Nuovo dpcm, faq: Può andare nelle seconde case – Notizie

Le seconde case possono essere raggiunte in un’altra regione o anche in una provincia autonoma (E dalle zone “arancio” o “rosso”), ma solo a chi può dimostrare di avere realmente il diritto di possedere l’immobile prima che entri in vigore l’ordinanza del 14 gennaio. Questo è quello che leggiamo Domande del governo Ora rilasciato. Ciò è spiegato nella descrizione come una possibilità limitata di “ritorno” perché le norme in vigore consentono di “tornare” dal 16 gennaio 2021, senza imporre effettivamente alcuna restrizione, alla propria residenza, residenza o casa. Rispetto alle cosiddette “seconde case”. Il titolo per passare alla seconda casa è: “Per ovvi motivi di obiezione, deve avere una data specifica prima del 14 gennaio 2021 (ad esempio, la data di un atto notarile o la data di registrazione di un contratto privato)”. Pertanto, tutti i titoli di licenza (compresi i contratti di locazione brevi soggetti a registrazione) successivi a tale data sono esclusi, si prega di specificare le domande. Certo, “la casa bersaglio non dovrebbe essere abitata da persone che non appartengono all’embrione familiare, e solo questo embrione può essere portato lì”. L’esistenza dei requisiti può essere provata con o senza copia dell’atto di proprietà con data precisa Autocertificazione. L’autenticità delle autocertificazioni è sottoposta a successive verifiche e la falsità di quanto segnalato costituisce reato.

Va bene non vivere insieme in macchina, ma solo il guidatore che precede
È possibile utilizzare l’auto “a meno che le persone non vivano insieme, purché siano rispettate le stesse misure precauzionali per il traffico non pianificato: con solo il conducente nella parte anteriore dell’auto e un massimo di due posti posteriori dei passeggeri in ogni fila aggiuntiva, con tutti i passeggeri tenuti a indossare una maschera”. Questo è ciò che leggiamo in Fox sul sito web del governo. “L’obbligo di mascheramento – prosegue – può essere scontato solo se tra le file anteriore e posteriore della vettura è montato un separatore di carrozzeria (plexiglas), in questo caso solo guidatore in prima fila e passeggero in coda”.

Sì ai compagni per i viaggi tra le regioni
Anche se è giustificato per una persona viaggiare tra aree di colori diversi, se non ha un’auto o la patente di guida, o non è autosufficiente, o ha un altro ostacolo, tenere conto della necessità di limitare l’uso del trasporto pubblico da parte di un familiare (preferibilmente cooperativo) o di un responsabile del trasporto da e per la propria casa. . Il governo Fox lo spiega. Se l’accompagnatore e l’accompagnatore non vivono insieme, devono indossare entrambi una maschera. In queste condizioni, anche il viaggio del compagno è giustificato.

READ  L'Italia preme per inviare rifiuti illegali dalla Tunisia |

Dal rosso ad altre aree di lavoro, necessità o salute
La circolazione è consentita in aree con limitazioni di viaggio diverse dal rosso (quindi arancione o giallo), come in qualsiasi altro movimento, “solo per comprovate esigenze di lavoro, circostanze necessarie (es. Acquisto di articoli essenziali) o per motivi di salute”. È consentito “se esiste una previsione, è assolutamente necessario assicurarsi che l’insegnamento venga svolto di persona”. Il governo Fox lo spiega.

Sì, dovrebbe essere preso fino alle 22:00, non in cucina o in bar del genere
“Sono possibili anche vendite con asporto dalle ore 18.00 alle ore 22.00, ma in questi casi è vietata per la funzione principale soggetti di bar fuori cucina (e altre attività similari – codice ATECO 56.3) o commercio al dettaglio di bevande (codice ATECO. 47.25)”. Questo è ciò che Fox legge sul sito web del governo, soprattutto per tutte le aree. “La consegna a domicilio – si legge ancora – è consentita senza limiti di tempo, ma in ogni caso deve rispettare i termini di confezionamento e consegna dei prodotti”. Nelle sezioni della Zona Arancione e Rossa, si aggiunge che “questo è consentito senza restrizioni su cibo e bevande negli hotel e altre attività ricettive, solo per i clienti che vi soggiornano”.

Sì per viaggiare tra le regioni per i funerali correlati
Sì a viaggiare tra zone di diversi colori per i funerali dei parenti. Il governo Fog lo predice. “Partecipare ai funerali di parenti stretti (che possono essere considerati almeno di secondo grado) o l’unico parente rimanente – si legge Fogg – è sempre un fattore nella necessità del rispetto di tutte le misure di prevenzione e sicurezza, compreso lo spostamento tra diversi territori a rischio di estinzione e la variazione di emergenza dal Govt-19 E anche con diverse sezioni per il controllo ”.

Due persone nella zona rossa hanno confermato la visita
Dal 16 gennaio al 5 marzo 2021 gli spostamenti nella zona rossa sono consentiti solo per motivi di lavoro, salute o necessità (anche in un’altra regione), ed è sempre consentito il rientro nella propria residenza, domicilio o domicilio, comprese le seconde case. Lo conferma il Government Folk, che garantisce che un massimo di due persone al giorno possano recarsi in una casa privata situata nello stesso comune, oltre a quelle che già convivono. A casa. Una o due persone in movimento possono comunque portare bambini di età inferiore ai 14 anni e coloro che convivono con loro che sono disabili o autosufficienti. Per i residenti di un comune con una popolazione di 5.000 abitanti, lo spostamento è consentito entro 30 km dal loro confine comunale (quindi in altra regione o provincia autonoma), vietando comunque loro di recarsi nei capoluoghi di provincia. Il ritorno a casa dopo aver visitato amici o parenti dovrebbe sempre avvenire tra le 5 e le 22, in tutto il paese e indipendentemente dal fatto che il giorno sia un giorno feriale o festivo. I motivi che giustificano i movimenti dalle 22:00 alle 5:00 sono solo con il lavoro, il bisogno o la salute.

READ  Santa Lucia per aprire un nuovo ristorante italiano in città d'affari

Sì, devi spostarti tra le zone per aiutare chi non è autosufficiente
Il governo Fox spiega che il movimento per fornire assistenza ai parenti non autosufficienti è consentito tra comuni e regioni in diverse regioni, e quel comune o regione “non può fornire loro l’assistenza di cui hanno bisogno attraverso altri soggetti esistenti”. Tuttavia, non è possibile spostarsi più di quanto sia assolutamente necessario per fornire l’assistenza necessaria: di solito solo un parente adulto, solitamente con minori o persone con disabilità che stanno già aiutando. All’interno della zona rossa puoi andare ad aiutare un parente o un amico non autosufficiente perché “condizione necessaria”. Tuttavia, per gli anziani o per coloro che sono già affetti da altre malattie, dobbiamo ricordare che “sono i tipi più vulnerabili, quindi è importante cercare di proteggerli il più possibile dal contatto”. Per chi vive nella zona rossa, invece, fino al 15 gennaio, è vietato agli anziani, ma a chi è in buona salute, andare altrove a vedere i genitori.

I genitori separati possono sempre vedere i bambini. Possibile portare ai nonni ma sconsigliato vivamente
Le persone divorziate o divorziate possono vedere i loro figli minorenni in un’altra regione o all’estero. Lo spiega il Government Folk, secondo il quale “sono consentiti spostamenti tra regioni e zone diverse per raggiungere i figli minorenni con altri genitori o in qualsiasi momento nelle case famiglia o portarli con sé”. Questi movimenti dovrebbero in ogni caso “scegliere il percorso più breve” e rispettare i requisiti sanitari (isolati, positivi, immunocompromessi, ecc.). Per quanto riguarda andare all’estero e viaggiare all’estero, è necessario informarsi su esigenze sanitarie specifiche legate a quale Paese si proviene o in quale Paese andare. Invece, portare i propri figli con i nonni o portarli all’inizio o alla fine della giornata lavorativa è “possibile ma sconsigliato” perché “gli anziani sono il tipo di infezione più vulnerabile, quindi la maggior parte dovrebbe evitare il contatto con gli altri è possibile”. Pertanto, questo movimento è consentito “solo in caso di estrema necessità, se entrambi i genitori non sono in grado di tenere i figli con sé per motivi di lavoro impellenti”. In questo caso i genitori possono portare i bambini dai nonni, “lungo il percorso strettamente necessario per raggiungerli e andare a lavorare o andare a prendere i bambini al loro ritorno”. Ma se possibile, “è assolutamente auspicabile che i bambini rimangano a casa con uno dei due genitori che approfitteranno di accordi di lavoro flessibili o andranno via”.

READ  Lisa Thompson ritiene che i livelli di forma fisica potrebbero motivare la Scozia a battere l'Italia

Sì per gli sport all’aria aperta nei club della Zona Gialla
“Recarsi presso centri e società sportive pubbliche e private dell’Area Gialla, svolgere attività sportive di base esclusivamente all’esterno, e rispettare le regole della distanza sociale, senza alcun incontro, come previsto dall’Ufficio Sportivo, d’intesa con l’Associazione Medica Sportiva Italiana (FMSI). Poi, con la droga che è vietato cambiare stanza all’interno dei club, questo è quello che si legge sul sito del governo FOC.

Sospesa nella Zona Gialla per musei e siti culturali
Nella Zona Gialla “è sospeso il servizio di apertura al pubblico di musei e altre istituzioni e luoghi culturali (di cui all’art. 101 del Codice dei beni culturali e del paesaggio)”.

Sì, la caccia e la pesca nella zona gialla è vietata nella zona rossa
L’attività venatoria o la pesca amatoriale o sportiva è consentita ovunque all’interno dell’Area Gialla; L’area arancione è consentita solo all’interno del loro comune; Vietato nella zona rossa. Questo è ciò che leggiamo in Fox sul sito web del governo.

Al cane è permesso sedersi nella zona rossa, che è come un’attività di cameriera
“Dog sitter è consentito da dpcm” perché è “un’attività lavorativa simile alla cooperazione domestica”. Questo è ciò che leggi nella sezione Folk, Red del sito web del governo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *