Pakistan: uomini armati in moto uccidono quattro operatori umanitari | Pakistan

Uomini armati in motocicletta hanno teso un’imboscata a un veicolo che trasportava istruttori di una scuola professionale privata nel nord-ovest Pakistan Lunedì, quattro donne sono state uccise e l’autista è rimasto ferito prima di fuggire.

Shafiullah Khan Gandapur, capo della polizia distrettuale, ha detto che l’attacco è avvenuto nel villaggio di Ibi vicino a Mir Ali, una città nel Nord Waziristan in una ex regione tribale al confine con l’Afghanistan.

La polizia ha detto che le donne sono state mandate al villaggio da una scuola professionale privata, il Bravo Institute of Technology, Peshawar, in base a un accordo con Sabawon. Pakistan Beneficenza. Hanno in programma di formare 140 residenti per occupazioni che richiedono competenze che consentano loro di aprire la propria attività.

Irfanullah Marout, un portavoce di Sabawon, ha detto che le donne non sono dipendenti.

Gandapur ha affermato che l’attacco avrebbe potuto essere evitato se la polizia avesse ricevuto una richiesta di sicurezza in un’area in cui i militanti avevano intensificato i loro attacchi alle forze negli ultimi mesi.

L’autista ferito, Abd al-Khaliq, ha detto di aver visto gli aggressori su due motociclette aprire il fuoco e poi fuggire. Ha detto che l’Istituto Bravo lo ha assunto per trasportare le donne dalla città di Bannu a Mir Ali e restituirle.

L’attacco ha scatenato la condanna degli attivisti per i diritti umani sui social media, con la maggior parte che chiede un’azione rapida contro i responsabili.

Negli ultimi mesi i militanti pakistani hanno intensificato le loro attività nella regione, suscitando il timore che si stiano raggruppando nell’area, che era un’ex roccaforte talebana. I militanti attaccano spesso le forze pakistane nelle ex aree tribali al confine con l’Afghanistan.

READ  The British government plans to approve and distribute the Oxford vaccine from 4 January

Le province del Waziristan settentrionale e meridionale sono state la base principale per i militanti locali e stranieri fino a quando l’esercito non ha assicurato le aree nel 2015.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *