Notizie in diretta: la Cina richiede le pulizie di primavera dei contenuti online

Tennis Australia ha invertito la sua politica di espellere gli spettatori dagli Australian Open per aver indossato magliette a sostegno del giocatore cinese scomparso Peng Shuai.

La giocatrice numero uno al mondo di doppio era assente dal torneo e sono state sollevate preoccupazioni sulla sua sicurezza dopo aver affermato a novembre di essere stata aggredita sessualmente da Zhang Gaoli, un ex vicepremier cinese.

Una portavoce di Tennis Australia, dopo aver affrontato le critiche di giocatori, commentatori e politici, ha affermato che avrebbe adottato un “approccio ragionevole all’applicazione delle politiche”, purché coloro che sostengono Ping non abbiano causato alcuna interruzione durante le partite.

Due persone che indossano magliette con la scritta “Dov’è Peng Shuai?” Sono stati cacciati dalla sicurezza e dalla polizia dal torneo, che si è tenuto a Melbourne, nel fine settimana.

Tennis Australia ha difeso l’espulsione, dicendo che le maglie erano contrarie alla sua politica sulle dichiarazioni politiche e commerciali. L’argomento è stato ampiamente criticato, con l’ex campionessa e commentatrice Martina Navratilova che questa settimana l’ha definita “codarda”.

Attivisti per i diritti umani hanno raccolto fondi per stampare migliaia di magliette con il logo da distribuire prima della finale femminile di questo fine settimana.

A novembre, la Women’s Tennis Association ha dichiarato di non essere stata in grado di localizzare Peng settimane dopo che le accuse di aggressione sessuale di Zhang erano state pubblicate sul suo account Weibo.

Nei suoi primi commenti dopo il post sui social media, a dicembre Ping ha detto al quotidiano Lianhe Zaobao di Shanghai di non essere stata aggredita. La WTA ha continuato a esprimere il proprio sostegno alla giocatrice a causa delle preoccupazioni per la sua sicurezza.

READ  Napoli sollecitato a firmare Juventus --Juvefc.com 'Farò un sacrificio economico per il suo stipendio'

È il secondo incidente mondiale a gettare un’ombra sul torneo del Grande Slam dopo che il governo australiano ha espulso dal Paese il giocatore non vaccinato Novak Djokovic, il numero uno del mondo, per motivi di interesse pubblico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *