Nuova fossa leggera per serbatoio del carburante per missili in metallo e fibra di carbonio

Un serbatoio in plastica rinforzata con fibra di carbonio è stato testato presso il Centro aerospaziale tedesco.

Con il supporto dell’Agenzia spaziale europea, l’azienda aerospaziale tedesca MT Aerospace ha sviluppato un design unico per un serbatoio di carburante per razzi compatto in plastica rinforzata con fibra di carbonio. Il serbatoio può contenere idrogeno liquido e ossigeno senza perdite e senza utilizzare un rivestimento metallico.

Escludendo il metallo, il nuovo serbatoio del carburante è molto più leggero. Richiede anche un minor numero di parti per il montaggio ed è un’alternativa più rapida ed economica ad altri design di serbatoi di carburante, Secondo l’Agenzia Spaziale Europea. Qualsiasi modo per ridurre il peso su un veicolo spaziale è una benedizione, perché è necessario più carburante per lanciare oggetti più pesanti in orbita e oltre.

“Questo è un enorme passo avanti. Abbiamo trovato un composito di carbonio molto specifico e un metodo di lavorazione che ci consente di prendere in considerazione nuove strutture e gruppi di funzioni per gli stadi superiori dei razzi che non possono essere utilizzati con il metallo”, ha affermato in un’agenzia di stampa. pubblicazione.

Lanciamissili Ariane 6 con il futuro carro armato Phoebus.

Gli stadi superiori dei razzi sono importanti per la propulsione ad alta quota e nello spazio; La conversione dello stadio superiore da alluminio a composito di carbonio può yHo una capacità di carico extra di 2 tonnellateSecondo Daniel Neuschwander, direttore del trasporto spaziale presso l’Agenzia spaziale europea.

Il nuovo design in plastica rinforzata con fibra di carbonio è stato sottoposto a stress test criogenici, per vedere come si comporta il serbatoio nel trattenere il propellente raffreddato a -253°C (-423,4°F). “Il metallo è un sigillante. Per ricreare la stessa proprietà utilizzando il composito di carbonio è necessario un intricato intreccio di fibre di carbonio nero e una resina speciale. Il materiale ha resistito a temperature estremamente basse, cicli di pressione e materiali reattivi su una serie di test separati”, Underhill disse.

Infine, i dati dei test del design innovativo verranno applicati all’aspetto finale del razzo dello stadio superiore Phoebus dell’Agenzia spaziale europea. Lanciagranate Ariane 6. Febo avrà serbatoi di idrogeno e ossigeno larghi circa 12 piedi Realizzato in plastica rinforzata con fibra di carbonio, il materiale verrà applicato anche all’interfaccia tra i serbatoi e lo strato esterno dello stadio superiore. Phoebus sarà testato con liquidi criogenici nel 2023, secondo quale – quale.

Questa squadra non è l’unica che cerca di uscire Materiali non convenzionali per veicoli spaziali. Ingegneri a VenlaE abbiamo costruito e testato un Satellite in legno Il prototipo che dicono sarà un file Proof of concept per futuri nanosatelliti con poco all’assenza di componenti metallici.

Di più: ecco come si trasporta un serbatoio di carburante dello space shuttle da 65.000 libbre attraverso una città affollata

READ  How do you see Mercury, Jupiter and Saturn in a rare coincidence this weekend

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *