Natale, vacanze in Italia e si sposta verso la Zona Rossa nei giorni pre-festivi

Il Natale Spaventoso: attiverà una terza ondata di infezione. Quindi nelle prossime ore il governo deciderà di portare tutto il Paese nella zona rossa durante le vacanze e le vacanze. UN Disabilitazione National, con negozi, ristoranti, bar, ecc., Rimarrà chiusa nei fine settimana e nei giorni festivi. “Margine e ininfluente” e, come già dichiarato in Parlamento, ci sarà una sola eccezione: il via libera alla circolazione tra comuni “limitrofi” con una popolazione inferiore ai 5mila e non superiore ai 30 chilometri.

La nuova repressione, che sarà sottoposta al voto delle Camere, sarà decisa nel corso di una riunione di questa mattina Gruppo di scienze tecniche (Cts). Descriveremo qui le nuove misure di controllo che possono essere in atto nelle zone con il più basso indice di infezione della categoria “arancione”: negozi aperti, ristoranti chiusi, divieto di oltrepassare i confini del proprio comune. Spremere può essere appropriato e un inizio: a partire da sabato e domenica prossimi, a partire dal 24 al 27 dicembre; Riavvia dal 31 dicembre al 2 gennaio e dal 5 al 6 gennaio. Come sottolinea CDS, non è stato invece deciso da molto tempo: da sabato prossimo al 10 gennaio. Sulle orme di quanto ha fatto la presidente Angela Merkel.

Al vertice di emergenza convocato ieri sera da Giuseppe Conte, dopo i segnali di distensione lanciati nei giorni scorsi, hanno partecipato i delegati Taro Franois, Roberto Sporanza, Alfonso Bonafet, Theresa Bellanova ei ministri Francesco Pocia e Federica. Una sorta di gabinetto di guerra è stato aperto dalle caute dichiarazioni di Francescini (cultura), Speranza (sanità) e Bozia (regioni). «Quello che non si può permettere che la Germania accada, si è visto, la Germania la Merkel chiude tutto, qui in ogni città ci sono folle di vie dello shopping, folle davanti a negozi e centri commerciali. Inoltre, abbiamo la notizia che molti scapperanno per una seconda casa o in vacanza il prossimo fine settimana, con ristoranti già prenotati con la massima efficienza. Natale E le persone affittano case coloniche dal 31 dicembre al 2 gennaio in violazione del divieto di viaggio che entrerà in vigore dal 1 gennaio. Se facciamo qualcosa, la terza ondata di epidemia non sarà un’ipotesi, ma un sicuro நிச்சயம்.

READ  Calhanoglu, c'è anche il PSG: il Milan è fiducioso nel rinnovo

Sì, ma cosa? C’è chi crede che attiverà una zona rossa nazionale dal prossimo weekend fino al 10 gennaio. Che ha proposto di rinchiudere in tutta Italia nei giorni festivi e prefestivi. L’obiettivo, condiviso da Renziana Theresa Bellanova e 5 Stelle Bonafeet e D’Inci, è quello di evitare folle per le strade, negozi e locali, tombola tra pranzi, cene e gruppi familiari poco collaborativi. I tecnici CTS hanno avvertito. “L’estate è più pericolosa della scorsa estate”, ha detto Speranza, “la gente si incontrava fuori il 15 agosto e si incontrava a casa durante le vacanze di Natale”. Il rischio di infezione in casa è molto alto, quindi gli effetti possono essere peggiori che in estate “rilascia tutto”.

Dopo un lungo incontro con i funzionari pubblici democratici – ha affermato sopra lo stesso Francisini che non è un caso – ha chiesto l’introduzione di “nuove misure normative”: “Tutto deve essere fatto senza perdere i risultati che abbiamo raggiunto. Per questo rischio di incontri e di una serie specifica di raccomandazioni CDS. Alla luce dell’aumento, è necessario adottare nuove misure che garantiscano il controllo delle infezioni.

Sorprendentemente, anche 5 Stelle Bonafet e D’Inc si sono messi in fila per inasprire misure come quella di Bellanova, chiedendo “misure più controllabili, se necessario, ma comprensibili di quelle attuali”. A questo punto prende la parola Conte: «Va bene, ma dobbiamo chiedere a CTS di capire cosa fare. Quindi l’appuntamento di questa mattina con gli esperti guidati da Miyo. Come Speranza, tutta l’Italia è subito in zona rossa. “Valuteremo insieme a loro”, ha spiegato Gond, aggiungendo che “sono necessari ulteriori interventi per rafforzare le misure già in atto per affrontare meglio il rinnovamento della curva epidemica e un migliore impatto sulla diffusione del virus durante le vacanze di Natale”. La terza ondata “.

READ  Il giornalista italiano Juventus ha solo due centrocampisti di qualità - Juvef.com

La risposta al CDS è già nota: un’immediata soppressione del ferro. Venerdì è già venerdì minuti », spiega il coordinatore Agostino Miozo Cts, La situazione è ancora molto liscia e abbiamo avuto difficoltà a spiegare che la curva sta diminuendo un po ‘. Ad esempio nelle ultime ore abbiamo una pendenza molto più bassa rispetto a sabato scorso, ma con pochissimi tamponi. Insomma, l’Italia è in stato di emergenza e ha bisogno di una nuova stretta.



© Revisionato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *