Mohan Gurswami | Con la trasformazione del mondo, l’Europa è diventata irrilevante

La difficile situazione di Volodymyr Zelensky è una metafora appropriata per l’Europa. E corre da Seif, “l’Europa” di cui vuole far parte, incitando e vegliando. Alienando deliberatamente la Russia dall’Europa, si è data una mentalità d’assedio. Ma cos’è questa Europa? Il dottor Henry Kissinger una volta disse sarcasticamente: “Se volessi parlare con l’Europa, chi chiamerei?” Con i singoli paesi che gestiscono la propria diplomazia, l’Unione Europea è gestita da una burocrazia di politici negligenti.

Il tempo è anche contro l’Europa. Sta invecchiando rapidamente, è entrata in una fase di crescita demografica molto lenta e dovrà affrontare un calo demografico significativo nella prima metà di questo secolo. La sua popolazione di età compresa tra 0 e 15 anni si sta riducendo e ha una popolazione in età lavorativa in calo. Nel prossimo futuro, la maggior parte dei paesi dell’UE vedrà un aumento del numero di decessi rispetto alle nascite. Entro il 2050, la durata media della vita salirà a 48. In quell’anno, il numero di europei di età superiore ai 60 anni è raddoppiato al 40% della popolazione totale o al 60% della fascia di età lavorativa. Un secolo fa, l’Europa contava un quarto della popolazione mondiale. Avrà solo il sette percento entro il 2050.

La carenza di persone in età lavorativa e la loro riluttanza a modificare le loro politiche di immigrazione per attirare una forza lavoro più qualificata e attrarre professionisti tecnologici altamente istruiti a causa di vecchi pregiudizi costeranno caro all’Europa.

Ironia della sorte, la recente immigrazione di massa ucraina ha fornito a un’Europa che invecchia rapidamente un’ancora di salvezza per i rifugiati bianchi in età lavorativa.

Cosa può aspettarsi l’India da un’Europa debolmente governata, economicamente in rallentamento, invecchiando e in contrazione, e da un’Europa poco attraente dal punto di vista professionale? Ostile all’immigrazione, l’Europa si è anche dimostrata in gran parte incapace di reinventarsi come hanno fatto gli Stati Uniti per trasformarsi in un’unione politicamente corretta e più equa, in cui “le persone sono giudicate non dal colore della loro pelle ma dal contenuto”. della loro personalità.

READ  La filiale italiana DHL indaga su un caso di frode fiscale

Bassi tassi di crescita del PIL portano a una crescita più lenta del gettito fiscale e, insieme all’aumento della spesa per la previdenza sociale e il welfare, aumenta i disavanzi e i livelli di debito, causando un mix tossico che creerà una vertigine economica. Il giornalista americano Fareed Zakaria ha descritto al meglio la crisi nell’eurozona: “Il problema principale dell’Europa è la mancanza di crescita. L’economia italiana non cresce da un intero decennio. Nessuna ristrutturazione del debito avrà successo se rimarrà stagnante per un altro decennio.

La verità è che le economie occidentali – con salari alti, generosi sussidi della classe media e normative e tasse complesse – si stanno indurendo. Ora devono affrontare pressioni su tre fronti: demografia (una popolazione che invecchia), tecnologia (che consente alle aziende di fare di più con meno persone) e globalizzazione (che ha consentito di centralizzare la produzione e i servizi in tutto il mondo).

Nei prossimi anni, la questione della riforma del sistema di governance globale sarà in primo piano, con i nuovi paesi emergenti dell’Asia, dell’America Latina e dell’Africa in crescita economica e militare. È naturale che cerchino più potere politico. Attualmente ci sono tre tavoli alti globali: i membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (P-5), il Gruppo dei Sette e la NATO. Tutti e tre eurocentrici. Paesi come l’India, il Brasile, il Sud Africa e persino la Germania e il Giappone stavano diventando impazienti di fronte a un sistema così restrittivo. Entro due decenni, il PIL globale e le valutazioni di potenza subiranno cambiamenti fondamentali.

Cinque paesi europei – Germania, Regno Unito, Russia, Francia e Italia – sono tra le 10 maggiori economie mondiali per PIL. Nel 2050 solo Germania e Gran Bretagna rimarranno tra le 10 maggiori economie, classificandosi al nono e decimo posto. È del tutto evidente che una ristrutturazione dell’ordine mondiale non può più essere evitata. Come possono paesi come il Regno Unito e la Francia, il cui PIL è un terzo o meno di quello dell’India, o metà del Giappone, essere membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e l’India e il Giappone sono esclusi?

READ  Rendimenti obbligazionari dell'Eurozona stabili mentre i timori di Omicron svaniscono

Recentemente abbiamo assistito ad alcune discussioni sull’allargamento del Consiglio di Sicurezza e del Gruppo dei Sette. La NATO, nel suo primo corto, sta sfidando l’espansione. Sebbene l’espansione renderà questi forum limitati più rappresentativi, potrebbe sminuire la loro efficacia.

Attualmente, India, Brasile, Germania e Giappone stanno bussando alle porte del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per la selezione congiunta come membri permanenti. Anche se entrassero, le dinamiche interne continuerebbero a inclinarsi a favore dell’Europa e del Nord America. Allo stato attuale, i cinque membri permanenti, con ogni membro armato di veto, spesso si trovano incapaci di agire con decisione. L’allargamento a tutti i membri armati di potere di veto non farà che complicare le cose. È chiaro che l’efficacia del Consiglio di sicurezza dipende dalla sua coesione. Proprio l’espansione ricorda il commento di Groucho Marx. “Non mi interessa se appartengo a un club che ho come membro”.

È molto chiaro che mentre gli Stati Uniti saranno il motore della crescita globale per il prossimo futuro, e ciò è per lo più reso possibile dalla loro assoluta superiorità scientifica e dal clima favorevole all’innovazione, saranno seguiti da vicino o addirittura superati da una prospettiva completamente nuova insieme di paesi. Tra meno di cento anni dalla fine della prima guerra mondiale, tra i vincitori, solo gli Stati Uniti rimarranno nella lista dei primi dieci paesi.

Anche gli Stati Uniti stanno cambiando dall’interno. Ha avuto la sua prima testa nera. Ora ha una donna afro-indiana che aspetta dietro le quinte per la carica di vicepresidente. La sua leadership politica nazionale è ora sempre più un panorama di nazionalità che offre ai paesi di origine nuove ragioni per sentirsi tutt’uno con gli Stati Uniti. Gli americani di origine indiana entrarono in molti dei palazzi del governatore e molti nei rami esecutivi del governo. Altri ricoprono posizioni elevate nel mondo accademico e industriale, in particolare nel settore New Sunrise. Il cambiamento demografico porta anche a un cambiamento negli atteggiamenti, che si riflette nella riorganizzazione degli obiettivi e delle politiche nazionali.

READ  IBM ha acquisito myInvenio, un fornitore di software di automazione aziendale

Ora dovrebbe essere chiaro che nuove nazioni emergenti sostituiranno l’Europa nel nuovo ordine mondiale. Ciò non fa ben sperare per relazioni politiche di natura duratura in futuro. Gli Stati Uniti hanno chiarito che vogliono un maggiore impegno in tutto il Pacifico. Il PIL asiatico, nonostante il rallentamento del Giappone, è ancora il più alto del mondo. Entro il 2040 si aggiungerà oltre il 60% del PIL mondiale.

Man mano che il loro ruolo nell’economia globale si espande e diventa dominante, sia la Cina che l’India richiederanno cambiamenti per soddisfare le loro aspirazioni e interessi. Sebbene le relazioni della Cina con gli Stati Uniti rimarranno un antagonista, cercherà sempre più un equilibrio tra gli Stati Uniti e l’Unione Europea. L’India, le cui relazioni con la Cina difficilmente si sposteranno da nemico a amico, potrebbe avvicinarsi sempre di più agli Stati Uniti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *