Notizie dall’UE: le richieste finanziarie del Parlamento fanno arrabbiare gli Stati membri | Politica | notizia

Gli europei vogliono assumere altre 322 persone l’anno prossimo per aiutare i deputati, secondo una bozza di piano presentata nei negoziati sul bilancio dell’UE per il 2022. Si dice che il Parlamento abbia “previsto 142 posti di lavoro aggiuntivi nel piano di incorporazione e 180 dipendenti esterni” per il prossimo anno . Il documento chiarisce che il Parlamento è l’unica istituzione dell’Unione europea ad aver aumentato il proprio organico negli ultimi 10 anni.

Nel frattempo, la Commissione europea e il Consiglio d’Europa sono stati al di sotto dei livelli del 2012 per diversi anni.

Il documento fa riferimento a un “nobile accordo” mediato negli anni ’70 che impedisce agli Stati membri di apportare modifiche al bilancio del Parlamento europeo.

Essa afferma: “Il Consiglio non apporta alcun adeguamento alla stima delle spese del Parlamento europeo”.

Ha fatto arrabbiare i diplomatici dell’UE, che credono che le richieste troppo entusiaste siano ingiustificate quando gli Stati membri cercano di rilanciare le loro economie colpite dall’epidemia.

Un insider di Politico ha dichiarato: “È molto confuso.

Chiedono 322 nuovi posti di lavoro. Cosa stanno facendo? Soprattutto in un momento in cui gli Stati membri usano ogni euro due volte per riportare l’economia ai livelli pre-crisi. Hanno appena aggiunto un piano completamente nuovo alla loro torre d’avorio”.

Un secondo diplomatico ha descritto la richiesta come “ridicola”.

Un terzo ha indicato che la Camera dei rappresentanti nomina già circa 7.500 persone per lavorare nel suo segretariato generale e per i gruppi politici.

Il consiglio ha solo circa 3.500 persone che lavorano per sostenere gli stati membri.

READ  Long prison sentences are given to men involved in Vietnamese truck deaths

“Con tutti questi dipendenti, di cosa hanno bisogno le nuove persone?” chiese il diplomatico.

Damien Bossellager, l’eurodeputato che negozia per conto del Parlamento, ha affermato che la richiesta di un maggior numero di dipendenti è stata guidata dai recenti tagli e dall’adattamento a un carico di lavoro sempre crescente.

DEVI LEGGERE: Gary Neville accusato di “dichiarazione politica inappropriata”

“Da un punto di vista umanitario, ho ritenuto che fosse ingiusto non vedere questo bisogno”, ha affermato Possellager.

Un portavoce del Parlamento ha affermato che la Fondazione “ha richiesto capacità finanziarie aggiuntive per ospitare funzioni IT/di sicurezza critiche per garantire la maggiore flessibilità del Parlamento europeo”.

L’assistente ha aggiunto che i fondi “consentiranno anche di coprire un’ulteriore assistenza parlamentare ai deputati”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *