Monarch Tavern rimane un punto di riferimento a Little Italy dopo 95 anni

Quando la seconda guerra mondiale Si è conclusa l’8 maggio 1945, centinaia di persone hanno festeggiato fuori dal Monarch Hotel. Mentre le coppie ballavano per strada e sei giovani guardavano dai bordi della finestra, uno di loro ha scattato una foto.

Settantasette anni dopo, l’amata immagine in bianco e nero sopravvive in un posto d’onore all’interno dell’istituzione, Ora il Monarch Pub, al 12 di Clinton Street. “Adoro questa foto”, afferma Evan Georgiades, co-proprietario di Monarch. “Parla non solo dell’acclamato passato del re, ma anche del ruolo che ha sempre svolto, come luogo di ritrovo centrale per la gente del posto”.

(Leggi altri punti salienti di Toronto come Fish and Chips di Len Duckworth a Danforth.)

Dal 1927, King ha fatto la guardia nella storia del centro di Toronto. Oltre al raduno improvvisato alla fine della guerra – i proprietari hanno ricreato l’immagine per festeggiare i 90 anni del bar – il pub Little Italy ha visto molti eventi nei suoi 95 anni. Ci furono due rapine negli anni ’50, incluso il primo guasto in assoluto di un mitra Thompson in Canada e una detonazione che miracolosamente non ferì nessuno. (“Una vicina mi ha detto che ricorda il giorno in cui la nostra porta d’ingresso è atterrata sul prato della sua famiglia a un isolato di distanza”, dice Georgiades.) I boss del crimine più famosi della città. Loro, insieme a “politici locali e amanti proibiti, venivano dal re perché gli era garantita la completa discrezione”, dice Georgiades.

Al giorno d’oggi, gli incontri al King sono relativamente vantaggiosi. “Alcuni di coloro che venivano con i loro genitori 50 anni fa ora stanno tornando indietro nella memoria con i loro figli”, afferma Georgiades.

“È ampiamente accettato come uno dei più antichi stabilimenti autorizzati di tutta Toronto”, afferma Georgiades, che si trova in un quartiere prevalentemente residenziale tra la fiorente Dundas West Strips e College Street. Dato il suo lungo e leggendario passato, molti locali credono che non lo sia solo un altro bar, ma come un vero punto di riferimento di Toronto. Il Monarch è uno di quei posti speciali in cui ti senti davvero come se i muri potessero parlare”.

READ  Jennifer Lopez enters the gym in Miami with a new souvenir after Biden's inauguration

Non è l’unico: il bar più antico della città, Wheatsheaf Tavern, si trova in King and Bathurst Street dal 1849; In Queen Street West, Horseshoe Tavern è un locale di musica dal vivo dal 1947; L’85enne Clinton’s Tavern, in Bloor Street West, ha riaperto nel 2020 dopo una breve chiusura. Fondata nel 1943, la Grossman’s Tavern, a Spadina, è la casa del blues a Toronto.

Il Monarch Hotel a due piani è stato riaperto quando le licenze per i liquori dell’Ontario sono state concesse solo alle aziende con stanze in affitto, “probabilmente perché volevano che i clienti avessero un posto sicuro da cui uscire dopo aver finito di bere”, afferma Georgiades, che co -fondata nel 2011 con il partner. Nonostante i lavori di ristrutturazione nel corso degli anni, 4.000 piedi quadrati sono rimasti sostanzialmente invariati; Anche l’insegna attuale imita l’insegna originale del Monarch Hotel.

Una foto della celebrazione del VE Day fuori dal bar è stata trasformata in un murale visualizzato al livello inferiore.

Georgiadis ha supervisionato gli aggiornamenti durante l’arresto, inclusa la rimozione di diversi strati di vecchi lavori di ristrutturazione per apportare alcune riparazioni necessarie al bar al piano di sopra. “Abbiamo trovato un controsoffitto sotto il nostro controsoffitto e abbiamo dovuto rimuoverlo per rivelare le bellissime caratteristiche del legno che erano nascoste sopra”, afferma Georgiades. Gli appaltatori hanno anche trovato centinaia di bottiglie di birra polverose degli anni ’60 e ’70. “Tutti i classici marchi vintage: Labatt Blue, Molson Canadian, 50’s, Black Label, ecc. erano tutti rappresentati in piccole bottiglie della vecchia scuola. Ci hanno dato tutti un grande colpo di nostalgia”, afferma Georgiades. Crede che i lavoratori “devono aver rubato la birra ogni volta che il proprietario non la cercava”.

READ  Anthony Hopkins "The Father" vince il Chinese Golden Rooster Awards

Il Monarch è una destinazione popolare per gli eventi sportivi: il personale ha servito waffle e birra in una casa affollata all’alba per la partita di hockey con la medaglia d’oro del Team Canada del 2014. Le Olimpiadi Invernali di Sochi – e per celebrare traguardi personali. “Ospitiamo sempre più matrimoni, spesso tra persone che si sono incontrate e innamorate sotto il nostro tetto”, afferma Georgiades. “Questo mi scalda sempre il cuore.”

Il bar ha anche visto più della sua giusta quota di ospiti famosi, tra cui il compianto Jord Downey, che ha tenuto una mostra personale a sorpresa, e l’attrice di “Sheets Creek” Catherine O’Hara, che… Ha assistito alla prima con sua sorella, la cantautrice Mary Margaret O’Hara. L’attore Benicio del Toro è venuto con il suo assistente nato a Toronto e ha comprato una maglietta, ma il pennello preferito di Gerogiades è arrivato quando Viggo Mortensen ha celebrato la chiusura del suo primo regista, Falling in The Monarch, poco prima della pandemia. “Lance Henriksen faceva parte del cast, ed è stato così gentile da stare dietro al bar e aiutare a mescolare alcuni drink”, dice. “Esatto, il ragazzo che interpretava Bishop in ‘Aliens’ era un cameriere ospite al Monarch Hotel. Entrambi gli uomini erano i fidanzati di Tamin.”

Il personale e gli avventori hanno ricreato l'immagine classica per celebrare il 90° anniversario del bar nel 2017.

The Monarch è anche noto per il suo cibo, anche se non è sempre il loro — i clienti possono portare da asporto dalla vicina Bitondo Pizzeria e San Francesco Foods, dice Sarah Vanhorn, barista e manager di Monarch — e Zane Caplansky del famoso Caplansky’s Deli di Toronto, ha iniziato in una stanza del Monarch Hotel nel 2007 vendendo panini con carne affumicata tagliata a mano. “A un certo punto, i giudici della Corte Suprema cenavano insieme ai vescovi portoghesi”, afferma il cliente di lunga data J.D. Mowat, illustrando la mancanza di pretese dell’establishment.

READ  La vera storia della seconda guerra mondiale di Monaco Netflix: Edge of War

Molti clienti abituali entrano in Monarch ogni giorno e alcuni esistono da decenni. “Sappiamo esattamente il giorno e l’ora in cui sono arrivati”, afferma Vanhorn. “Alcuni ricevono una lettera di preoccupazione da me o da un altro dipendente se sono assenti”. Queste stesse persone – che hanno fatto di tutto per acquistare bevande rapide negli ultimi due anni e sono tornate non appena la contea ha iniziato a revocare le restrizioni – sono il motivo per cui King è sopravvissuto alla pandemia. “Se non fosse stato per la loro lealtà, avremmo sofferto così tanto”, dice Vanhorn.

“Non mi sono mai sentito come se avessi un re”, dice Georgiadis. “Appartiene a tutti. Al momento sono solo uno dei suoi principali custodi. C’è un enorme senso di responsabilità che lo accompagna, ovviamente, e sono sempre determinato a non lasciare che succeda nulla al mio orologio”.

Unisciti alla conversazione

Le conversazioni sono le opinioni dei nostri lettori e sono soggette a codice di comportamento. La star non approva queste opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *