Non mi sono accorto del motore prima dell’Italia – Gioco

Emmeline Moore (AFP)

Roma, Italia
Martedì 15 giugno 2021

2021-06-15
14:36

c78dad32e3af0945bdb46490a80be336
2
Gli sport
Calcio, Italia, Euro, Euro 2020, Roberto-Mancini, Lorenzo-Insine
Gratuito

Lorenzo Einstein, che è stato a lungo trascurato nella struttura della squadra nazionale, ha notato le sue intenzioni a Euro 2020, con un obiettivo enorme nella vittoria iniziale dell’Italia sulla Turchia.

Sotto Roberto Mancini, il 30enne capitano del Napoli ha finalmente avuto la possibilità di brillare come titolare sulla scena internazionale, una posizione che spera possa essere inserita nella seconda partita del Gruppo A dell’Italia contro la Svizzera mercoledì.

“Mi sento un leader? No, solo un vecchio”, Insine, che ha esordito in nazionale nove anni fa, ha segnato nove volte in 42 presenze, con cinque gol che hanno portato all’incantesimo di Mancini.

Quasi quattro anni fa, il tecnico assiro Gian Pio Ventura ha rifiutato di usare Insane dalla panchina in un pareggio a reti inviolate contro la Svezia, condannando i quattro volte vincitori della Coppa del Mondo per aver saltato la finale per la prima volta dal 1958.

A San Siro quella notte di novembre, quando l’ex campione del mondo Daniel de Rossi disse con foga, indicando le insegne, chiese con rabbia: “Perché dovrei andare? Non abbiamo bisogno di equilibrio, abbiamo bisogno di una vittoria”.

All’epoca Insignia, che nella stagione precedente aveva segnato 20 reti in tutte le competizioni, era in ottima forma per il Napoli.

Ma l’ala non si adattava alla tattica difficile di Ventura e, dopo essere apparso breve all’andata, quella sera non l’ha mai aggiunto al campo.

READ  Arco de Ricardo - Trieste, Italia

Inzine, convocato in Nazionale da Cicerone Brandelli nel 2012, proviene da tutte le squadre degli allenatori dell’Italia, ma non è mai stato considerato un giocatore chiave.

Durante i Mondiali del 2014, ha avuto il ruolo di semplice spettatore quando è uscito dal livello di squadra, sempre sotto Euro 2016 sotto Antonio Conte, quando l’Italia non è riuscita a penalizzare la Germania nei quarti di finale.

Venerdì ha avuto una grande opportunità, debuttando da titolare in un grande torneo internazionale.

“Insignia è fondamentale per noi”, ha detto Mancini. “Per il ruolo di mettere insieme le cose, è un giocatore importante per il nostro gioco”.

La fiducia di Incin Mancini è stata ripristinata con una prestazione implacabile, spingendo l’ala su e giù per 80 minuti prima di segnare il terzo gol della serata.

“La cornice della mente”

Con il Napoli che ha segnato 109 gol in quasi 400 partite dal 2010, questa è la stagione mista 2020-21 per Insane.

Ha segnato un record personale di 19 gol in campionato in Serie A, ma ha sbagliato un rigore nella sconfitta della Juventus in Supercoppa italiana e il Napoli ha perso la Champions League.

Ma ha trovato il suo posto nella squadra italiana con l’amico di lunga data della Lazio Ciro Immobile, che ha segnato 14 gol in nazionale contro la Turchia.

“InSign, che ha giocato al fianco di Immobile e Dominico Ferrari”, l’allenatore è nello stato d’animo giusto per esprimersi al meglio e divertirsi.

Per la prima volta si sono aggiunti alla rosa del Torino Andrea Pelotti, la coppia Joe Federico Bernardecci e Federico Cisa e il giovane Sasuollo Giacomo Raspadori.

READ  Aveva 94 anni. Govt-Courier. Lo ha ucciso

“E’ questa la forza dell’Italia? Questa è la squadra. Il tecnico ha costruito un’ottima squadra”, ha aggiunto Insine.

“A nessuno è garantito un posto. Chi gioca sa cosa dobbiamo fare e deve servirsi a vicenda”.

Con Sisa e il difensore centrale Francesco Acerby pronti a intervenire, Mancini potrebbe decidere di far girare alcuni giocatori, ma la possibilità di chiudere gli ottavi di finale con una partita potrebbe innescare qualche rischio.

L’Italia, campione d’Europa nel 1968, è arrivata alla partita imbattuta da 28 partite, in attesa della decima vittoria consecutiva sulla carta bianca.

La Svizzera, che ha raggiunto gli ottavi nel 2016, è stata trattenuta sull’1-1 dal Galles nella sua prima partita, nonostante sia stata la prima puntata dell’attaccante Breil Embolo.

La forza svizzera è un centrocampo guidato da Remo Freiler dell’Atlanta, Granit Shaga dell’Arsenal e Sherton Shakiri del Liverpool.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *