 30 colpi di avvertimento dopo 13 motoscafi armati iraniani nello Stretto di Hormuz. Il portavoce del Pentagono John Kirby ha detto che gli Stati Uniti sono entrati in azione dopo che alcuni motoscafi iraniani sono arrivati ​​a 150 metri da sei navi militari statunitensi che scortavano il sottomarino missilistico guidato Georgia.

L’accensione è stata la seconda volta in due settimane che una nave americana ha aperto il fuoco per avvertire le navi dei paramilitari della Guardia Rivoluzionaria Iraniana.

“Stavano agendo in modo molto aggressivo”, ha detto Kirby.

Ha aggiunto che il boicottaggio della Guardia Costiera ha sparato colpi di avvertimento da una mitragliatrice calibro .50 prima che le navi iraniane partissero.

Ha rifiutato di commentare domande sul fatto che la Guardia Rivoluzionaria stesse cercando di combattere una battaglia con la Marina degli Stati Uniti.

Per saperne di più: Macron si vergogna di vantarsi che l’Unione Europea è più “generosa” con le esportazioni di vaccini

L’incrociatore missilistico guidato USS Monterrey era nel convoglio.

Solo un giorno prima, il Monterrey ha intercettato un carico di armi a bordo di una nave nel Mar Arabico.

Sembrava dirigersi verso lo Yemen, dove i ribelli Houthi – sostenuti dall’Iran – stanno prendendo parte a una sanguinosa guerra civile contro il governo.

Nell’incidente di ieri, due barche iraniane si sono separate dalle altre e si sono spostate dall’altra parte della formazione statunitense.

Poi si sono precipitati verso alcune navi americane.

Nel tentativo di metterli in guardia, gli Stati Uniti hanno emesso ripetuti avvertimenti verbali da un ponte all’altro, ha detto il comandante della Marina. Rebecca Rebaric, portavoce della Quinta Flotta della Marina.

READ  Trump distrugge la sua mazza da golf dopo uno swing deludente

Ma quando fallì e si spostò di 300 iarde, il cutter della Guardia Costiera Maui sparò una raffica di colpi di avvertimento da una mitragliatrice calibro 50.

Un altro colpo è stato sparato quando le barche iraniane si sono avvicinate da una distanza di 150 iarde.

Dopo di che, ha detto la signora Rebarish, le due barche iraniane “hanno cambiato rotta e hanno aumentato la distanza dalle forze statunitensi”.

Alla domanda se alle navi americane fosse stato permesso di sparare direttamente e affondare barche iraniane, Kirby si è rifiutato di descrivere le loro regole di ingaggio.

Ma ha aggiunto: “Hanno il diritto all’autodifesa e sanno come usarlo”.

Kirby ha anche osservato che le azioni iraniane sono avvenute nello Stretto di Hormuz, dove non c’è molto spazio per il movimento delle navi.

Ha detto: “È un corso d’acqua internazionale e, naturalmente, quando sei nello stretto, ci sono alcuni limiti alla tua manovrabilità”.

“È un collo di bottiglia nella regione. Quindi non è importante che questo tipo di comportamento pericoloso, non sicuro e non professionale avvenga lì”.

Il 26 aprile, una nave da guerra statunitense ha sparato colpi di avvertimento quando le navi della Guardia rivoluzionaria iraniana si sono avvicinate a una pattuglia nel Golfo Persico.

Questa è stata la prima sparatoria nel suo genere in quasi quattro anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *