Notizie dal Chelsea: perché Tammy Abraham ha rifiutato al Barcellona di unirsi alla Roma

Tammy Abraham del Chelsea ha rifiutato il trasferimento del Barcellona alla Roma (Immagine: GETTY)

di larghe vedute L’attaccante del Chelsea Tammy Abraham ha rifiutato l’opportunità di unirsi al Barcellona dopo essere stato vinto dall’allenatore della Roma Jose Mourinho e dal direttore generale del club Thiago Pinto.

Abraham, che ha segnato 30 gol in 82 presenze con il Chelsea, è attualmente in Italia per completare il suo trasferimento alla Roma per 34 milioni di sterline.

Il nazionale inglese è allo Stamford Bridge da quando aveva sette anni, ma è stato bloccato da Thomas Tuchel la scorsa stagione e il Chelsea ha recentemente concluso un contratto record con l’attaccante Romelu Lukaku.

Un certo numero di club hanno espresso interesse per la firma di Abraham, compresi i rivali della Premier League, l’Arsenal, ma ora è vicino a unirsi al club italiano della Roma.

Sky Sport Il Barcellona afferma che il Barcellona ha fatto una mossa sorprendente per firmare Abraham prima della Roma questa settimana, con l’allenatore Ronald Koeman che ha persino chiamato il 23enne nel tentativo di convincerlo a unirsi ai giganti spagnoli.

Ma si presume che Abramo avesse già parlato con il tecnico della Roma Mourinho e si sia venduto all’idea di trasferirsi nel club in un incontro con il direttore generale Pinto.

Abraham è pronto a collaborare con l’ex boss del Chelsea Jose Mourinho a Roma (Immagine: GETTY)

Si ritiene che l’imminente trasferimento di Abraham alla Roma includa una clausola di riscatto fissa di 68 milioni di sterline, ma che non può essere attivata fino a quando non avrà trascorso due stagioni in Serie A.

In risposta al trasferimento di Abraham alla Roma, l’ex difensore del Manchester United e dell’Inghilterra Rio Ferdinand ha dichiarato: cinque: “Grande movimento, grandi aspettative perché questi tifosi si aspettano molto.

Vorranno almeno 10-15 gol in questa stagione. Aspettati grandi cose in questo club. È qualcuno che vuole quell’adulazione e quella pressione. Ma ogni livello ha giocato in gol segnati.

Per altre storie come questa, dai un’occhiata alla nostra pagina sportiva

Segui Metro Sport sui nostri canali social, su Facebooke Twitter e Instagram

READ  Il giorno in cui Welles è stato definito "debole" in Italia come una sconfitta storica, e il sorriso di Colin Sharvis ha causato il caos.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *