Non rovinarlo! Gli italiani celebrano la classica carbonara

La carbonara tradizionale è fatta con uova, chin di maiale (quansiel), pecorino e pepe

Roma – uno dei primi piatti classici del paese, celebra martedì le prelibatezze italiane – la Carbonara – aveva un messaggio semplice per gli stranieri: mantieni la semplicità, non tradire la tradizione.

“Il segreto di una buona carbonara … non è quello che ci metti, ma quello che non ci metti”, ha detto all’Afp Eleonora Cocella, giornalista alimentare ed esperta di carbonara.

Stava parlando quando è stata lanciata a Roma la maratona online annuale “Carbonara Day” di eventi a tema Carbonara organizzata dall’Associazione Produttori Italiani Pasta.

La classica carbonara, comune nella regione Lazio di Roma e dintorni, è fatta con uovo, mento di maiale (guanciol), pecorino e pepe. Gli italiani si toccheranno quando altri ingredienti verranno aggiunti al mix.

All’inizio di quest’anno, la ricetta del New York Times per una ricetta “carbonara di pomodoro affumicato” che includeva pomodori e ha sostituito il mento di maiale e il pecorino con maiale e parmigiano ha suscitato scalpore in Italia.

La lobby dei contadini Goldiretti ha definito la ricetta americana “un confuso knock-off di cibo prezioso della tradizione popolare italiana” e si è lamentato del fatto che la carbonara fosse “una delle cucine italiane più distorte”.

Come è stato creato a Roma alla fine della seconda guerra mondiale, quando i soldati americani invasero e portarono il maiale all’Italia affamata e affamata, questo cibo era in realtà in debito con gli Stati Uniti.

Matteo de Angeles, portavoce della Pasta Growers Association, ha affermato che anche alcune delle più antiche ricette italiane per la carbonara – degli anni ’50 – contengono ingredienti inappropriati come aglio e formaggio Crche.

READ  Xfactor 2020, Casatilego vince - Ultima Ora

Gosella ha detto di essere “mai calunniato” dalle insolite variazioni sulla Carbonara. Ma ha aggiunto: “Alcune versioni possono essere considerate un onore e altre un insulto”.

“L’importante è non oltrepassare mai la linea del tradimento allo spirito del piatto. Il problema non è mai innovazione contro tradizione, ma tradizione e tradimento”, ha concluso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *