Mladic, il “macellaio della Bosnia”, ascolta il verdetto finale nel caso di genocidio | Notizie di conflitto

I giudici delle Nazioni Unite si pronunceranno sull’appello del leader militare serbo-bosniaco contro la sua condanna per genocidio nel massacro di Srebrenica del 1995.

I giudici d’appello si preparano a pronunciarsi contro l’ex comandante militare serbo-bosniaco Ratko Mladic, ponendo fine all’ultimo processo per genocidio bosniaco davanti al Tribunale delle Nazioni Unite nell’ex Jugoslavia.

Mladic, 78 anni, comandò le forze serbo-bosniache durante la guerra bosniaca del 1992-1995.

Conosciuto come il “Macellaio della Bosnia”, è stato condannato nel 2017 con l’accusa di genocidio, crimini contro l’umanità e crimini di guerra, compreso il terrore della popolazione civile della capitale bosniaca Sarajevo durante un assedio di 43 mesi che ha ucciso più di 8.000 uomini musulmani. e ragazzi a Srebrenica, Bosnia, 1995.

È stato il peggior massacro sul suolo europeo dalla seconda guerra mondiale e rimane l’unico episodio di genocidio nel continente riconosciuto da due tribunali internazionali.

Le vedove e le madri delle vittime saranno in tribunale per ascoltare la sentenza martedì da un collegio di cinque giudici guidato dal giudice dello Zambia Priska Matemba Nyambe.

I giudici inizieranno a leggere la loro sentenza alle 15:00 ora locale (13:00 GMT).

La sentenza arriva dopo 25 anni di processi davanti al tribunale delle Nazioni Unite per i crimini di guerra per l’ex Jugoslavia, che ha incriminato 90 persone.

La corte è ampiamente considerata come uno dei predecessori della Corte penale internazionale, la prima corte permanente per crimini di guerra al mondo, anch’essa con sede a L’Aia.

Il procuratore delle Nazioni Unite Serge Brammertz ha sottolineato l’importanza della sentenza di Mladic per le vittime che vivono quotidianamente con il trauma del conflitto degli anni ’90.

READ  Palestinian Authority restaurants begin the new year under the restrictions of the epidemic

“Se parli con i sopravvissuti, le madri (di Srebrenica) che hanno perso mariti e figli: le loro vite si sono davvero fermate nel giorno del genocidio”, ha detto ai giornalisti prima del verdetto.

Mladic è stato incriminato per la prima volta nel luglio 1995.

Dopo la fine della guerra in Bosnia, si è nascosto ed è stato infine arrestato nel 2011 e consegnato al Tribunale penale internazionale per l’ex Jugoslavia dal governo filo-occidentale della Serbia.

Nella capitale bosniaca Sarajevo, i residenti si sono lamentati del fatto che Mladic sia ancora visto come un eroe nella regione dominata dai serbi del paese etnicamente diviso.

“Venticinque anni dopo, mi sento come se la guerra non fosse finita”, ha detto Mila Softek, 37 anni, una specialista di marketing che ha trascorso la sua infanzia nella Sarajevo assediata.

“Non posso accettare alcun giudizio… Per me è un simbolo. E per il popolo serbo, è un simbolo”, ha detto all’Associated Press Milij Radovic, un veterano serbo della città bosniaca orientale di Voca.

Gli avvocati di Mladic hanno fatto appello alla sua condanna e hanno affermato che l’ex generale non può essere ritenuto responsabile di possibili crimini commessi dai suoi subordinati. Hanno chiesto l’assoluzione o un nuovo processo.

I pubblici ministeri vogliono confermare la condanna di Mladic e la condanna all’ergastolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *