‘Pata Bata’, dall’inno ‘banale’ all’inno anti-apartheid

Questa è la terza parte di una serie di 6 parti

Leggi la prima parte qui

Leggi la seconda parte qui

“Pata Pata è il nome del ballo / Lo facciamo in Johannesburg Road / E tutti iniziano a muoversi / Quando Pata Pata inizia a suonare, Miriam Makeba canta in una traccia che sembra completamente innocua se l’ascoltatore non approfondisce i testi di Xhosa. La stessa star sudafricana ha definito la canzone “banale”. Senza ulteriore contesto o conoscenza del background del cantante, è difficile capire l’importanza della melodia, che è stata una delle prime canzoni africane a raggiungere la fama internazionale.

lotta per la vita

La vita di Makeba è stata segnata dalla lotta. Poco dopo la sua nascita, il 4 marzo 1932, nella città di Prospect di Johannesburg, sua madre fu condannata a sei mesi di prigione per aver venduto illegalmente birra per sostenere la sua famiglia. Miriam, alias Zenzi (abbreviazione di ce l’ha fatta, la frase Xhosa che significa “Non hai nessuno da incolpare se non te stesso”), accompagnò sua madre in prigione, dove trascorse i primi mesi della sua vita.

La sua lunga storia di lotta alla persecuzione razziale ha anche alzato il livello della canzone

All’età di 14 anni, quando è iniziata la segregazione, ha rapidamente parlato contro la segregazione dopo aver iniziato la sua carriera musicale sei anni dopo. All’età di vent’anni, lei era già Madre Per una bambina di tre anni, a Sopravvissuta al cancro al seno e Divorziato.

Bata Bata È stato originariamente registrato in Sud Africa dal gruppo femminile Makeba, The Skylarks, nel 1959, anche se alcune fonti dicono che era nel 1956. Armonie vocali complesse, a atmosfera spontanea e mescolare popE il Jazz E il Influenze bibliche تأثيرات (Makiba ha imparato a cantare in un coro di una chiesa protestante), il gruppo ha avuto successo nel paese, ma la canzone non ha ottenuto l’attenzione internazionale.

READ  L'agenzia di censura italiana ha inflitto a Facebook una multa di 7 milioni di euro per uso improprio dei dati dei suoi abbonati

30 anni in esilio

Dopo poco tempo, l’attività sociale della cantante ha portato alla brusca fine della sua carriera in Sud Africa. la sua apparizione in Forza Africa, film anti-apartheid diretto dal regista americano Lionel Rogosin, e la sua prima al Festival di Venezia del 1959, dove vinse un premio, la costrinsero a vivere in esilio per più di 30 anni. Privata della sua cittadinanza e del diritto di tornare in Sudafrica, Makeba non fu nemmeno in grado di partecipare al funerale di sua madre nel 1960, il che non fece che aumentare la sua rabbia e il suo attivismo.

Nel 1967, a circa 10 anni dalla sua costituzione, Bata Bata È stato ri-registrato negli Stati Uniti e pubblicato sull’album in studio del cantante con lo stesso nome, su Reprise Records. Il compositore americano di successo Jordan “Jerry” Ragovoi, noto per molte canzoni soul, ha prodotto la canzone nuova copia Dalla pista, contrassegnata da a parlato La parte presentata dall’artista in inglese, e altro ancora piantare solchiE il atmosfera ad alta energia.

Nella canzone, Makeba “scatta”, brontolando e perdendosi in una gioia apparentemente inarrestabile. Il successo mondiale della melodia ha portato a raccolte di canzoni di artisti ل SpagnaE il ItaliaE il Finlandia E il Francia, inclusa una versione cantata da Sylvie Vartan che non è affatto vicina all’età dell’originale.

Grazie a questa esposizione, Makeba è diventata un simbolo della lotta contro l’apartheid, ma la sua lunga storia di partecipazione ad essa Combattere la persecuzione razziale Caricato anche il file della canzone. Nel 2020, Angelique ha regalato a Kidjo Bata Bata Aggiornamento sull’era della pandemia. La cantante beninese vede “Party Song” di Mama Africa come un inno che mette in luce le ingiustizie dell’apartheid.

Il tono “insignificante” è continuato fino alla fine della vita di Makeba: nel 2008 è morta in Italia dopo aver tenuto un concerto antimafia, durante il quale ha cantato Bata BataPer sostenere lo scrittore Roberto Saviano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *