Nizzolo conclude una serie di imminenti errori mentre Bernal mantiene la leadership

Giacomo Nezulo (Team Qhubeka Assos) ha finalmente ottenuto la tanto attesa vittoria di tappa al Giro d’Italia nella sua ottava partecipazione alla gara, vincendo per primo in casa al termine di una tappa piatta contro il Verona. Il corridore italiano ha ottenuto 11 secondi posti dal suo debutto al Giro nel 2012, ma alla fine ha rotto quell’anatra con un lungo galoppo fino alla serie di venerdì.

Dopo aver battuto Romeo e Giulietta, Nizzolo ha scherzato sulla sua sequenza di secondi posti dopo la vittoria. “Ho detto oggi che il mio obiettivo era quello di essere secondo, forse quello era il trucco per la vittoria”, ha sorriso. “Sono molto contento. L’unico gol che ho segnato oggi è stato quello di scattare e non ostacolarlo in finale”.

La tappa si è conclusa allo stesso lungo e ampio finale che ha visto la vittoria a sorpresa di Oscar Freire ai Campionati del Mondo su strada 1999. In quell’occasione, lo spagnolo relativamente sconosciuto è saltato presto e ha sbalordito gli altri concorrenti. L’italiano Edoardo Affini (Team Jumbo-Visma) ha provato a ripetere questo, scattando fino all’ultima curva e sbloccando un avanzamento di più lunghezze sul gruppo.

Nizzolo è saltato forte per superare gli altri piloti in testa al gruppo, ha avuto una leggera tregua al volante di Fernando Gaviria (UAE Team Emirates) e poi ha sistemato un Avene vicino alla serie di vittorie.

Ha detto: “Sono andato lontano nel vento, ma ho dovuto”. “Ha funzionato [AFFINI]Ecco, un riferimento a me. Ho provato a prenderlo il più velocemente possibile. Si è impegnato molto, quindi congratulazioni anche a lui. Ma oggi sono molto felice. Questo è bellissimo, mi divertirò. “

READ  "L'Inter ha già vinto lo scudetto, fare i playoff renderà il campionato italiano più interessante.

La tappa è stata segnata da altre quattro ore di distacco da Samuel Rifi (Iolo), Umberto Marengo (Pardiani-CSF) e Simon Pelod (Androni Giocattoli), che hanno attaccato al calare della bandiera sbloccando un anticipo massimo di oltre sette e un mezzo minuto. Il trio è stato infine sorpreso di fronte a sette chilometri per i suoi viaggi.

Nicholas Roche ha preso il comando come parte degli sforzi del team DSM per preparare il velocista Max Kanter per il nemico ineludibile. Roche ha guidato il gruppo negli ultimi quattro chilometri, poi le altre squadre si sono precipitate in avanti. Tra questi la squadra Covidis composta da Ilya Viviani, originaria della città uscente di Verona che voleva provare a vincere in casa. Tuttavia, è stato l’italiano Nizollo del Milan a piombare e vincere, ponendo fine a una lunga attesa.

Tutti i concorrenti per la classifica generale sono finiti nello stesso gruppo, con la classifica mantenuta durante la notte. In effetti, la top 27 complessiva è rimasta invariata. Egan Bernal (Ineos Grenadiers) mantiene un vantaggio di 45 secondi sul più vicino concorrente Alexander Vlasov (Astana – Premiere Tech). Dan Martin (Emerging Israel) rimane al 17 ° posto, poco più di sette minuti fa.

Spera che qualsiasi sosta rimanga a distanza ravvicinata dalla tappa di sabato fino alla cima del temibile Mont Zoncolan, e abbia la tattica e le gambe per vincere.

Giro d’Italia, Italia (World Tour) Tappa 13, da Ravenna a Verona

1, Giacomo Nezulu (Qhubeka Assos Team) 198 chilometri in 4 ore 42 minuti 19 secondi; 2, E. Affini (Jumbo-Visma); 3, P. Sagan (Bora-Hansgrohe); 4, D. Cimolai (l’emergente Stato di Israele); 5, P. Gaviria Rendon (EAU); 6, S. Oldani (Lotto Soudal) in contemporanea

READ  Voci di trasferimento: Sancho, Lewandowski, Tony, Young, Lingard, Bill, Haaland, Doykhi

Irlandesi: 65, D. Martin (Israel Start-up Nation) allo stesso tempo; 122, in. Roche (DSM Team) in 51 secondi

Differenza: 1, Team Qhubeka Assos, 14 ore 6 minuti 57 secondi; 2, Emirates Team Emirates. 3, Jumbo Fisma, entrambi contemporaneamente

altro: 4, DSM Team; 10, l’emergente stato di Israele, ogni volta

Classifica generale dopo la tappa 13

1, Egan Bernal Gomez (Ineos Grenadiers) 53 ore 11 minuti 42 secondi; 2, A. Vlasov (Astana-Premier Tech) in 45 secondi; 3, il dott. Caruso (Victor of Bahrain) in 1 minuto e 12 secondi; 4, H. Carthy (EF Education-Nippo) in 1 minuto e 17 secondi; 5, S. Yates (Team BikeExchange) tra 1 minuto e 22 secondi; 6, E. Buchmann (Bora-Hansgrohe) in 1 minuto e 50 secondi

Irlandesi: 17, D. Martin (Israel Start-up Nation) in 7 minuti e 6 secondi; 62, N. Roche (Team DSM) a 1 ora 3 minuti 12 secondi

Punteggio punti: 1, Peter Sagan (Bora-Hansgrohe) 135; 2, G. Nizzolo (Team Qhubeka Assos) 126; 3, D. Kimolai (The Emerging State of Israel) 113

Classificazione delle montagne: 1, Geoffrey Bouchard (AG2R Citroën Team) 96; 2, E. Bernal Gomez (Ineos Grenadiers) 48; 3, de Bondt (Alpecin-Fenix) 24

Classificazione dei giovani cavalieri: 1, Egan Bernal Gomez (Ineos Grenadiers) 53 ore 11 minuti 42 secondi; 2, A. Vlasov (Astana-Premier Tech) in 45 secondi; 3, R. Evenepoel (Deceuninck-QuickStep) in 2 minuti e 22 secondi

Classificazione di combattimento: Simon Pellaud (Androni Toys-Sidermec)

Classificazione delle gare di velocità: Umberto Marengo (Bardiani CSF Faizanè)

Classificazione separata: Simon Pellaud (Androni Toys-Sidermec)

Valutazione fair play: 1, Bahrain vittorioso; 2, EF Education-Nebo; 3, Bora-Hansgrohe

Classifica squadra: 1, Ineos Grenadiers, 159 ore 42 minuti e 15 secondi; 2, Trek-Segafredo, a 1 minuto e 51 secondi; 3, DSM Team, a 8 minuti e 58 secondi

READ  Steelers LB Alex Highsmith has the best performance in the NFL against the Colts

altro: 17, Israel Start-up Nation, tra 1 ora e 35 minuti e 16 secondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *