Minecraft è stato valutato R in Corea del Sud

Nonostante sia uno dei videogiochi più popolari di tutti i tempi tra i bambini, Maine Craft: Sono stati imposti limiti di età alla Java Edition in Corea del Sud ed è ora considerato un titolo per soli adulti nel paese.

Come ho già detto Corea Herald (Attraverso gamesindustry.biz), Microsoft ha recentemente informato gli utenti di Minecraft in Corea del Sud che avranno bisogno di un account Xbox Live per continuare a giocare. Gli account Xbox Live sono limitati a persone di almeno 19 anni nel paese. Gli utenti hanno aggirato questa restrizione accedendo a Minecraft, che è ufficialmente classificato come 12+ titoli dal comitato di valutazione e gestione dei giochi del paese, con i loro account Mojang, ma Microsoft sembra averlo escluso.

La mossa sembra essere collegata alla legge “Cenerentola” della Corea del Sud, che vieta ai bambini di giocare tra mezzanotte e le sei del mattino. Invece di aggiungere sistemi in grado di identificare quando i bambini stavano giocando tra quelle ore, Microsoft ha deciso invece di cambiare la sua politica in Corea del Sud, consentendo solo a chi ha 19 anni e più di registrarsi per un account Xbox Live.

Maine Craft sito web Aggiornato per includere questo disclaimer: “Per i giocatori sudcoreani, devi avere almeno 19 anni per acquistare e giocare alla versione Java di Minecraft”.

Ovviamente questo passaggio non è andato a buon fine. Il Korea Herald ha riferito che 15.000 coreani hanno firmato una petizione chiedendo l’abrogazione della legge.

Tuttavia, non tutto sembra cupo. Microsoft sta cercando una soluzione. In una dichiarazione fornita a gamesindustry.biz, un portavoce di Microsoft ha dichiarato: “Stiamo procedendo con la migrazione globale degli account Mojang agli account Microsoft per Minecraft: Java Edition anche per i nostri giocatori sudcoreani.

READ  Nintendo rilancia "Mario", "Zelda" e "Wars"

“Stiamo lavorando a una soluzione a lungo termine per i giocatori esistenti e nuovi di età inferiore ai 19 anni in Corea del Sud e avremo altro da condividere su questo entro la fine dell’anno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *