Miti sul lavoro di Satyajit Rai: The Tribune India

Amitabha Bhattacharya

Ex burocrate

Il centenario della nascita di Satyajit Ray (1921-1992) è un’occasione per riflettere sulle sue produzioni creative, soprattutto nel cinema, come anche nella letteratura e nelle forme d’arte connesse. Finora, la risposta è stata in gran parte un’ammirazione impeccabile nelle aree di lingua bengalese e una rispettabile indifferenza nel resto dell’India, ad eccezione di registi e appassionati di cinema. In Occidente il rispetto per la Rai è rimasto totale, ma gli elogi hanno cominciato a scemare per i suoi film successivi. Tutto ciò può essere in parte spiegato dai miti e dalle immagini associate al fenomeno dei raggi.

Il primo mito è che i suoi film trattino della povertà, che è sancita dall’osservazione infantile di Nargis Dutt in Parlamento nel 1980, accusando Ray di “offuscare l’immagine dell’India all’estero”. Il biografo di Ray, Andrew Robinson, citando da un’intervista con lei, “Ray descrive una regione … così povera da non rappresentare la povertà dell’India nella sua vera forma”, e che le persone all’estero vogliono vedere l’India in condizioni miserabili. .. e un filmato che conferma che la foto è Sembra originale … ”e simili.

Sfortunatamente, per gli spettatori non esposti alla collezione di opere di Ray, questo termine improprio sembra essersi fermato. In effetti, dei suoi 29 lungometraggi che coprono la maggior parte degli strati della società dalla metà del XIX secolo alla fine del XX secolo, tre o quattro utilizzano la povertà come sfondo.

Il secondo mito è che il riconoscimento in India è arrivato dopo che è stato elogiato dall’Occidente. Prima che Pather Panchali (Song of the Road, 1955) vincesse un premio a Cannes, il film era stato proiettato in intere case a Calcutta. Entro un mese dalla sua uscita, la Rai e altri co-conduttori sono stati premiati nella sala del Senato dell’Università di Calcutta da poeti e intellettuali della città. Tutti in Bengala, compresi i registi veterani, hanno ammesso che qualcuno con un talento straordinario, che cerca di staccarsi dal passato e annunciare una nuova era, è arrivato sulla scena.

READ  Viewers criticized Pixar's Soul for the character Tina Fey

Ben presto la sua fama iniziò a diffondersi in tutta l’India. Mentre l’avventura di Ray per esplorare nuovi temi, stili ed esperienze con questo mezzo al fine di espandere la sua espressione non si è conclusa fino alla sua morte, la maggior parte dei premi, popolari e critici, sono venuti prima dai suoi connazionali. I suoi film hanno continuato a vincere i migliori premi nazionali e hanno mantenuto un pubblico in crescita fedele ai propri posti anche dopo che West non ha apprezzato molti dei suoi film dopo la metà degli anni ’60. Tuttavia, un Oscar (Oscar) è stato annunciato prima di Bharat Ratna.

Il terzo mito è che i suoi film dopo Charolata (The Only Wife, 1964), ad eccezione di brevi periodi, non hanno raggiunto l’apice artistico dei primi come Apu Trilogy (1955-59), Jalsaghar (The Music Room, 1958), Devi (The Goddess, 1960)), Kanchenjungha (1962) e Mahanagar (The Big City, 1963) lo fecero. È stato detto che l’assenza di direttori musicali come Ravi Shankar, Velayat Khan, Ali Akbar Khan e il direttore della fotografia Suprata Mitra era evidente nei suoi film successivi. Ciò è discutibile alla luce della grande musica della maggior parte dei suoi film da Teen Kanya (Three Daughters, 1961) e delle riprese di alta qualità in film come Shatranj Ke Khilari (The Chess Players, 1977).

Certo, il mondo ha notato l’incredibile aspetto di Ray nei suoi primi film. L’effetto fu così sorprendente che spettatori e critici, soprattutto in Occidente, trovarono difficile apprezzare quando Ray iniziò a dipingere nuove basi con temi contemporanei, come nella trilogia di Calcutta, o con i generi musicali, satirici e di fantasia. Come artista coscienzioso, ha cercato di confrontarsi con la dura realtà contemporanea, spesso direttamente e talvolta attraverso il velo dell’immaginazione. Molti hanno scoperto che questo raggio era diverso dai precedenti che gli piacevano. Ma un osservatore attento noterà i tratti distintivi del genio di Ray che informano quasi tutti i suoi film, nonostante differenze superficiali.

READ  Secondo quanto riferito, un operatore ospedaliero italiano ha pagato per lo skip di 15 anni

Un altro mito era che fosse fondamentalmente un cineasta artistico e attirasse praticamente un pubblico sofisticato. Questo non è vero come attestano tutti i suoi film. Rifiutando la distinzione artificiale tra “artistico” e “mainstream”, Ray ha chiarito che considerava il cinema la più alta forma di arte commerciale. Ha tratto ispirazione da fan come Charlie Chaplin, Jean Renoir, John Ford e Billy Wilder. Tutti i film della Rai erano successi popolari con i telespettatori che aveva in mente, soprattutto in Bengala; Alcuni erano soprannaturali.

Nella sua lettera d’invito al Film and Television Institute of India, Pune, Ray ha detto nel 1974, “… dato che il film costa molto denaro, un gran numero di persone deve guardarlo perché i soldi vengano rimborsati. .. alcuni film La pubblicità era buona, altri erano cattivi … Avevo la mia definizione di brutto film – era un film che non ha raggiunto i suoi obiettivi … ” Incolpare il pubblico per non essere all’altezza del film è inaccettabile per lui. Ha detto: “Questo sarà il cinema dei giovani registi che conoscono il loro lavoro, che ne amano i mezzi, che sono in grado di resistere alle tentazioni dei grandi soldi e del rapido successo, che hanno qualcosa da dire sul loro paese e sulla loro generazione – qualcosa che nasce dalla sensazione di essere radicati qui, e che nonostante abbiano assorbito Bresson, Godares e Anthony, si sono resi conto che devono comunicare non con i francesi e gli italiani, ma con i loro connazionali “.

Questo era direttamente dal suo cuore. Si capisce perché Ray ha elogiato il suo impassibile contemporaneo Ritwick Gatake e registi come MS Sathyu, Shyam Benegal e Adoor Gopalakrishnan, mentre prendeva nota di cautela ad alcuni degli altri esordienti.

READ  Il conduttore televisivo italiano si scusa per i gesti imitatori degli asiatici

Sebbene il pubblico principale della Rai sia costituito da bengalesi istruiti, la sua visione e originalità controllano ogni aspetto del cinema, l’onestà e l’attenzione ai dettagli, e il suo innato senso musicale combinato per creare un prodotto che attrae gli spettatori di tutto il mondo. Ha trasformato il suo stile locale in un’esperienza cosmopolita e ha creato la bellezza anche nel solito. Di conseguenza, la sua influenza nel cinema si è estesa ben oltre le coste del nostro paese.

Nel 1929 Rabindranath Tagore (citato da Chidananda Dasgupta in Satyajit Ray Cinema, 1980) scriveva: “La musica si realizza nel suo flusso di note indipendente, senza l’ausilio delle parole; perché il cinema non scorre con le immagini? Se questo non accade, allora è dovuto alla mancanza di creatività … “Questo mezzo ha dovuto aspettare molto tempo prima che Ray arrivasse con il suo lavoro illuminante. Quando la rivista Time ha commentato Mahanagar che “l’orribile bellezza di Satyajit Ray è una qualità vivida e tangibile, come se il regista indiano avesse trovato un modo per estrarre l’obiettivo dalla telecamera e permettere alla vita stessa di toccare il crudo del film … “, Il recensore esprimeva una realtà profondamente sentita.

Il centenario di Ray dovrebbe fornirci l’opportunità di scoprire questa verità, così come il grande spirito creativo dell’India post-indipendenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *