Nazioni Unite: gli Emirati Arabi Uniti non sono riusciti a dimostrare che la principessa Latifa è ancora viva Dubai

Lo dicono le Nazioni Unite Gli Emirati Arabi Uniti Non fornisce prove convincenti che Sheikha Latifa bint Mohammed Al Maktoum – la figlia scomparsa del sovrano di Dubai, è stata vista l’ultima volta alla fine del 2018 – è ancora viva.

Il mese scorso, gli Emirati Arabi Uniti hanno affermato che la principessa Latifa era assistita a casa da familiari e operatori sanitari.

L’Ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha ripetutamente richiesto Dubai Per presentare a Latifa una “prova di vita”, una richiesta ha fatto eco il ministro degli Esteri britannico, Dominic Raab, e altri governi occidentali.

Venerdì, la portavoce delle Nazioni Unite Marta Hurtado ha dichiarato in una conferenza stampa a Ginevra che gli Emirati Arabi Uniti non avevano risposto alla sua richiesta e non avevano chiarito le condizioni in cui sembrava che si tenesse.

“Non abbiamo alcuna prova di vita, e vogliamo una prova chiara e convincente che sia viva. La prima cosa che ci interessa ovviamente è assicurarci di questo, e che sia ancora viva”, ha detto Hurtado .

Hurtado ha affermato che alti funzionari delle Nazioni Unite hanno cercato di tenere un incontro con l’ambasciatore degli Emirati Arabi Uniti a Ginevra su Latifa, che è stato concordato in linea di principio. Ha aggiunto che anche le Nazioni Unite stanno progettando di sollevare il caso di Latifa Sorella anziana ShamsaRapito nel 2000 per le strade di Cambridge.

Le preoccupazioni per la sorte di Latifa, 35 anni, sono aumentate in seguito I video sono apparsi Ha affermato che la sua villa era stata “trasformata in una prigione”.

Latifa ha affermato di essere stata imprigionata nella villa dopo un tentativo di fuga nel 2018 durante il quale ha attraversato il confine nel vicino Oman e ha preso uno scivolo acquatico su uno yacht in acque internazionali. Con due amici, sono riuscito a raggiungere la costa occidentale dell’India prima di scoprire che un’altra nave la stava seguendo ed era stata avvistata dalla Guardia Costiera indiana.

Dopo otto giorni in mare, le forze speciali indiane hanno fatto irruzione sulla nave e l’hanno consegnata alle forze di sicurezza degli Emirati in un’operazione autorizzata da suo padre. Sheikh Mohammed bin Rashid al-Maktoum, Come da sentenza di accertamento dei fatti del 2020 di un tribunale britannico.

Latifa non è stata più vista da allora, ad eccezione delle foto ufficiali rilasciate dal Ministero degli Affari Esteri degli Emirati Arabi Uniti, in cui è stata ritratta mentre cenava con l’ex presidente irlandese Mary Robinson, che in seguito ha detto alla BBC di essere stata “orribilmente ingannata” nel piacevole lusso.

Nell’ultimo filmato, la principessa ha detto: “Tutte le finestre sono chiuse”. Ci sono cinque poliziotti fuori e due poliziotte all’interno della casa. E non posso nemmeno uscire per prendere aria fresca. Faccio questo video dal bagno, perché questa è l’unica stanza che posso chiudere a chiave con una porta. Sono un ostaggio. Io non sono libero Sono uno schiavo in questa prigione. La mia vita non è nelle mie mani “.

Nessuno ha sentito parlare di lei in sei mesi, secondo i suoi amici.

L’ambasciata degli Emirati Arabi Uniti a Londra ha affermato che “la copertura dei media non rifletteva la situazione reale” e che stava ricevendo cure a casa con il sostegno della sua famiglia e dei medici specialisti. “Continua a migliorare e speriamo che torni alla vita pubblica a tempo debito”, ha affermato il mese scorso.

Lo sceicco Mohammed ha detto che sua figlia – il secondo dei suoi figli che cerca di scappare – è affidata alla sua amorevole famiglia.

Anche sua moglie più giovane, la principessa Haya, ha lasciato Dubai, temendo per la sua vita, dopo aver affermato di essere stata sottoposta a una campagna di intimidazioni e molestie. Sentenza del tribunale britannico nel 2020 Ho scoperto che le sue affermazioni sono vere Sulla bilancia delle probabilità.

READ  I funzionari di Palm Beach stanno esaminando l'uso di Mar-a-Lago come residenza da parte di Donald Trump

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *