Migliaia di persone si radunano a Londra per prendere parte alla marcia di solidarietà con la Palestina | Londra

Migliaia di manifestanti si sono radunati nel centro della città Londra Solidarietà con il popolo palestinese.

Gli organizzatori hanno stimato che più di 180.000 persone erano ad Hyde Park per le proteste filo-palestinesi di sabato.

Una grande folla ha bloccato il traffico vicino al Victoria Embankment mentre dozzine di agenti di polizia guardavano prima di marciare in Hyde Park.

Potrebbe essere una delle più grandi manifestazioni a favore della Palestina nella storia britannica.

Parlamentari laburisti, attivisti contro la guerra e membri del sindacato hanno tenuto discorsi alla manifestazione.

I manifestanti, che chiedevano una soluzione urgente al conflitto israelo-palestinese, portavano striscioni e graffiti con la scritta “Palestina libera” e “Stop the War”.

Si potevano sentire cantare ad alta voce: “La Palestina è libera”.

Gli organizzatori della protesta, la Palestine Solidarity Campaign, hanno deciso di andare avanti Nonostante l’annuncio del cessate il fuoco venerdì Dopo una campagna di bombardamenti israeliani di 11 giorni che ha ucciso più di 230 persone, gli attacchi missilistici palestinesi hanno ucciso 12 persone in Israele.

L’ex consigliere ombra laburista John McDonnell si è rivolto ai manifestanti filo-palestinesi nel centro di Londra. Parlando su un palco ad Hyde Park di fronte a una folla di migliaia di persone, ha detto: “Sì, il cessate il fuoco è stato negoziato e accogliamo con favore il cessate il fuoco. Ma siamo chiari, non ci sarà cessate il fuoco nella nostra campagna per il boicottaggio, punire lo stato di apartheid israeliano.

READ  L'ufficiale ferito nell'attacco al Campidoglio afferma che il repubblicano è scappato "come un codardo" | Violazione del Campidoglio degli Stati Uniti

Il messaggio è chiaro: non interromperemo la nostra campagna di solidarietà finché non sarà servita la giustizia. Quindi mettiamo in chiaro, niente giustizia, niente pace “.

Gli organizzatori hanno detto su Facebook che vogliono chiedere al governo del Regno Unito di attuare sanzioni contro Israele durante la manifestazione nazionale.

Il governo britannico deve agire immediatamente e smettere di lasciare che Israele agisca impunemente. Devi chiedere la fine delle attuali procedure per l’espulsione di queste famiglie e iniziare a ritenere Israele responsabile di tutte le sue azioni che contribuiscono al crimine dell’apartheid. “” Di fronte ai crimini brutali di Israele, non possiamo restare in silenzio, dobbiamo restare in le strade. “

I manifestanti sono stati visti indossare costumi, maschere e pitture per il viso, mentre altri avvolgevano la bandiera palestinese mentre si dirigevano da Victoria Embankment a Hyde Park.

Quando la folla raggiunse Downing Street, risuonarono i canti di “Boris Johnson, vergognati”.

Ad Hyde Park è stato allestito un palcoscenico improvvisato dove questo pomeriggio verranno pronunciati numerosi discorsi.

“Sono qui perché questo è urgente adesso, e l’occupazione israeliana deve finire adesso”, ha detto Mukatha Ali, 32 anni, da Harrow, a nord-ovest di Londra.

Un altro ha detto, Jake, “Sono solidale con i palestinesi, e così dovrebbero tutti, indipendentemente dalla tua nazionalità. È bello vedere così tante persone che escono a migliaia per sostenere la causa. Vinceremo – la nostra causa sarà ascoltata . “

Tra i gruppi presenti c’erano i rami dell’Unione Nazionale per l’Educazione, la Campagna di Solidarietà con la Palestina e la Coalizione Stop the War.

I manifestanti si sono riuniti anche in altre città del Regno Unito, tra cui Bristol, Peterborough e Nottingham.

READ  Il governatore della California Gavin Newsom deve affrontare una campagna "Non posso sopportare questa menzogna" US News

A Manchester, migliaia di persone si sono riunite a Piccadilly Gardens per un evento organizzato dalla Palestine Solidarity Campaign con la partecipazione di una serie di altri gruppi.

Le proteste si stanno svolgendo anche a Parigi, Dublino e in altre città in tutto il mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *