morti di migranti nella regione irachena; Contrabbando di grandi imprese

RANIA, Iraq (Associated Press) – Le scarpe si accumulano fuori dalla casa di Mamand nel nord dell’Iraq da parenti e amici che si sono radunati all’interno per porgere i loro rispetti mentre aspettano con ansia notizie del giovane figlio della famiglia, scomparso in mare da qualche parte tra Francia e Gran Bretagna .

La maggior parte ha paura di esprimere la propria preoccupazione per il fatto che la diciottenne Tuana Mamand e almeno altre 26 persone siano annegate quando la loro vulnerabile imbarcazione è affondata vicino alla costa francese la scorsa settimana.. Si stavano dirigendo in Gran Bretagna nella speranza di iniziare una nuova vita.

Zana Mamand, 33 anni, si è asciugata le lacrime e ha giurato vendetta contro la famiglia del contrabbandiere che ha organizzato il viaggio di suo fratello. “Lo conosco, conosco la sua famiglia qui e ho tutti i loro numeri di telefono”, ha detto.

A Rania, una città di circa 400.000 persone nella regione amministrata dai curdi dell’Iraq, la condizione degli immigrati sembra essere un argomento di cui tutti sanno qualcosa.

Coloro che vogliono uscire chiedono agli agenti di viaggio locali di metterli in contatto con i trafficanti in Turchia e altrove. Coloro che sono tornati da tentativi falliti si fermano nel parco principale, desiderosi di riprovare. Alla stazione di polizia, gli agenti dicono che non possono fermare i contrabbandieri.

Molte vittime della tragedia della Manica Si ritiene che siano curdi iracheni, che sembrano costituire la maggioranza degli immigrati dal Medio Oriente che cercano di trasferirsi in Occidente. Sebbene il nord dell’Iraq sia più prospero del resto del paese dilaniato dai conflitti, l’aumento della disoccupazione e la frustrazione per la corruzione stanno costringendo molti a considerare il pericoloso viaggio verso l’Europa.

Bakr Ali, capo di un’associazione locale per i rifugiati di ritorno dall’Europa, ha affermato che circa 28mila iracheni sono partiti per l’Europa nel 2021, di cui circa 7.000 dal distretto di Rabarin che comprende Rania e la vicina città di Qaladze.

disperso in mare

Tuana ha tentato di attraversare il Canale della Manica da Calais e ha fallito cinque volte prima di salire a bordo di una piccola imbarcazione la sera del 23 novembre.

READ  Marinella Soldi nominata Presidente del Consiglio di Amministrazione di Ray

La routine era la stessa: prima di ogni tentativo di attraversamento, i contrabbandieri sceglievano un ufficio viaggi a Rania dove Zana depositava i soldi.

Quella notte, Zhanna parlò al telefono con suo fratello poco prima di mezzanotte. Ha chiesto del tempo, della barca e degli altri con lui.

“La barca non è buona”, ricorda, Tuana ha risposto, spiegando che era troppo piccola e che c’erano 33 persone in attesa di attraversare, troppe per la nave.

Hanno parlato di nuovo alle 2:05 del 24 novembre. In una chiamata di quattro minuti, Tuana ha riso scherzosamente, dicendo a suo fratello maggiore che avrebbero mandato in un’ora. Zhanna era stanco e ha chiesto a sua sorella Kala che vive nel Regno Unito di rimanere online.

Nel suo ultimo messaggio, Tuana ha detto che il motore non funzionava.

Jihad per trovare un lavoro

Tuana era atletico e particolarmente abile nel calcio. Zhanna ha mostrato con orgoglio le foto di lui mentre prendeva la palla, uno sguardo di determinazione d’acciaio sul viso.

Non gli importava molto della scuola, e dubitava che gli avrebbe mai dato un lavoro. Ma quasi tutti in famiglia hanno faticato a trovare lavoro. Il pompiere Xana è stato raramente pagato in tempo o per intero. A volte, Tuana lavorava come bracciante 12 ore al giorno, guadagnando 15.000 dinari iracheni – circa 10 dollari.

Quando ha compiuto 18 anni, Tuana ha detto che nulla gli avrebbe impedito di andare in Europa. Il viaggio sarà costoso: 13mila dollari per la traversata dalla Turchia all’Italia. Da lì, Tuana ha dovuto trovare la strada per Calais, in Francia. Dopodiché, attraversare il canale nel Regno Unito costerà altri $ 3.000

Con un visto turco, si è recato a Istanbul a settembre e ha scoperto che c’erano molti contrabbandieri dalla sua regione d’origine, tra cui Rania e Qaladze.

Tuana ha provato a passare dalla Turchia all’Italia e ha fallito tre volte, ognuna con una fuga diversa. Zana ha detto che il denaro, ottenuto prendendo in prestito e offrendo in vendita la casa del padre, è stato depositato presso un agente di viaggio designato che lo ritira ogni volta che i progetti falliscono.

Ha detto che quando Tuana è finalmente arrivata in Italia alla fine di ottobre, l’agente di viaggio ha inviato i soldi. La stessa procedura è stata utilizzata quando Tuana è arrivato a Calais.

READ  Hump ​​per costruire una cella a combustibile pronta per l'idrogeno per l'aeroporto di Torino in Italia

Trova il “miglior antipasto” per i clienti

La finestra dell’ufficio di Abdullah Omar si affaccia sul vivace centro di Rania. La sua agenzia Yaran Travel si trova al secondo piano sopra i famosi caffè.

Qui, l’agente di viaggio 35enne ha riassunto il suo lavoro: “Aiuto le persone a trovare i migliori contrabbandieri per portarle in Europa”.

Ha detto che ha standard elevati e lavora solo con coloro che hanno aiutato le persone a raggiungere la loro destinazione con il minor numero di lamentele. I trafficanti sono i suoi parenti, compreso suo fratello, in Turchia.

Ha detto di aver aiutato più di 500 persone quest’anno, un numero che è aumentato costantemente. La maggior parte di loro vuole andare nel Regno Unito, dove hanno parenti che hanno chiesto asilo anni fa. I trafficanti chiedono agli aspiranti immigrati di lasciare un deposito a Omar una volta ottenuto il visto di ingresso in Turchia.

La maggior parte di loro viene contrabbandata dalla Turchia all’Italia attraverso pericolose rotte marittime. Altri provano la Grecia o la Bulgaria.

Omar funge da intermediario tra trafficanti, migranti e loro parenti in Iraq, utilizzando la cosiddetta rete hawala nei paesi islamici dove gli individui invece delle banche fungono da intermediari per trasferire denaro. I fondi non vengono rilasciati tramite hawala se non dopo il consenso di tutte le parti.

Omar ha detto che a volte invia denaro direttamente ai migranti che “stanno finendo i soldi e dormono nelle stazioni ferroviarie in Italia, o si ammalano”.

Un contrabbandiere del distretto iracheno di Qaladze ha affermato di aver iniziato a intrufolarsi in Polonia dalla Bielorussia a luglio. È stato più facile di altri metodi, ha detto all’AP per telefono, perché la Bielorussia ha allentato le restrizioni sui visti e ha un amico in Polonia che guida i migranti in Germania a pagamento.

Ma dopo l’escalation delle tensioni lungo il confine tra Bielorussia e Polonia a novembre, gli affari si sono fermatiha detto Xuan, che non ha dato il suo nome completo perché aveva paura di mettersi nei guai con le autorità.

READ  Janet Yellen su lavoro, debito, tasse, clima e criptovalute

tacchi

Quando Zhanna ha saputo che suo fratello potrebbe essere morto, si è recato nell’ufficio dell’agente che gli aveva lasciato il suo deposito e lo ha minacciato in un impeto di rabbia. L’agente gli ha detto come raggiungere il contrabbandiere che si fa chiamare “Bishdar Rania”, che è un alias.

Poiché Rania è relativamente giovane, Zhanna trova rapidamente la famiglia del contrabbandiere. Ha minacciato di inviare informazioni sul trafficante a sua sorella nel Regno Unito per denunciarlo alle autorità.

Successivamente, lo sfuggente contrabbandiere ha contattato Zanna tramite l’app di messaggistica di Facebook, in cui ha detto in un messaggio vocale di essere un latitante in Germania.

Zana ha trasmesso il messaggio a un giornalista dell’Associated Press, mentre la registrazione ha rotto il lugubre silenzio a casa di Mamand.

“Mi dispiace. Anche per me è stata una sorpresa”, disse la voce dell’annegamento, “ti farò perdonare.”

I tentativi dell’AP di raggiungere il contrabbandiere attraverso un collegamento in Francia fornito da Zana non hanno avuto successo.

Hadar Azzawi, il direttore della sicurezza curda a Rania, ha affermato che le autorità potrebbero fare poco contro i trafficanti. I contrabbandieri sono in Turchia. Loro (gli iracheni) stanno ottenendo un visto per andare lì, quindi cosa possiamo fare? “

Il tenente Shorsh Ismail, portavoce della polizia di Rania, ha affermato che le autorità sono a conoscenza delle attività delle agenzie di viaggio, ma non possono fare nulla senza un ordine della presidenza del Kurdistan.

Omar, l’agente di viaggio, ha detto che non pensava di fare niente di male e ha insistito: “Sto aiutando le persone”.

In un vicino parco cittadino, Alain Aziz, 24 anni, ricorda il suo tentativo fallito di raggiungere l’Italia. Era su una barca nel Mediterraneo quando invece le correnti lo hanno portato in Libia. Ha trascorso quasi un mese lì prima di essere mandato a casa.

“Ho bisogno del suo aiuto”, ha detto di incontrare un agente di viaggio. “Voglio riprovare per l’Europa”.

—-

Segui la copertura della migrazione globale dell’Associated Press su https://apnews.com/hub/migration

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *