Missili russi hanno colpito una fabbrica di aerei vicino all’aeroporto di Leopoli nell’Ucraina occidentale | Ucraina

Missili russi hanno colpito un impianto di riparazione di aerei nella città ucraina occidentale di Lviv, a 50 miglia dal confine con la Polonia e rifugio sicuro per centinaia di migliaia di sfollati interni ucraini.

Le esplosioni sono state udite intorno alle 6 del mattino di venerdì, precedute dal suono delle sirene, mentre una colonna di fumo a forma di funghi è stata vista alzarsi nel cielo.

Il sindaco di Leopoli, Andrei Sadovy, ha affermato che l’aeroporto civile non è stato ferito e che le autorità stanno valutando la situazione e pubblicheranno aggiornamenti.

L’agenzia France-Presse ha riferito che sul posto sono accorsi i mezzi di soccorso, mentre gli automobilisti sono stati respinti ai posti di blocco.

L’aviazione ucraina ha affermato che la stazione di riparazione degli aerei è stata bombardata da missili da crociera lanciati dalla direzione del Mar Nero e che altri missili russi sono stati abbattuti dalle difese antiaeree ucraine prima che raggiungessero il loro obiettivo.

Sadovy ha detto che la fabbrica non era operativa al momento dello sciopero e finora non sono stati segnalati feriti.

Secondo i funzionari, i missili – molto probabilmente armi Kh-555 sparate da pesanti bombardieri strategici – non hanno colpito direttamente l’aeroporto Danylo Halytskyi di Lviv, dove, prima che fosse chiuso dopo l’invasione, i passeggeri potevano volare verso più di 50 destinazioni internazionali, compreso Madrid. Londra, Parigi, Milano, Venezia, Catania e Barcellona.

Lviv, un sito del patrimonio mondiale dell’UNESCO, non è stata in gran parte colpita dai bombardamenti russi fino a venerdì, anche se molti dei suoi 700.000 residenti temevano che l’attacco fosse solo questione di tempo.

La città è descritta come un’anima Ucraina Un simbolo del nazionalismo ucraino. I suoi cittadini sono stati tra i più forti sostenitori della secessione del paese dall’Unione Sovietica.

Mappa dell’Ucraina

Dall’inizio dell’invasione russa, Leopoli si è rapidamente trasformata in una città di guarnigione. È il centro del movimento nazionalista nel paese e, grazie al suo aeroporto civile e militare, i residenti sapevano che la città sarebbe stata nel mirino della Russia.

Durante l’avanzata delle truppe russe a Kiev, le ambasciate straniere furono trasferite a Leopoli, dove la città divenne la nuova capitale diplomatica dell’Ucraina e il centro della risposta occidentale.

Qui migliaia di sfollati in cerca di rifugio giungono ogni giorno alla stazione ferroviaria dalle città dell’est decimate dagli attacchi aerei. Ci sono almeno 200.000 sfollati interni a Leopoli, che spingono al limite la capacità della città.

READ  I gemelli californiani nati a 15 minuti di distanza l'uno dall'altro finiscono per avere compleanni separati in anni diversi dopo essere nati il ​​giorno di Capodanno | notizie dagli Stati Uniti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *