Nel suo primo viaggio all’estero, il nuovo premier italiano è in visita in Libia

Bengasi, Libia (The Associated Press) – Il premier italiano ha elogiato martedì la capitale libica, Tripoli, il suo primo viaggio all’estero da quando è entrato in carica, per gli sforzi del Paese nordafricano per frenare il flusso di migranti verso l’Europa.

Seguendo le orme di altri leader europei che hanno recentemente incontrato il nuovo governo ad interim libico, il primo ministro Mario Draghi ha tenuto colloqui con il primo ministro Abdelhamid Dabaiba.

Il governo libico ad interim, insediato il mese scorso, mira a unificare il paese che è stato dilaniato da quasi un decennio di guerra civile. Si prevede inoltre di sponsorizzare il paese attraverso le elezioni generali del 24 dicembre.

Intervenendo in una conferenza stampa, Draghi ha affermato che il fatto di aver reso la Libia la meta del suo primo viaggio fuori dall’Italia in qualità di presidente del Consiglio è la prova dei legami forti e storici tra i due Paesi che intende approfondire.

“C’è il desiderio in futuro di ricominciare velocemente”, ha detto Draghi. Ha aggiunto che l’Italia è soddisfatta degli sforzi della Libia per salvare i migranti e ha detto che l’Unione europea è investita in questo problema, che ha detto è “non solo geopolitico, ma umanitario”.

L’Italia, come parte dell’Unione Europea, ha collaborato con le istituzioni libiche locali nel tentativo di arginare l’ondata di migranti, decine di migliaia di persone partivano dalle spiagge libiche, molte delle quali con l’Italia come destinazione.

Negli ultimi anni, il sindacato ha collaborato con la Guardia costiera libica e altri gruppi locali per fermare tali pericolose traversate marittime. Ma i gruppi per i diritti dicono che queste politiche lasciano i migranti in balia di gruppi armati o intrappolati in squallidi centri di detenzione pieni di abusi.

READ  Gold investors see the challenges ahead after Glittery 2020

I commenti di Draghi arrivano tra le critiche di giornalisti e legislatori italiani a casa per aver intercettato le telefonate dei giornalisti durante le indagini sul traffico di migranti in Libia e dei gruppi di soccorso umanitario.

Le indagini risalgono a qualche anno fa, quando ex funzionari del governo italiano stavano reprimendo le navi umanitarie che soccorrevano i migranti nel Mediterraneo centrale da imbarcazioni di contrabbandieri inattive.

Nel frattempo, Dabaiba ha affermato che i due leader hanno concordato di prendere provvedimenti per riprendere completamente il traffico aereo commerciale tra i loro paesi e per facilitare la richiesta dei libici per ottenere i visti di ingresso in Italia dall’interno del paese.

Martedì, Dabaiba ha anche cercato di rispondere alle preoccupazioni della Grecia su un precedente accordo marittimo dell’amministrazione libica con la Turchia che ha fatto arrabbiare Atene.

“Stiamo cercando gli interessi della Libia … Stiamo rivedendo tutti gli accordi, in particolare gli accordi turco e greco”, ha detto in una conferenza stampa a Tripoli con il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis.

Ha detto che il suo governo è pronto a formare un comitato congiunto libico-greco per riprendere i negoziati per delimitare i confini marittimi tra i due paesi e per delimitare una zona economica esclusiva per i diritti di esplorazione di petrolio e gas.

Non ci sono stati commenti immediati da Ankara.

Nel 2019, la Turchia ha firmato un accordo con una fazione libica per delimitare i confini marittimi tra i due paesi, una mossa che è stata criticata da Cipro e dalla Grecia come una grave violazione del diritto internazionale che ignora i diritti legittimi di altri paesi del Mediterraneo orientale.

La Libia è precipitata nel caos quando una rivolta sostenuta dalla NATO nel 2011 ha rovesciato il vecchio sovrano, Muammar Gheddafi, che in seguito è stato ucciso. Il paese è stato diviso negli ultimi anni tra amministrazioni orientali e occidentali concorrenti, ognuna delle quali supporta diversi gruppi armati e governi stranieri.

READ  Gli sforzi di ripresa economica dell'Europa dovrebbero essere più intelligenti, non più grandi

L’incontro dei due leader conferma l’interesse che l’Italia ha mantenuto nei confronti della Libia negli ultimi anni, soprattutto per quanto riguarda l’immigrazione. L’Italia ha sostenuto l’ex governo libico sostenuto dalle Nazioni Unite, anch’esso con sede a Tripoli. Tuttavia, quel governo non è riuscito a ottenere l’accettazione nell’est del paese, dove Khalifa Haftar tiene le redini, con il sostegno di paesi come Russia, Egitto ed Emirati Arabi Uniti.

___

La scrittrice dell’Associated Press Nicole Winfield a Roma ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *