Orrore in Francia: rifugiato ruandese arrestato per aver ucciso un sacerdote che aveva accolto nella regione | mondo | Notizia

Emmanuel Abaisinga, un rifugiato ruandese arrivato in Francia nel 2012, si sarebbe presentato lunedì mattina alla gendarmeria di Mortagne-sur-Sèvre a Vendé. Il sig. Abayisenga avrebbe affermato di aver ucciso un sacerdote di 60 anni, che lo aveva ospitato nella comunità monfortana di Saint-Laurent-sur-Sèvre dallo scorso anno.

Dopo che il sig. Abayisenga si è presentato alla polizia, si dice che gli agenti si siano recati nel comune.

Poi gli agenti hanno scoperto il corpo dell’uomo sul posto.

La polizia ha detto che attualmente non stanno trattando l’incidente come un attacco terroristico.

Abayisenga è anche accusato di aver dato fuoco a Saint-Pierre-et-Saint-Paul a Nantes lo scorso anno.

Bruno Ritaio, senatore della Vandea, ha reso omaggio a padre Olivier Mayer, che ha descritto come la vittima dell’incidente.

Ha scritto in un tweet che voleva essere “onorato”.

Ha aggiunto: “La sua morte testimonia la gentilezza di questo sacerdote che conosco così bene e la cui fede ho potuto apprezzare.

“La sua morte è una grande perdita”.

Il ministro dell’Interno Gerald Darmanen ha espresso solidarietà alla comunità cattolica.

“Tutto il mio sostegno ai cattolici del nostro Paese”, ha detto, “dopo il tragico omicidio di un prete in Vandea”.

Marine Le Pen ha anche affermato: “In Francia possiamo quindi essere illegali, dare fuoco alla cattedrale di Nantes, non essere mai espulsi e offendere nuovamente uccidendo un cappellano.

“Quello che sta accadendo nel nostro Paese è di una gravità senza precedenti: è il completo fallimento dello Stato e di Gerald Darmanin”.

Il signor Darmanin ha risposto: “Che insulto! Invece di esprimere la sua simpatia per i cattolici che hanno accolto questo assassino, Madame Le Pen discute senza conoscere i fatti”.

READ  Un repubblicano del Texas chiede: possiamo aggiustare l'orbita della luna per combattere il cambiamento climatico? | Texas

“Questo straniero non è stato espulso nonostante il suo ordine di espulsione finché il controllo giudiziario non viene revocato”.

Nel marzo 2020, al sig. Abaisinga è stato ordinato di lasciare la Francia, ma non è stato espulso.

Il suo avvocato ha poi detto che l’uomo aveva confessato di aver dato fuoco alla cattedrale di Saint-Pierre-et-Saint-Paul a Nantes.

La notte prima dell’incendio del 18 luglio, fu incaricato della chiusura della Basilica dei Santi Pietro e Paolo, che risale al XV secolo.

Il pubblico ministero di Nantes, Pierre Senes, ha affermato di essere stato accusato di “distruzione e danni da incendio”.

Rischia fino a 10 anni di carcere e una multa di 150.000 euro (£ 136.000).

“Ha ammesso di aver acceso tre fuochi nella cattedrale: nell’organo grande, nell’organo più piccolo e nel quadro elettrico”, ha aggiunto Sens.

Segnalazione aggiuntiva di Maria Ortega

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *