Papa Francesco chiede al governo italiano di intervenire in Vaticano

Gli avvocati di un investigatore dell’intelligence italiana ricercato dal Vaticano con l’accusa di frode hanno chiesto al governo italiano di fare pressioni sugli avvocati del papa per decidere se processarlo o archiviare il caso.

In una lettera dell’8 giugno e in una mail inviata all’ambasciata italiana in Santa Sede, sostenevano che Cecilia Marogna non poteva cercare lavoro al Waqf né sostenerla poiché la sua giovane figlia era stata arrestata “illegalmente”. Richiesta in ottobre.

Hanno chiesto all’ambasciata di intervenire presso il Vaticano per conto di Marogna, cittadino italiano, secondo un comunicato diffuso dall’Associated Press.

L’ambasciata italiana ha rifiutato di commentare giovedì.

La procura vaticana ha accusato Marogna di appropriazione indebita e abuso di fondi della Santa Sede. Dicono che gli sia stato offerto un minimo di 575.000 euro (.000 700.000) dalla Segreteria di Stato del Vaticano dal 2018-2019 per aiutare gli ostaggi cattolici liberi, ma quei soldi sono stati usati invece di acquistare Prada, Chanel e altri articoli di lusso di fascia alta.

Marogna ha affermato di essere stato pagato per un adeguato lavoro di intelligence e sicurezza e pagato per le sue spese.

Il 13 ottobre, la polizia italiana ha arrestato Marogna a Milano sulla base di un mandato internazionale emesso dal Vaticano tramite l’Interpol. È stata incarcerata per due settimane prima che un tribunale italiano ne ordinasse il rilascio.

La Corte Suprema d’Italia ha stabilito che non dovrebbe mai essere arrestato per non avere un trattato di estradizione tra l’Italia e il Vaticano e che era necessario un tribunale per valutare se potesse essere estradato. A gennaio, in una confessione imbarazzante che avrebbe perso in tribunale, il Vaticano ha formalmente ritirato del tutto la sua richiesta di estradizione.

READ  L'Italia ha battuto nuovamente la Serbia nel Campionato del Mondo FIFA femminile Under 20

All’epoca, gli avvocati vaticani dissero che il caso contro Marogna era “immediato”. Ma sei mesi dopo, nessuna accusa è stata presentata contro di loro.

Il processo Marogna è un ciclo di importanti indagini vaticane sulla segreteria statale per gli investimenti da 350 milioni di euro nell’iniziativa immobiliare di Londra, che è stata trascinata per due anni senza essere accusata.

Marogna ha detto di aver raggiunto l’allora segreteria di Stato. 2, il cardinale Angelo Pescio, preoccupato per la sicurezza nei punti caldi delle ambasciate vaticane nel 2015, è stato rapidamente portato nella cerchia ristretta di Peki. L’ha nominata consulente esterno per la sicurezza e ha approvato i pagamenti per lui.

A seguito di un’altra indagine, papa Francesco ha licenziato Pescius a settembre come capo della preparazione monastica vaticana. In esso, Becky è accusata di aver donato 100.000 euro del fondo della Santa Sede a un ente di beneficenza diocesano gestito dal fratello. Nega di sbagliare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *