Non essere “dalla parte sbagliata della storia”, dice Co Italia su Schwazer

Il capo del mondo di atletica leggera Sebastian Coe ha avvertito l’Italia di non essere dalla “parte sbagliata della storia” dopo che il tribunale ha assolto il campione olimpico Alex Schwartz dal doping.

Schwazer è stato sospeso per otto anni prima delle Olimpiadi del 2016 per i test positivi per gli steroidi anabolizzanti, ma ha affermato di essere stato vittima di un gioco sinistro.

I campioni prelevati il ​​1 ° gennaio 2016 hanno inizialmente dato esito negativo, ma una nuova analisi, il maggio successivo, ha rivelato gli effetti dei prodotti dopanti.

Schwazer aveva già scontato un divieto di tre anni e mezzo a causa di un test EPO positivo prima delle Olimpiadi di Londra 2012. Non ha contestato i risultati di quel test.

L’Agenzia mondiale antidoping (WADA) ha battuto l’Italia, vincitrice della 50 km di marcia alle Olimpiadi di Pechino 2008, con una squalifica di otto anni per la sua seconda infrazione.

Ma il mese scorso, un giudice italiano ha assolto Schwazer dal procedimento penale, considerando che i suoi campioni del 2016 avrebbero potuto essere alterati.

“Rifiutiamo categoricamente qualsiasi tentativo da parte dell’atleta o di qualsiasi individuo a lui associato di minare o cercare di ribaltare la sentenza finale della Corte Arbitrale (per lo Sport – CAS)”, ha detto Kuo.

“E ‘stato un premio basato su ciò che potrebbe essere meglio descritto come teorie manipolative inverosimili”.

Citando il suo amore per l’Italia, dove ha trascorso gran parte della sua stagione internazionale quando Coe, due volte medaglia d’oro olimpica, ha detto: “Non voglio che l’Italia sia dalla parte sbagliata della storia qui.

READ  Why did the Knicks take another smart move by hiring veteran Taj Gibson?

“La Global Athletics and Athletics Integrity Unit aderisce pienamente alla posizione che ha assunto.

“Ovviamente la questione riguarda l’Italia ed è importante che qui restiamo molto fermi e fermi.

“Non voglio che l’atletica leggera italiana sia inquinata. Spero solo che la gente si renda conto che questa è una questione importante e che la storia sarà crudele”.

Kuo ha aggiunto che World Athletics aveva difeso con successo l’appello di Schwazer alla Corte Federale Svizzera, che ha cercato di esaminare i risultati della Corte Arbitrale Sportiva.

“Resteremo fermi su questa questione ed è importante farlo non solo in questo singolo caso, ma per continuare a combattere la giusta causa”, ha detto.

LP / MW

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *