Ministro delle finanze: è probabile l’accordo sulla tassazione digitale dell’OCSE

Il ministro delle finanze tedesco si aspetta che gli Stati membri dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico raggiungano entro l’estate un accordo sull’imposizione di una tassa sulle principali società digitali.

Gli Stati membri dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico hanno tempo fino a quest’estate per concordare una tassa. Se non lo fanno, alcuni paesi potrebbero decidere di imporre le proprie tasse.

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico non è riuscita a raggiungere un accordo la scorsa estate dopo che l’amministrazione Trump si è ritirata dai negoziati. Tuttavia, l’amministrazione Biden ha indicato che tornare ai colloqui era un gioco.

Venerdì il ministro delle finanze tedesco Olaf Schultz ha detto alla CBNC durante un’intervista che ora vede un accordo “molto probabile” entro la scadenza estiva. Schultz ha aggiunto di aver recentemente parlato con la nuova segretaria al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen.

“Sono davvero sicuro che giungeremo a un accordo”, Schulze ha detto alla CNBC.

La Yellen ha affermato durante l’audizione al Senato di sostenere una tassa globale sulle principali società tecnologiche e ha affermato che gli Stati Uniti parteciperanno attivamente alle discussioni con gli altri. Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico Stati membri. Le aziende digitali che raggiungono una determinata soglia di entrate saranno tassate.

L’amministrazione Trump si è ritirata dai colloqui la scorsa estate, una mossa che all’epoca avrebbe scioccato i negoziatori europei. Secondo CNBC.

Se entro l’estate non sarà possibile raggiungere un accordo con l’OCSE, la Commissione europea potrebbe decidere di imporre le proprie tasse. La CNBC ha osservato che questo potrebbe essere difficile, poiché l’imposta richiederà l’approvazione unanime di tutti i 27 membri dell’UE.

READ  La brillante Italia di Roberto Mancini dimostra che significa affari mentre l'euro decolla - David Anderson

Alcuni paesi dell’Unione Europea sono già passati a tassare le grandi aziende digitali, tra cui Francia, Italia e Spagna. La CNBC ha detto che la Francia sta già chiedendo il pagamento, mentre la Spagna e l’Italia stanno aspettando di vedere se l’OCSE ha raggiunto un accordo entro la scadenza estiva.

Nel frattempo, anche i regolatori russi hanno preso di mira le società tecnologiche americane.

Come riportato all’inizio di questo mese, i dispositivi che coprono computer e dispositivi mobili venduti in Russia dovranno preinstallare il software russo a partire dal 1 ° luglio, secondo The Hollywood Reporter.

Le nuove normative interesseranno molte delle più grandi aziende tecnologiche del mondo, tra cui Apple e Samsung, richiedendo loro di preinstallare software come il browser Web Yandex e di pagare costi di licenza aggiuntivi.

————————————

Nuovi dati PYMNTS: Report sull’esperienza di pagamento in ambito sanitario – gennaio 2021

Di: L’Healthcare Pay Experience Report, una collaborazione tra PYMNTS e Rectangle Health, si basa su un sondaggio di censimento equilibrato di oltre 2.000 esperienze di pagamenti sanitari dei consumatori e le sfide che devono affrontare. Il rapporto rivela informazioni chiave su come l’offerta di opzioni di pagamento flessibili ed esperienze digitali primarie possa aiutare i fornitori di servizi sanitari a impedire ai loro pazienti di cercare servizi sanitari altrove.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *