Orcel smette di sbarazzarsi della suite d’arte UniCredit مجموعةمجموعة

Andrea Orsel, capo della banca d’investimenti UBS, arriva per fornire prove all’inchiesta bancaria parlamentare britannica sui tassi Libor a Londra il 9 gennaio 2013. REUTERS/Olivia Harris/File Photo

MILANO (Reuters) – L’Unicredit ha dichiarato mercoledì di aver interrotto la vendita della sua collezione d’arte, l’ultima mossa del nuovo amministratore delegato Andrea Orsel per ribaltare una decisione presa dal suo predecessore Jean-Pierre Mustier.

UniCredit ha annunciato nel febbraio 2019 che eliminerà gradualmente le collezioni d’arte locali in Italia, Germania e Austria e utilizzerà i proventi principalmente per finanziare iniziative di impatto sociale.

La banca ha detto mercoledì che manterrà i suoi impegni nelle attività sociali ma ha interrotto il progetto Art4Future, che aveva spinto il gruppo a regalare alcune importanti opere d’arte.

Nel tentativo di rendere la sua collezione disponibile a un pubblico più ampio, UniCredit ha dichiarato che prevede di fornire l’accesso digitale e lanciare programmi educativi per i giovani, oltre a organizzare una mostra.

“Unicredit è un gruppo europeo con un’anima italiana, dove arte e cultura sono al centro di questo Paese”, ha affermato Orcel in una nota.

Il concorrente di punta Intesa Sanpaolo (ISP.MI) espone le sue collezioni d’arte, per un valore di 294 milioni di euro (347 milioni di dollari) lo scorso anno, in tre musei situati a Milano, Napoli e Vicenza, e un quarto è previsto per l’apertura a Torino.

Meno di un mese dopo aver preso le redini di UniCredit, Orcel ha revisionato il gruppo dirigenziale della banca, demolendo la struttura principale comune che Muster aveva messo in atto nel tentativo di semplificare l’attività della banca. Leggi di più

Mentre Muster ha lavorato per ridurre l’esposizione di UniCredit al suo paese d’origine carico di debiti, Orcel ha investito tutte le sue attività italiane in una nuova attività indipendente chiamata UniCredit Italia “per sottolineare … l’importanza del nostro patrimonio e delle nostre radici”.

READ  Il PIL pro capite olandese è ancora relativamente alto all'interno dell'Unione europea

(1 dollaro = 0,8463 euro)

Segnalato da Valentina Za; Montaggio di Jean Harvey

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *